Scrivi la tua opinione nel rispetto del tuo interlocutore
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il motivo delle prove per l’uomo.

Andare in basso

Il motivo delle prove per l’uomo. Empty Il motivo delle prove per l’uomo.

Messaggio Da Decuius Gio Set 17, 2020 8:06 pm

Da La saggezza di 'Abdu’l-bahá - I benefici di Dio all'uomo (testo completo):

Dio solo comanda a tutte le cose; Egli è onnipotente!
Perché, allora, Egli manda prove ai servi Suoi?
Le prove dell'uomo sono di due generi. In primo luogo, le
conseguenze delle proprie azioni. Per esempio, quando un
uomo mangia troppo, rovina la sua digestione; se prende del
veleno, si ammala o muore. Se un uomo gioca, perde il suo
denaro; se breve troppo, perde l'equilibrio. Tutte queste
sofferenze sono causate dall'uomo stesso! Perciò è chiaro che
alcuni dolori sono conseguenza delle proprie azioni.
Vi sono altre sofferenze che piombano sui fedeli di Dio.
Pensate ai grandi dolori sofferti da Gesù Cristo e dai Suoi
discepoli.
Quelli che soffrono di più raggiungono la più alta
perfezione. Coloro che manifestano il desiderio di soffrire per
l'amore di Cristo, devono dar prova della loro sincerità; coloro
che si proclamano pronti a sopportare gravi sacrifici, possono
provare la verità delle loro parole soltanto con le loro opere.
Giobbe dette prova del suo fedele amore di Dio, serbandosi
devoto tanto nella sventura quanto durante la prosperità. Gli
apostoli di Cristo, che sopportarono con fermezza ogni prova
ed ogni sofferenza, non hanno dimostrato la loro fedeltà? Non
fu la loro pazienza la migliore prova?
Caifa visse una vita comoda e felice, mentre la vita
dell'Apostolo Pietro fu piena di tristezza e di sofferenze.
Quale di queste due vite è preferibile? Senza dubbio
sceglieremo lo stato presente di Pietro, perché egli ha la gioia
eterna, mentre Caifa si è acquistato la eterna vergogna. Le
sofferenze di Pietro dimostrarono la sua fedeltà. Le prove
sono benefici che ci vengono da Dio, dei quali dobbiamo
ringraziarlo. L'afflizione e il dolore non vengono sempre per
caso, vengono spesso dalla misericordia divina per il nostro
perfezionamento.
Se un uomo fosse sempre felice, potrebbe dimenticare Dio;
ma quando vengono le disgrazie ed egli è affranto dal dolore,
si ricorderà del Padre che è nei Cieli e che può consolarlo.
Gli uomini che non soffrono non raggiungono la
perfezione. La pianta che il giardiniere ha potato senza
misericordia è quella che, quando viene l'estate, avrà i fiori
più belli e i frutti più abbondanti. L'agricoltore rompe la terra
coll'aratro e da quella terra viene il raccolto più lussureggiante
e più copioso. Quanto più un uomo avrà sofferto, tanto più
grande sarà il raccolto delle sue virtù spirituali. Un soldato
non sarà buon generale fino a che non sarà stato in prima
linea, nella più aspra battaglia, e non avrà ricevuto le più
profonde ferite.
La preghiera dei Profeti di Dio è sempre stata ed è questa:
O Dio! Bramo donare la mia Vita sul sentiero che conduce a
Te! Voglio dare il sangue mio per Te e fare il Sacrificio Supremo!
Decuius
Decuius

Messaggi : 308
Data d'iscrizione : 16.07.19

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.