Scrivi la tua opinione nel rispetto del tuo interlocutore
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Come educare bambini e ragazzi a casa e a scuola. I parte.

Andare in basso

Come educare bambini e ragazzi a casa e a scuola. I parte. Empty Come educare bambini e ragazzi a casa e a scuola. I parte.

Messaggio Da Decuius Gio Apr 14, 2022 3:14 pm

Da “Principi di educazione cristiana” di sorella White:

Le verità che formano il tutto devono essere cercate e raccolte “un poco qui, un poco là”. Cfr. Isaia 28:10. Una volta che queste verità sono state cercate e reciprocamente accostate, ci si rende conto che si accordano perfettamente le une con le altre. Ogni vangelo integra gli altri, ogni profezia ne spiega un’altra, ogni verità sviluppa un’altra verità. Ogni principio enunciato dalla Parola di Dio ha il suo compito; ogni fatto ha la sua portata. Questa complessa struttura, sia nel progetto sia nell’esecuzione, testimonia del suo Autore: solo la mente dell’Infinito poteva concepirla e formarla. {PEC 72.3}
Nel cercare le varie parti e nello studiarne i reciproci rapporti, le più elevate facoltà mentali sono chiamate a un’intensa attività. Nessuno può occuparsi di questo studio senza accrescere il proprio vigore mentale. {PEC 72.4}

Nessuna mente finita può comprendere appieno il carattere e le opere dell’Essere infinito. Con le nostre ricerche non possiamo scoprire Dio: l’Essere santo è e rimane avvolto di mistero tanto per gli intelletti più elevati e colti, quanto per quelli più deboli e ignoranti. {PEC 95.1}
La Parola di Dio, simile in questo al carattere del suo Autore, contiene dei misteri che mai potranno essere completamente svelati da esseri limitati. Dio, però, ha messo nelle Scritture sufficienti prove della loro divina autorità. La sua stessa esistenza, il suo carattere, la veridicità della sua parola, sono affermate da testimonianze che convincono la ragione; e queste testimonianze abbondano. Certamente, egli non ci ha tolto la possibilità di dubitare; la fede deve poggiare sull’evidenza e non sulla dimostrazione. Quanti vogliono dubitare, ne hanno l’opportunità, ma chi desidera conoscere la verità, troverà un vasto campo per la sua fede. {PEC 95.2}

Dio vuole che le verità della sua Parola siano sempre rivelate a chi sinceramente indaga. “Le cose occulte appartengono al Signore nostro Dio, ma le cose rivelate sono per noi e per i nostri figli per sempre...”. Deuteronomio 29:29. L’idea che certe porzioni della Bibbia siano di difficile comprensione ha indotto a trascurare alcune importanti verità. È necessario sottolineare il fatto - e ripeterlo spesso - che i misteri della Bibbia non sono tali perché Dio ha cercato di nascondere la verità, bensì perché la nostra debolezza o ignoranza ci impedisce di comprendere la verità e di farla nostra. Il limite non rientra nel suo proposito, ma è posto dalla nostra incapacità.. {PEC 96.1}

Tutto ciò che contribuisce alla salute del corpo, giova anche allo sviluppo di una mente forte e di un carattere equilibrato. Senza salute nessuno può distintamente comprendere o completamente adempiere agli obblighi verso se stesso, verso gli altri e verso Dio. Ne consegue che la salute dovrebbe essere curata con la stessa attenzione del carattere. La conoscenza della fisiologia e dell’igiene dovrebbe costituire la base di ogni impegno educativo. {PEC 110.1}

Nella Scrittura c’è una verità fisiologica sulla quale dobbiamo riflettere: “Un cuore allegro è un buon rimedio”. Proverbi 17:22. {PEC 111.3}

I bambini non dovrebbero essere costretti a rimanere a lungo al chiuso, né dovrebbero essere spinti ad applicarsi intensamente allo studio, sino a che non sia stata gettata una buona base per il loro sviluppo fisico. Per i suoi primi otto o dieci anni, la migliore aula scolastica è il campo o il giardino, la migliore maestra è la madre, il più valido libro di testo è la natura. Anche quando i bambini sono abbastanza grandi da andare a scuola, la loro salute dovrebbe essere considerata di primaria importanza, rispetto alle conoscenze acquisite sui libri. Essi dovrebbero essere soprattutto circondati dalle condizioni più favorevoli allo sviluppo fisico e mentale. {PEC 117.4}

Per rafforzare il legame di simpatia fra insegnanti e allievi, poche cose sono valide quanto la possibilità di trascorrere insieme momenti piacevoli, fuori dell’aula scolastica. In alcune scuole gli insegnanti sono sempre con gli alunni durante le ore di ricreazione: si uniscono ai loro giochi, li accompagnano nelle escursioni, quasi si confondono con loro. Sarebbe bene che quest’abitudine fosse più generalmente seguita nelle nostre scuole. Forse il sacrificio richiesto all’insegnante sarà grande, ma verrà riccamente ricompensato. {PEC 120.1}
Nessuna ricreazione si rivelerà fonte di maggiore benedizione per bambini e giovani, di quella che insegna loro a rendersi utili al prossimo. I giovani, per natura entusiasti e sensibili, sono pronti a rispondere agli incentivi. Per esempio, nel preparare il programma di botanica, l’insegnante cerchi di risvegliare l’interesse per l’abbellimento del giardino, della scuola e dell’aula. Ne deriveranno molteplici benefici. Gli studenti non saranno propensi a rovinare e danneggiare ciò che hanno cercato di abbellire. Si incoraggeranno il gusto per il bello, l’amore per l’ordine e l’abitudine a prendersi cura delle cose. Lo spirito di collaborazione e di solidarietà che si sviluppa in questo modo costituirà una benedizione per tutta la vita. Inoltre, l’interesse per i lavori di giardinaggio e per le escursioni nei campi e nei boschi, li incoraggerà a ricordarsi di quanti non possono godere di tali luoghi e li spingerà a condividere con loro le belle cose della natura. {PEC 120.2}

L’attenzione rivolta alla ricreazione e all’educazione fisica interromperà senz’altro il regolare andamento dell’attività scolastica, però questa interruzione non causerà alcun intralcio. Nel fortificare il corpo, nello sviluppare uno spirito altruistico e nell’unire l’insegnante e l’alunno con vincoli di comuni interessi e amicizia, tempo e sforzi saranno ripagati abbondantemente. Un valido sbocco sarà offerto a quell’irrequieta energia che spesso è fonte di pericolo per i giovani. Come salvaguardia contro il male, l’occupazione della mente con ciò che è buono costituisce una protezione ancora più valida di tante regole e tanta disciplina. {PEC 121.1}
Decuius
Decuius

Messaggi : 450
Data d'iscrizione : 16.07.19

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.