Il vero motore dell'economia del XXI secolo? L'ingegneria genetica dell'ovocita umano.

Andare in basso

Il vero motore dell'economia del XXI secolo? L'ingegneria genetica dell'ovocita umano. Empty Il vero motore dell'economia del XXI secolo? L'ingegneria genetica dell'ovocita umano.

Messaggio Da animalo il Gio Ago 28, 2014 1:25 pm

Questo tema è inserito nella categoria Discriminazioni perchè man mano che i risultati si spargeranno nel mondo i bambini ed i ragazzi "migliorati" faranno comunità a se, frequenteranno scuole riservate a loro, ed in fin dei conti faranno amicizia solo tra di loro, perchè gli altri, "i non migliorati",  non saranno altro che simpatici animaletti, cari cagnolini.

Presto, parlo di una decina d'anni, sarà possibile acquistare un figlio di sangue su misura, come si fa oggi per gli optional delle automobili.
"Signora lo vuole con gli occhi verdi o preferisce quelli azzurri? El'altezza le va bene 1 e 80 o lo vuole più alto? Quale preferenza Signora per il colore  dei capelli?"
Questa non è fantascienza, già oggi il costo dei lettori del DNA è in progressiva diminuzione e diminuisce pure il tempo necessario per la scansione completa; le tecniche di fertilizzazione in vitro sono ormai ampiamente collaudate e possono essere effettuate da personale che non abbisogna di dottorati per praticarle.
Resta tuttavia un aspetto fastidioso per la donna, e cioè il fatto di sottoporsi a un pugno in pancia ormonale perchè le sue ovaie rilascino qualche decina di ovociti.
Ogni anno che passa vengono riconosciute le funzioni di nuovi geni e si scoprono nuovi metodi per togliere o disattivare i geni "cattivi": ad esempio inserendo in un gene un semplicissimo gruppo metilico (CH3) lo si può disattivare come fosse un interruttore.
Sono già state diffuse le notizie relative a molti geni che possono indicare la predisposizione a malattie vascolari, certi tipi di tumori, si scopriranno i geni che determinano le allergie ecc . Inoltre sono convinto che siano già in corso le ricerche per certe malattie genetiche, come SLA, parkinson, alzhaimer ecc, non certo per curarle ma per estirpale dal genoma.
Ovviamente ci saranno degli stati che emetteranno leggi proibitive in questo campo, e la serva italia, che in questo caso è serva sia dello usa sia del vatic ano, sarà in prima fila.Ma di queste leggi non si terrà alcun conto perchè la massa di denaro messa in circolazione da questo biznisse è enorme , tale da soffocare la voce di papi popi rabbini e maumetti.
La maggior parte dei credenti abbienti in questo caso abbandonerà i loro pastori, perchè la sirena che ti offre, a pagamento, un figlio sano, bello e intelligente (non un mongoloide per intendersi, perchè a quel punto un cagnolino ti può dare un affetto anche maggiore) ha un canto troppo dolce.
Ma ecco che è spuntata la parola chiave: abbiente.
E già, perchè solo chi avrà i soldi potrà avvicinarsi a queste tecniche: estrapolando dai costi di oggi per operazioni semplici come l'inseminazione, sia essa omologa od eterologa, direi che il costo di un figlio in modello base senza troppi optional partirà da 200.000 euro attuali, degenza compresa dopo aver sistemato nell'utero l'ovocita fecondato ed abarthizzato.
Ma i costi, a causa della ricerca necessaria e relativa sperimentazione, aumenteranno notevolmente per un ovocita con una garanzia di QI superiore a 150. Almeno un milione di euro!
Ovviamente saranno necessari esperimenti in vivo, ma questo pianeta presenta un mucchio di angolini in cui potranno essere effettuati senza problemi.
Dimenticavo: operai, impiegati, piccoli commercianti, a maggior ragione disoccupati e precari, insomma tutta la bassa forza non sarà interessata a questa cosa.
Loro continueranno a scopare, sperare che tutto vada bene e scontrarsi con quelle bestie schifose che gli diranno di portare comunque avanti la gravidanza anche se il feto non ha nè braccia nè gambe.

animalo

Messaggi : 238
Data d'iscrizione : 31.07.13

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum