Ma dico, che...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ma dico, che...

Messaggio Da ART- il Dom Giu 28, 2015 5:03 am

..cazzo di paese è mai questo??

Dopo decenni di supplizio del periodo sinistroidi VS ammasso berlusconiano - legabossiano come minimo ci si aspettava di voltare pagina... invece nei sondaggi ci ritroviamo con una nullità totale come Renzi al 33-34 %, e l'alternativa a questo sarebbero la lega nord trasformata da Salvini in un partito fascista, a circa il 15%, oppure un partito diretto da un esperto di marketing e un fascistoide, che si spaccia per movimento rivoluzionario che cambierà tutto e spaccherà tutti, al 22%. Sullo sfondo Forza Berlusconi crollato al 9-10% dopo che il gran capo ha deciso di defilarsi dalla politica.

Non esiste una sinistra che esprima un capo di governo con peso maggiore del suo lardo e che abbia il coraggio di affrontare problemi seri anche con percentuali stratosferiche di consenso, dall'altra parte invece al posto della destra moderata esistente in tutti i paesi normali ci sono un rottame che cambia natura all'istante in base a chi lo dirige (lega nord) e un pollaio manovrato da due individui saltati fuori dal nulla e con nulla di preciso in testa (5 stelle).

Patetico... mi ha davvero frantumato i cojòns: è una società senza futuro e senza speranze, meglio farsene una ragione e pensare ai fatti propri.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da Rossoverde il Dom Giu 28, 2015 8:01 am

Non poteva che essere così, avendo avuto una sinistra che tutte le volte che aveva la possibilità di governare non faceva altro che fare cose di destra, chiaro che poi un Grillo qualunque riesce a metterti in piedi un movimento con dentro di tutto e di più.
avatar
Rossoverde

Messaggi : 417
Data d'iscrizione : 31.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da ART- il Dom Giu 28, 2015 11:40 am

A me non interessa niente della sinistra e della destra: qualunque sia il motivo ormai c'è solo da ragionare su come campare senza che le decisioni scaturite da un sistema del genere ti danneggino troppo.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da Rossoverde il Dom Giu 28, 2015 1:22 pm

infatti è un sistema degenere , le politiche non vengono fissate dai singoli paesi ma dalla tecnocrazie dell varie banche. Il più bell'esempio lo abbiamo avuto con il gov. Monti, solo politiche NETTAMENTE di dx, appoggiate più dalla sx di Bersani che dalla dx di Berlusconi , che comunque le ha appoggiate, salvo poi, alla fine, aver lasciato il cerino in mano al pd.
avatar
Rossoverde

Messaggi : 417
Data d'iscrizione : 31.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da ART- il Dom Giu 28, 2015 2:05 pm

Scusa la volgarità, ma le "tecnocrazie delle varie banche" è uno slogan che non vuol dire una minchia: a decidere le politiche dei singoli paesi non sono "le varie banche" ma sono sono i loro governi influenzati da svariati soggetti e fattori, tra cui ovviamente anche gli interessi delle lobbies bancarie. Ma qui direi che scopriamo un misto fra l'America e l'acqua calda, non ti pare?

Mi sono convinto definitivamente che non esiste nessuna vera alternativa: invece di menarcela con la politica italiana intera faremo piuttosto meglio a pensare a come sopravvivere senza troppi guai in un andazzo generale che sx o dx o alto o basso con tutta evidenza questo è e questo rimarrà. Semplificando molto il discorso, bisognerebbe trovare il modo di campare "ai margini", dipendendo il meno possibile dalla società in cui siamo immersi: mai come in questo periodo mi sto rendendo conto di com'è importante avere abbastanza risorse da non dover dipendere a tutti i costi dalla pubblica amministrazione, l'INPS, la sanità... da questo paese di merda incapace e mafioso.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da Rossoverde il Dom Giu 28, 2015 3:28 pm

...tra cui ovviamente anche gli interessi delle lobbies bancarie....
quella è la tecnocrazia , la scelta di politiche che a loro modo di vedere portino a casa i debiti e ti impongono le loro scelte politiche bocciandone alcune e promuovendone altre. Risultato: i paesi che hanno fatto i compiti a loro modo è aumento dell'indebitamento e nessuna soluzione dei problemi, quello che è successo e sta succedendo  anche in Italia a partire da Monti, che invece di tassare i redditi aumentando le aliquote marginali irpef , preferì tassare le cose addirittura non nel momento in cui producevano reddito, ma quando non ne producevano per niente e per giunta nel momento della produzione reddito , veniva detassato. Noi da Saturno , forse perchè siamo lontani queste cose le vediamo bene , voi forse perchè ci siete in mezzo non ve ne accorgete.
avatar
Rossoverde

Messaggi : 417
Data d'iscrizione : 31.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da ART- il Dom Giu 28, 2015 7:37 pm

Saturno, a me non interessa niente delle valutazioni personali sulla "tecnocrazia" e tutte queste faccende: avevo proposto tutt'altro argomento.
Boh... lasciamo perdere che è meglio, tanto il forum ormai è praticamente morto.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da Mastro Titta il Mar Giu 30, 2015 11:07 am

ART- ha scritto:Saturno, a me non interessa niente delle valutazioni personali sulla "tecnocrazia" e tutte queste faccende: avevo proposto tutt'altro argomento.
Boh... lasciamo perdere che è meglio, tanto il forum ormai è praticamente morto.

I forum muoiono solo quando chi vi scrive non si sente più libero di farlo, senza discriminazioni o offese. I forum sono luoghi autenticamente democratici, dove ogni opinione vale e nessuna affermazione è pregiudizialmente giusta o sbagliata. Sono luoghi ove si persegue, o almeno si dovrebbe perseguire, il piacere della conversazione, senza la necessità di dover per forza convincere nessuno.
Finchè esisteranno persone così - due basteranno - un forum, da qualche parte, ci sarà sempre.
Per quanto concerne l'argomento di questo topic, il mio parere è il seguente.
La nostra classe politica non viene da Marte. Se è così scadente è perché, in fondo, ad una parte importante della nostra opinione pubblica ha fatto piacere che fosse così. Gli italiani - in linea di massima, ovviamente - non amano essere governati, non vogliono essere comandati, detestano essere diretti. Accettano di buon grado che esistano i "potenti", purchè costoro "paghino dazio" facendo un pochino godere anche loro dei privilegi. Sono vizi che vengono da lontano. Il cittadino romano, anche se miserabile, si sentiva superiore allo schiavo perché costui doveva lavorare ed obbedire al padrone, mentre egli, sedicente "libero cittadino", poteva campare senza far nulla, tranne incensare e lusingare il medesimo padrone e ricevere da lui ricche ceste di provviste alimentari. Essere un uomo libero significa, in sostanza, essere libero dal lavoro, vivere di rendita o di regalie. Poveraccio, per un italiano che affondi la sua cultura nella propria storia, non è solo colui che non ha nulla ma anche colui che per vivere debba faticare molto, privandosi dei dolci piaceri della vita.
Ecco perché, ad esempio, una persona che per diventare ricca ha dovuto lavorare quattordici ore al giorno, al di là delle parole spesso elogiative, non è guardato con la stessa ammirazione e simpatia di colui che è diventato ricco lavorando pochissimo (magari non pagando le tasse) e passa le sue giornate con belle donne in locali notturni. In linea di massima, non abbiamo un'etica del lavoro, non stimiamo ciò che è serio e, in cuor nostro, chi detenga il potere senza approfittarne almeno un pochino ci sembrerebbe mezzo scemo.
Se qualcuno mi chiede se ciò mi piace, rispondo che non mi piace affatto. Ma lo comprendo, perché ne comprendo le ragioni storiche. Per quanto ci sia chi continui a sostenere il contrario, i popoli esistono, perché la storia esiste, esistono i miti, esistono le religioni, esistono i climi e le diverse abitudini, esiste quella che, con termine omnicomprensivo, si definisce cultura e che non è solo quello che sappiamo ma anche e soprattutto quello che non sappiamo di sapere.
avatar
Mastro Titta

Messaggi : 170
Data d'iscrizione : 14.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da Rossoverde il Mar Giu 30, 2015 4:18 pm

ART- ha scritto:Saturno, a me non interessa niente delle valutazioni personali sulla "tecnocrazia" e tutte queste faccende: avevo proposto tutt'altro argomento.
Boh... lasciamo perdere che è meglio, tanto il forum ormai è praticamente morto.
Si lo so a te interessa solo l'Unione Europea, purtroppo per te e non per me, c'è chi s'interessa anche ad altro o ha punti di vista diversi dal tuo e aggiungo per fortuna.
avatar
Rossoverde

Messaggi : 417
Data d'iscrizione : 31.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da ART- il Dom Lug 05, 2015 8:19 pm

Rossoverde ha scritto:
Si lo so a te interessa solo l'Unione Europea, purtroppo per te e non per me, c'è chi s'interessa anche ad altro o ha punti di vista diversi dal tuo e aggiungo per fortuna.

Scusa, veramente scusami se ho cercato di tenere il thread in topic: scusa se sono un povero demente a cui interessa solo l'Unione Europea, praticamente non faccio altro che pensare a questo, anche quando trombo o dormo, e poi sono stupido, brutto, irrispettoso, capiriccioso e naturalmente il cattivone della situazione, una vera macchietta vivente da teatro.

Con questo hai chiuso. Prendi in girio qualcun altro, che io di tempo da perdere con certa gente non ne ho.


Ultima modifica di ART- il Dom Lug 05, 2015 8:24 pm, modificato 1 volta
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da ART- il Dom Lug 05, 2015 8:22 pm

Mastro Titta ha scritto:
Per quanto concerne l'argomento di questo topic, il mio parere è il seguente.

Ho capito, però l'argomento non è come si è arrivati a questa situazione, bensì la situazione stessa. Tu come ti muoveresti?
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da Rossoverde il Dom Lug 05, 2015 8:37 pm

Scusa, veramente scusami se ho cercato di tenere il thread in topic: scusa se sono un povero demente a cui interessa solo l'Unione Europea, praticamente non faccio altro che pensare a questo, anche quando trombo o dormo, e poi sono stupido, brutto, irrispettoso, capiriccioso e naturalmente il cattivone della situazione, una vera macchietta vivente da teatro.

Con questo hai chiuso. Prendi in girio qualcun altro, che io di tempo da perdere con certa gente non ne ho.

Mi dispiace che tu ti veda preso in giro, e che non hai più tempo, peccato eri tanto interessante, e comunque non c'è assolutamente bisogno che tu ti scusi, per certa gente sei persino inconsistente...
avatar
Rossoverde

Messaggi : 417
Data d'iscrizione : 31.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ma dico, che...

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum