Scrivi la tua opinione nel rispetto del tuo interlocutore
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Maria Antonietta d'Asburgo Lorena.

2 partecipanti

Andare in basso

Maria Antonietta d'Asburgo Lorena. Empty Maria Antonietta d'Asburgo Lorena.

Messaggio Da tessa Sab Nov 19, 2022 5:26 pm

La Conciergerie  é uno degli edifici più carichi di storia e più sinistri di Parigi.
Prima faceva parte di una costruzione dove risiedeva il re di Francia in citta', 
poi divenne una prigione con soffitti bassi, spazi angusti, finestre protette da
sbarre grosse come le braccia di un uomo. In questi luoghi Maria Antonietta
d'Austria e di Lorena trascorse gli ultimi 76 giorni della sua vita, fino al 16 otto
bre 1793. Era precocemente incanutita per i suoi 38 anni e soffriva di menorragie
 molto gravi per cui aveva bisogno di cambiare sempre la biancheria. Aveva lo 
stesso problema dell'emorroissa dei Vangeli, e dopo 1700 anni la scienza non aveva
 fatto alcun passo, dovremo aspettare Pasteur e altri grandi scienziati che hanno
studiato per trovare terapie.(segue).

2a Maria Antonietta aveva subito l'uccisione del marito il 21 gennaio del 1793,
la Repubblica era stata proclamata nel settembre del 1792, ma il dolore più grande lo ebbe
quando le portarono via suo figlio, il Delfino, Luigi Carlo Capeto e affidato a un ciabattino analfabeta
con la moglie per avere da lui un'adeguata educazione repubblicana. La storia del povero Luigi XVII
fu squallida e disgraziata, era maltrattato, denutrito, morì all'eta' di 10 anni. Aveva avuto anche un altro
 figlio maschio
che morì per tubercolosi ossea. La cella di M.Antonietta era di 4x2 m senza un minimo di riservatezza.(segue).

Il processo contro l'ex-sovrana stentava ad andare avanti, la madre  Maria Teresa era stata l'Imperatrice d'Austria e di Lorena
 ma era morta da 15 anni e nessuna potenza straniera si mosse per salvarla. Dunque il processo era
difficile da imbastire, e ne' il ministero pubblico sapeva quale accuse rivolgerle, finché ebbero, diciamo, un colpo di 
fortuna. Il Delfino era affidato a un ciabattino che lo vide una volta intento ai piaceri solitari, lo redargui' e il ragazzo disse che la madre, la Capeto, e una zia paterna gli avevano insegnato tali pratiche, al che il pubblico ministero aggiunse che la ex-sovrana 
e il figlio si erano congiunti carnalmente, derivandone una copula. Il ragazzo dovette anche firmare questo verbale.
D'altronde M.Antonietta viene ricordata come estremamente vorace sessualmente e aveva bisogno di almeno due uomini e due donne al giorno per placarsi. Peggio solo M.Carolina d'Austria e di Borbone.( segue)

Nei giorni successivi M.Antonietta viene interrogata su questioni politiche ad es quanti soldi abbia dilapidato, quanto denaro abbia inviato in Austria ecc, quando le si chiede perchè abbia avuto rapporti col figlio abbassa la testa e dice che non sono do
mande da fare a una madre.

E' ora di sgomberare la cella, il 16 ottobre 1793 le strade di Parigi sono gia' piene di uomini in armi . Le mandano un prete che accetta, e si cambia d'abito essendo tutti gli altri macchiati di sangue per le emorragie continue..Il figlio del boia arriva alle 10, le taglia i capelli che conserva, le taglia il bordo della camicia, e le lega le mani dietro la schiena, Alle 11 arriva la carretta tirata da un solo cavallo, Luigi XVI era andato al patibolo in carrozza, M.Antonietta ci va come tutti gli altri popolani.
Affacciato alla sua finestra il pittore  David traccia pochi schizzi della condannata, che tutti conosciamo, la cuffia in testa, le mani legate, le labbra in un ghigno spento, e quando Danton va anche lui alla ghigliottina scorge David tra la folla e gli grida, servo.  Io preferisco che l'ultima immagine di M.Antonietta sia di 4 schizzi, odio le riprese cinematografiche dei condannati a morte, dalla famiglia Romanov, a quella di Ciano, davvero mi fanno rabbrividire. La testa di M.Antonietta fu sistemata tra le gambe e messa su un carretto e avviata alle fosse comuni. Ma la rivoluzione di Francia non si scatenò solo contro i vivi ma anche contro i morti, furono spalancati i sepolcri e re e regine morti da qualche secolo gettati in fosse comuni. Anni dopo si cercarono le ossa di M.Antonietta per seppellirle vicino al marito. in un immenso ossario qualcuno credette di riconoscere il nastro della cuffia della ex-sovrana , si presero un po di ossa, e furono sepolte accanto a quelle di Luigi XVI.   FINE.


Ultima modifica di tessa il Mer Nov 23, 2022 2:19 pm - modificato 2 volte. (Motivazione : q)
tessa
tessa

Messaggi : 1264
Data d'iscrizione : 30.07.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Maria Antonietta d'Asburgo Lorena. Empty Re: Maria Antonietta d'Asburgo Lorena.

Messaggio Da Pazza di Acerra Gio Nov 24, 2022 11:22 pm

Forse a causa della sua triste fine, Maria Antonietta ha sempre acceso la fantasia popolare, e attorno ad essa sono fioriti miti e leggende, e così ho deciso di riportare qualche curiosità sulla sovrana.
Per iniziare, è bene ribadire subito che non ha mai pronunciato la frase "Se il popolo non ha il pane, che mangi brioches". Non è chiaro da dove sia saltata fuori questa frase, ma è sicuramente apocrifa. Un altro mito da sfamare è quello che la vorrebbe sempre dedita alle gozzoviglie: in realtà non solo la regina amava i cibi semplici ma Maria Antonietta era quasi sicuramente astemia o comunque non una consumatrice abituale di vino. Grazie alle memorie di madame Campan sappiamo che la regina beveva solo acqua di Ville d'Avray, il più delle volte zuccherata. Questa abitudine la seguì anche in prigione: al Tempio si controllava ossessivamente che "lo zucchero della regina" non venisse contaminato dal veleno e persino alla Conciergerie le venne concessa la sua acqua preferita. 
Sebbene non portatissima per lo studio e la scrittura, Maria Antonietta parlava correntemente sia il tedesco che il francese ma anche l'italiano. Alla cosmopolita corte viennese si parlavano le diverse lingue dell'Impero e tra i precettori di Maria Antonietta ci fu persino il famoso poeta Metastasio. Non stupisce quindi pensare a Maria Antonietta intenta a conversare con la sua amica italiana la Principessa di Savoia-Carignano, madame de Lamballe nella nostra lingua o intenta a scambiarsi frasi d'amore- "Tutto a te mi guida" - col suo amato conte di Fersen (anche lui perfettamente in grado di parlare la nostra lingua in seguito al Grand Tour e al prolungato soggiorno a Torino). Tra le arti che maggiormente apprezzò Maria Antonietta senza dubbio la sua preferita fu la Musica. Già alla corte di Vienna lei e i suoi fratelli erano stati indirizzati allo studio di alcuni strumenti e tutti insieme deliziavano spesso la corte e la famiglia imperiale con concerti e rappresentazioni. Una volta arrivata in Francia Maria Antonietta continuò a coltivare questo suo talento. Suonava discretamente sia l'arpa che il clavicembalo ma anche l'arpicordo e la spinetta.
Sappiamo quanto Maria Antonietta amasse i bambini e quanto soffrì durante i primi lunghi anni di matrimonio in cui attese che suo marito si decidesse a fare il suo dovere. Mentre aspettava l'arrivo dei sospirati figli, la regina adottò diversi bambini. Alcuni vissero con lei e i suoi figli a Versailles, mentre altri furono mantenuti agli studi o in convento. Tra i bimbi adottati dalla regina e che vissero con lei a Versailles ricordiamo il piccolo Armand, strappato ad una vita di miseria in campagna e cresciuto a corte, prima di divenire un accanito rivoluzionario. 
Tutto sommato, come succede quasi sempre quando c'è in ballo una donna, Maria Antonietta fu senza dubbio migliore della fama che avrebbe avuto in seguito.

Pazza di Acerra

Messaggi : 31
Data d'iscrizione : 03.09.22

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.