Scrivi la tua opinione nel rispetto del tuo interlocutore
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il comportamento corretto tra i genitori, con i figli e col lavoro.

Andare in basso

Il comportamento corretto tra i genitori, con i figli e col lavoro. Empty Il comportamento corretto tra i genitori, con i figli e col lavoro.

Messaggio Da Decuius Mar Feb 09, 2021 10:43 am

Da Messaggi Scelti (vol. II):

E’ il dovere di uomini e donne agire razionalmente in ciò che concerne il lavoro. Non dovrebbero esaurire le loro energie inutilmente, perché così facendo non solo portano su di sé sofferenze, ma a causa dei loro errori, provocano ansia, astio e sofferenza in coloro che amano. Cos’è ciò che esige tanto lavoro? L’intemperanza nel mangiare, nel bere e il desiderio di ricchezze li hanno condotti verso questo lavoro sregolato. Se l’appetito è controllato e si consuma solo cibo sano, ci sarà un risparmio così grande che gli uomini e le donne non si sentiranno costretti a lavorare oltre le loro forze, violando in questo modo le leggi della salute. Il desiderio di accumulare ricchezze non è un peccato se nello sforzo realizzato di ottenere questo obiettivo, gli uomini e le donne non si dimenticano di Dio né trasgrediscono gli ultimi precetti dell’Eterno, che dettano il dovere dell’uomo verso i suoi simili, né si mettono in una posizione dove è impossibile glorificare Dio nei loro corpi e nel loro spirito, i quali gli appartengono. Se nella fretta di arricchirsi, sovraccaricano le loro energie e violano le leggi del loro organismo, si mettono in una condizione in cui non sono in grado di rendere a Dio un servizio perfetto e seguono una condotta peccaminosa. I beni acquisiti in questo modo si ottengono a prezzo di sacrifici immensi. {MS2 269.1}
Il lavoro duro e l’attenzione che produce ansietà rendono un padre nervoso, impaziente e troppo esigente. Egli non si accorge dell’aspetto stanco della moglie che ha lavorato fino all’esaurimento delle forze. Egli stesso soffre a causa della premura dei suoi affari, perché a causa della fretta di diventare ricco, perde il senso dell’obbligo verso la propria famiglia e non apprezza giustamente la capacità di resistenza della moglie. Spesso ingrandisce la sua azienda, che a sua volta richiede l’aiuto di più lavoratori, e di conseguenza aumentano necessariamente i lavori di casa. La moglie inevitabilmente comincia a rendersi conto che ogni giorno sta effettuando un lavoro maggiore delle sue forze, e tuttavia lavora pensando che i compiti devono essere svolti. Continuamente estrae forze dalle riserve che appartengono al futuro e sta vivendo con un capitale prestato, e nel momento in cui necessita di queste forze non le ha a sua disposizione, e se essa non perde la vita, la sua costituzione resta danneggiata al di là di ogni possibilità di recupero. {MS2 269.2}
Se il padre avesse conoscenza delle leggi fisiche, potrebbe meglio comprendere i suoi obblighi e le sue responsabilità. Vedrebbe la sua colpevolezza nell’aver quasi assassinato i propri figli nel permettere che la madre sopportasse tanti pesi, obbligandola a lavorare oltre le sue forze prima della nascita dei loro figli, al fine di ottenere i mezzi per mantenerli. Poi deve curare i figli durante la loro vita di sofferenza e frequentemente li portano alla tomba prematuramente, senza comprendere che la loro condotta sbagliata ha prodotto un risultato inevitabile. Quanto sarebbe stato meglio per lui aver protetto la madre dei suoi figli dal lavoro spossante e dall’ansietà mentale, e permettere che i figli ereditassero una sana costituzione e dar loro l’opportunità di aprirsi il passo nella vita senza confidare nei beni del loro padre, ma nella propria forza e nel loro dinamismo. L’esperienza che potrebbero ottenere in questo modo sarebbe di grande valore per loro, più delle case e dei terreni acquisiti a costo della salute della madre e dei figli. Per certi uomini sembra del tutto naturale dimostrarsi aspri, egoisti, esigenti e dispotici. Essi non hanno mai imparato l’autocontrollo, infatti non sono disposti a reprimere i loro sentimenti irrazionali, senza rendersi conto delle conseguenze. Tali uomini riceveranno la loro paga nel vedere le loro compagne malate e scoraggiate, e i loro figli che portano i tratti particolari del loro carattere sgradevole. {MS2 269.3}
In ogni matrimonio c’è il dovere di evitare con cura di danneggiare a vicenda i sentimenti. Si dovrebbe controllare ogni sguardo e espressione di malumore e di ira. Si dovrebbe tener conto della felicità vicendevole sia nelle piccole cose come nelle grandi, manifestando una tenera considerazione mediante atti di bontà e piccole cortesie. Queste piccole cose non devono essere trascurate, perché sono importanti per la felicità del marito e della moglie, così come è importante il cibo per sostenere la salute fisica. Il padre dovrebbe incoraggiare la moglie e madre ad appoggiarsi nel suo affetto. Le parole buone, allegre e stimolanti di colui al quale ha affidato la felicità della propria vita saranno per lei più benefici di qualsiasi medicina; e gli allegri raggi di luce che queste parole comprensive porteranno al cuore della sposa e madre, rifletteranno sul cuore del padre i suoi allegri raggi.  {MS2 269.4}
Decuius
Decuius

Messaggi : 310
Data d'iscrizione : 16.07.19

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.