Fecondazione:Consulta, diritto avere figli incoercibile

Andare in basso

Fecondazione:Consulta, diritto avere figli incoercibile

Messaggio Da Verci il Mar Giu 10, 2014 9:22 pm

"La determinazione di avere o meno un figlio, anche per la coppia assolutamente sterile" riguarda "la sfera più intima ed intangibile della persona umana" e quindi "non può che essere incoercibile". E' il passaggio più forte della sentenza della Corte Costituzionale che ha fatto cadere il divieto di fecondazione eterologa in Italia. Le motivazioni, che spiegano il perché della decisione presa dai giudici il 9 aprile scorso, sono state depositate in serata: ora manca solo la pubblicazione del testo in Gazzetta Ufficiale, prevista a giorni, e anche in Italia si potrà ricorrere all'eterologa, una volta ammessa e poi vietata dalla legge 40. 

Nella sentenza scritta dal giudice Giuseppe Tesauro risalta come, in una materia così delicata, il diritto si intrecci con il piano strettamente umano. Non solo la determinazione di avere un figlio è incoercibile a meno che non vulneri altri valori costituzionali, ma la scelta della coppia sterile di "diventare genitori e di formare una famiglia che abbia dei figli" è "espressione della fondamentale e generale libertà di autodeterminarsi". E in tal senso, il divieto, ora dichiarato illegittimo, di ricorrere all'eterologa - cioè la fecondazione con donazione di gameti - "è privo di adeguato fondamento costituzionale". 

Quel divieto ha creato tra l'altro "un ingiustificato, diverso trattamento delle coppie affette dalla più grave patologia, in base alla capacità economica", perché chi poteva permetterselo è andato all'estero per effettuare l'eterologa, mentre chi non aveva i mezzi ha dovuto rinunciare. C'è poi un altro passaggio chiave, in cui l'intera disciplina è messa in relazione con il diritto alla salute, per giungere a una conclusione centrale: non sono dirimenti le differenze tra fecondazione di tipo omologo e eterologo. Già da quando la Corte si è espressa in aprile e in attesa delle motivazioni, sono stati manifestati molti timori rispetto alla possibilità che la sentenza producesse un vuoto normativo. Timori che il pronunciamento definitivo elimina.

La sentenza, infatti, passa in rassegna tutti i 'paletti' contenuti nella legge 40, dalla assoluta gratuità della donazione degli ovuli e degli spermatozoi che non può avere fini economici, all'anonimato del donatore. Un vuoto normativo, quindi, non c'è. In linea generale, premette la Corte, il potere della Consulta di dichiarare l'illegittimità costituzionale delle leggi non può trovare ostacolo nella carenza legislativa: spetta semmai al legislatore, se necessario, porre rimedio. Ma, in questo caso, il complesso di norme che disciplina la materia è organico e i divieti e le sanzioni previsti per l'omologa, sono applicabili direttamente all'eterologa. 

Pienamente soddisfatta la costituzionalista Marilisa D'Amico, che ha difeso in Corte Costituzionale del sì all'abolizione del divieto di eterologa: "E' una sentenza ricca ed equilibrata. La Consulta si è comportata come un giudice coraggioso, che a differenza della politica afferma pienamente i diritti costituzionali e garantisce i diritti dei cittadini. Il pronunciamento della Corte inoltre approfondisce tutta la tematica relativa al diritto alla salute sia psichica che fisica, come avevamo richiesto". Anche per Gianni Baldini, legale che ha seguito la vicenda di una delle coppie sterili, "la cancellazione del divieto di eterologa, ripristina il rispetto del principio di uguaglianza gravemente leso" e fa cadere una "grave discriminazione", pur mantenendo ferma una rete di tutele. Ora il passaggio successivo è mettere in condizione i centri pubblici, e non solo quelli privati, di effettuare l'eterologa e offrire questa possibilità in maniera uniforme in tutta Italia. 

Link
avatar
Verci
Admin

Messaggi : 1022
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fecondazione:Consulta, diritto avere figli incoercibile

Messaggio Da tessa il Mer Giu 11, 2014 10:37 pm

E' che devono vedere se possono andare in manicomio, scusa Verci ma non posso essere d'accordo.
Dunque una signora si appella alla Consulta perchè ha 34 anni e una menopausa precoce, ma vuole un secondo figlio a tutti i costi, ha gia' una bambina.
La signora e il marito vanno in Inghilterra, Spagna, Grecia, Francia, Svizzera per la fecondazione eterologa  ma niente da fare, l'embrione non attecchisce, l'unico posto dove dovevano andare e non sono andati era il manicomio...
La Consulta dice ,va bene hanno ragione, che scherziamo? fuori i soldi dello Stato per soddisfare i capricci perchè i desideri devono diventare diritti.
Gia' lo vedo quello che accadrà , gli annunci sui giornali e in TV : bellissima ucraina di 18 anni, formosa, alta 2 metri, vende ovuli, prendi tre e paga due, ovuli freschi di giornata, disposta a venire in Italia per 250.000 euro a ovulo,tutto scontato...
E poi : muscolosa sudanese disposta per utero in affitto, prendi tre gravidanze e paghi due, ha venti sorelle tutte disposte per affittare l'utero, euro 500mila a gravidanza, disposte a partire subito, tutta la truppa della tribu'...
Verci, ma perchè non se ne vanno tutti al manicomio, scusa ma l'altra volta ho taciuto ma ora volevo dire la mia, mi spiace ma non possiamo essere sempre d'accordo...
avatar
tessa

Messaggi : 747
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fecondazione:Consulta, diritto avere figli incoercibile

Messaggio Da Verci il Gio Giu 12, 2014 2:51 am

Cara Tessa, la Corte Costituzionale ha sancito l'esistenza di un diritto, per di più incoercibile. Ma il diritto, al contrario di quello che scrivi, non significa mercimonio di ovuli o di spermatozoi, perchè si parla "della assoluta gratuità della donazione degli ovuli e degli spermatozoi, che non può avere fini economici...".

Come poi venga poi formalizzata questa precisazione, e quali saranno le procedure da eseguire, sarà comunque un passo successivo, da definire probabilmente attraverso l'emanazione di norme specifiche.

A parte la situazione da te descritta, esistono legittime richieste di coppie che, per la sterilità dell'uno o dell'altra, non possono aver figli propri e trovano nell'ovodonazione o nella donazione di spermatozoi la soluzione ai loro problemi. Si ritiene che da una coppia su 10 a una su cinque sia sterile. Pensare ancora di risolvere la questione attraverso costosi viaggi all'estero, dove la fecondazione eterologa è permessa, creava di fatto - secondo la CC - discriminazioni fra chi si poteva permettere di sostenere certe spese e chi no. Da qui, la necessaria gratuità della donazione e la possibilità di usufruire dei Centri pubblici di PMA, La Consulta, in ogni caso, ha valorizzato la propria decisione poichè la scelta di diventare genitori e di formare una famiglia che abbia anche dei figli, costituisce espressione della fondamentale e generale libertà di autodeterminarsi. E questo vale, secondo i giudici, anche per la coppia assolutamente sterile o infertile che decida di procedere alla fecondazione eterologa.

A tutela delle gravidanze nate da fecondazione, la legge 40 già precisa che  “qualora si ricorra a tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo … il coniuge o il convivente il cui consenso è ricavabile da atti concludenti non può esercitare l’azione di disconoscimento della paternità”, e che “il donatore di gameti non acquisisce alcuna relazione giuridica parentale con il nato e non può far valere nei suoi confronti alcun diritto né essere titolare di obblighi”.  


avatar
Verci
Admin

Messaggi : 1022
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fecondazione:Consulta, diritto avere figli incoercibile

Messaggio Da tessa il Gio Giu 12, 2014 9:48 pm

Caro Verci, sono argomenti specifici da un punto di vista medico e complessi. Non interessano molto perche' la sterilità è di una minoranza delle persone. Sappiamo che le donazioni sono gratuite ma sappiamo anche dei traffici di esseri umani con uccisioni di bambini dopo aver prelevato un rene pagato chissa' quanto dal ricco industriale che ne aveva bisogno.
Ora c' è una differenza pero', un rene si dona, è un atto nobile, altruistico ma nessuno vede la nobilta' e l'altruismo dietro la donazione di spermatozoi e  di ovuli, giochiamo con la vita e la morte, non va bene.
Tutti sanno che non ci vuole niente a donare gli spermatozoi, tanti sanno che a volte si fa "un'inseminazione casalinga" con la partecipazione...di  con qualche compare generoso  e tutto va bene...chissa' da quanti secoli...
Ma la donazione degli ovuli? E' cosi' semplice? Tu non ne parli, se uno lo sa si spaventa.
Allora noi donne nasciamo con 5 milioni di ovuli nelle ovaie, ne maturano solo 500 durante la vita fertile, uno per mese, gli altri muoiono. Difficile spiegare cosa voglia dire maturare, significa che si completa la seconda divisione meiotica e i cromosomi  da 46 diventano 23. Attorno all'ovulo c'è un follicolo, e si pensa che sia piccolo, microscopico, no ,si vede benissimo con l'ecografia, ha 2 cm di diametro, questo si apre, rilascia l'ovulo, le fimbrie della tuba lo acchiappano, nella tube si ha la fecondazione, l'ovulo fecondato poi si annida nell'endometrio dell'utero, inizia la gravidanza. Le cellule del follicolo producono ormoni, estrogeni, progestativi, androgeni.
Tutti sanno quanto soffrono le donne durante il ciclo mestruale, e i seni  si gonfiano, fanno male, l'addome si gonfia, fa tutto male.

Per la FIVET (fecondazione in vitro) ad es si deve stimolare l'ovaio con determinati ormoni ipofisari, FSH, LH e poi con la HCG, cose complesse perche' servono almeno 15 ovuli( contenuti in 15 follicoli) e la stimolazione con iniezioni quotidiane dura 12 gg. I seni scoppiano, l'addome scoppia, l'estradiòlo tocca picchi altissimi, nausea e vomito.
Dopo di che si prelevano gli ovuli per via vaginale , si fecondano, etc, a volte si impiantano a volte no, e si ricomincia e queste donne decise a rigonfiarsi d'ormoni etc.
 Se non va la FIVET si fa l'eterologa e chi  da' l'ovulo? Sono gli ovuli avanzati dalla FIVET. Certo ho letto che una donna diceva, dopo che le era stato richiesto un ovulo, Ah, ma certo come sono felice di donare questo mio ovulo per far felice un'altra donna come sono felice io...e che donava l'abito da sposa? Ma sa che nasce un figlio suo? E che doniamo un paio di scarpe? Ovviamente comincera' il mercato degli ovuli, con la targhetta come per i diamanti, i piu' pregiati, i meno pregiati, se una ricca ereditiera milanese e' sterile, prende una povera ucraina ,  la pompa di ormoni e compra gli ovuli per cento euro.
Non va bene, io non pago le tasse per questo, pagassero di tasca propria.
Il desiderio di vedere con i propri occhi è altrettanto incoercibile  quanto quello di avere bambini, ma tanti giovani gia' hanno una degenerazione maculare e diventeranno ciechi molto presto, tanti sono poveri, rimarranno soli e ciechi, le associazioni ricevono sempre meno aiuti dalla stato, il don Guanella non ha piu' aiuti, il Don Orione neppure, questi giovani ciechi dovranno affrontare il futuro da soli, le cognate non li vogliono, ebbene io do i soldi delle tasse a loro non a quelli che fanno i capricci, e se l'ossessione di avere un figlio è cosi' violenta, una coazione, ci sono gli psichiatri che si occupano di ossessioni , vadano la' 2 volte a settimana ,  parlano e si fanno passare l'ossessione, sennò vanno al manicomio ,fanno prima, mi dispiace, Verci , ma non siamo d'accordo.
Buonanotte.
P.S. Non devo essere d'accordo per forza con la CC
avatar
tessa

Messaggi : 747
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fecondazione:Consulta, diritto avere figli incoercibile

Messaggio Da Verci il Ven Giu 13, 2014 1:09 am

Cara Tessa, non è necessario essere d'accordo con la Corte Costituzionale, ma - nel bene o nel male - quello che essa decide diventa obbligo di legge. E se la legge è anticostituzionale, bisogna poi cambiare la legge o modificarne i contenuti contrastanti con la Carta.

L'infertilità definisce la condizione di una coppia che dopo un anno di rapporti regolari e non protetti non è riuscita ad avviare un gravidanza. Tuttavia, l'OMS preferisce considerare un tempo maggiore, ovvero due anni. La sterilità, invece, è la condizione che stabilisce la definitiva incapacità della coppia ad avviare una gravidanza, anche dopo un iter diagnostico e terapeutico ben codificato.

Se il problema è del partner maschile, la donazione di spermatozoi non richiede particolari problemi tecnici. Se è del partner femminile, viceversa, richiede l'avvio di quella procedura complessa che hai ben descritto. Che poi è la stessa procedura alla quale si sottopone la coppia per una FIVET in caso di problemi del partner maschile (es.:oligospermia) oppure per effettuare la diagnosi pre-impianto nel caso di rischio genetico elevato (nelle patologie ereditarie gravi e nel caso in cui un partner sia portatore di una traslocazione cromosomica reciproca).

La donazione di ovuli può assumere le connotazioni di un gesto altruistico? E' quello che ci dovremmo chiedere. E se anche si comprasse un ovulo, potremmo dire che questo non confligge con la libera determinazione di una scelta che una donna può fare riguardo al destino dei suoi ovuli? Mi rendo perfettamente conto che la tematica rischia di seguire un percorso scivoloso sul versante etico, ma la Corte Costituzionale, prevedendo la gratuità della donazione, per lo meno cerca di evitare la legalità del mercimonio d'ovuli e spermatozoi. Che poi questo, in un modo o nell'altro, esso possa comunque avvenire sottobanco è possibile ed anche probabile in molti casi. Le ovodonazioni, finora praticate solamente all'estero, non erano di certo a costo zero ed è prevedibile che un commercio mascherato dietro la facciata del Centro autorizzato, possa comunque aver luogo anche in Italia.

Sulle diverse associazioni a cui hai fatto riferimento, non posso che convenire. Tuttavia, mettere sullo stesso piano situazioni così differenti mi sembra un pelino una forzatura. Sulle tasse che noi paghiamo, non possiamo di certo decidere la destinazione e tutto affluisce al gran calderone delle diverse imposizioni fiscalii. Con la donazione del 5 x 1000 possiamo essere utili a molte organizzazioni, non ultime quelle che si occupano di situazioni come quelle descritte, oltre a quanto raccolto attraverso campagne di sensibilizzazione. L'esempio della UILDM e di Telethon è a questo proposito significativo.
avatar
Verci
Admin

Messaggi : 1022
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fecondazione:Consulta, diritto avere figli incoercibile

Messaggio Da tessa il Ven Giu 13, 2014 11:48 pm

Caro Verci, la CC sancisce per me  cio' che io non provo. Avere un figlio per me non è un diritto incoercibile, la CC pensasse per sè.
Poi le leggi le fa il parlamento.
Poi c'e' la diagnosi pre-impiano ma l'embrione non si puo' uccidere qui in Italia, qui non ci sono le camere a gas per embrioni. In tutta l'Europa ,se hai notato, nelle ultime elezioni siamo stati i meno cretini, noi siamo patria del diritto. Poi secondo la legge sull'i.v.g. , rispettando la legge, si potra' abortire. Ne discutemmo.
C'e' una sindrome molto grave da iperstimolazione ovarica, di cui si parla spesso, è la OHSS cioe' la Sindrome da iperstimolazione ovarica.
OHSS
Aumento di dimensione  delle ovaie, le ovaie si gonfiano, arrivano a contenere fino a 15 follicoli, le dimensioni  superano i 12 cm
Poi :alterazione dei capillari dell'organismo con passaggio di liquidi dalla spazio vascolare a quello extravascolare, con emoconcentrazione, trombosi, ischemia, distensione addominale, ascite, idrotorace, ipovolemia, caduta pressoria, ridotta perfusione renale, oliguria, insufficienza renale, insufficienza respiratoria e morte.
Ma chi controlla il livello dell'estradiòlo? Dicono fai queste iniezioni per 12 giorni, ma le donne sono monitorate?
Queste donne accettano tutto cio' per un figlio, ripetono  cicli su cicli, e che diamine ,io comincio a pensare che non siano del tutto sane di mente, e andassero alla Caritas a servire il pranzo ai poveri, ma che è un'ossessione?
Poi c'e' il problema della donazione.E che una donna si sottopone a questo tormento per donare un ovulo? e perche'? manco la sorella lo fa per paura di morire. Restano gli ovuli avanzati della FIVET. E da quanti anni stanno la'?
I problemi sono tanti, e di chi è il bambino? Chiamiamo Salomone e glielo chiediamo? E' di chi lo partorisce? No, per me è del genitore biologico.
Ma come fa una mamma a sapere che nel mondo c'e' un bambino suo e non sa che fa, come sta, e che ha donato un cappotto?
Non va bene. La nascita e la morte sono in mano a Dio, ma che ci mettiamo a prendere gli ovuli e appiccichiamo  le targhette, ovulo di moldava bionda, formosa anni 18 prelevato un mese fa, poi ovulo di bruna mediterranea, anni 20, prelevato 30 giorni fa...E secondo te non comincia il mercimonio degli ovuli?
Gia' vedo la poveraccia della Siberia finita qua che viene ricoverata a forza nella clinica di lusso dei VIP e rimpinzata di ormoni per la signora di una dinastia tessile con menopausa precoce, ricompensata con 100 euro e poi buttata fuori a calci,...
Non va bene, ci siamo dimenticati della sacralità della vita.
Buonanotte
avatar
tessa

Messaggi : 747
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Fecondazione:Consulta, diritto avere figli incoercibile

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum