"Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

"Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Erasmus il Ven Mag 15, 2015 5:04 pm

Resto convinto che l'UK non uscirà mai dall'UE (fin che dura l'UE, perché potrebbe anche crollare!).
Anzi: come è successo ai tempi di Harold Wilson, il referendum sarà per Cameron ed i suoi sostenitori il modo  pratico per mettere a tacere gli eurofobi dell'UKIP e – soprattutto – i "sovranisti" che si annidano sia tra i Conservatori che nel Labour Party.

Ma dappertutto si intensifica il dibattito sulla possibilità che l'UK se ne esca davvero. Per esempio se Cameron ponesse l'uscita della Gran Bretagna dall'UE come effettiva minaccia in caso di mancata soddisfazione delle ulteriori richieste dell'UK all'UE in quella "rinegoziazione" che Cameron, tronfio del recente successo elettorale, insiste nel dare per certa.

Già in altro thread  Epoch esprimeva l'augurio che l'UK se ne andasse fuori al più presto; mentre invece ART segnalava che l'eventuale uscita dell'UK dall'UE non sarebbe controproducente solo per l'UK stesso, ma danneggerebbe fortemente la politica degli altri partner (compreso l'incremento dell'euroscetticismo).
[Ma io dico: certo, ogni operazione chirurgica non è certo indolore! Ma molto spesso conviene affrontarla per evitare qualcosa di molto peggiore! E sono convintissimo che fin che l'UK non uscirà dall'UE questa non farà il salto di qualità da "confederazione" a "federazione" (da congrega di governi nazionali ad effettivo governo europeo al di sopra dei governi nazionali). Se invece l'UK uscisse e si procedesse davvero a quel salto di qualità, sono sicuro che l'UK chiederebbe di rientrare! Aveva ragione Jean Monnet: "La Gran Bretagna seguirà!" se davvero si procede.  Ovviamente, fin che ci riesce, l'UK frena ed intralcia il procedere. Ma se il procedere diventasse spedito in barba agli intralci britannici, certamente l'UK non resterebbe lasciata indietro!].

Trascrivo un interessante articolo uscito sul giornale britannico "The Guardian"  a firma del nostro ex-primo ministro Enrico Letta.
Letta ritorna alla vecchia idea dell'Europa a due velocità: ossia la necessità che un nucleo di stati-pionieri proceda comunque verso la sempre maggiore integrazione, senza aspettare gli altri, pur lasciando le porte aperte a chi volesse associarsi, ma questa volta a precise condizioni di non venir a ridiscutere l'Unione!
[Insomma: prima un nucleo federale, poi eventuali "annessioni" di nuovi membri che accettino lo statuquo già federale nella sostanza].

L'articolo di Letta è interessante anche per il fatto che Letta si rivolge ai lettori britannici, è con i britannici che vuole entrare in dialogo  (pur sapendo che il suo articolo avrà dei riflessi nei commenti degli opinionisti a livello internazionale).
----------------
Fonte:
http://www.theguardian.com/commentisfree/2015/may/15/rescue-europe-britain-slow-lane-brexit-two-speed-union?CMP=share_btn_fb


We can rescue Europe by letting Britain move into the slow lane 
by Enrico Letta


Brexit would be disastrous, so we need a radical

shake-up: a two-speed Europe 

Friday 15 May 2015 06.59 BST 

Britain’s election result seems destined to revolutionise Europe. The 
outcome will change both the EU agenda and our continent for the 
foreseeable future. It will be a difficult path, filled with risks, 
which will need to be navigated carefully and clear-sightedly. But the 
prize, if we get there, is that we lay the foundations of a new Europe; 
a union which is just, useful and better able to respond to complex 
international challenges, while protecting national interests including 
that of the UK. To avoid Brexit, this new Europe must, I believe, be a 
two-speed Europe.

Following the UK vote, the Brexit referendum is a concrete reality. UK 
citizens will soon face an unequivocal choice: in or out of Europe? 
Brussels cannot stand idly by. On the contrary, it can and must grasp 
the opportunity to change gear and its aspirations. Paradoxically, the 
referendum could furnish EU institutions with exactly what it requires 
to transform the mortal threat of an UK exit into an opportunity for a 
real European rebirth.

Certainly, if the UK does decide to abandon the EU, our history will 
change irrevocably. And the impact will be negative both for the union 
as a whole, and for the UK. Europe risks losing a vital partner who is 
both effective and influential in so many important international 
spheres; from the single market to foreign and defence policy, to name 
two of the most important.

After the long and damaging economic and financial crisis of recent 
years, the possibility of Brexit would be judged by analysts and 
investors as the beginning of the death throes of the European project; 
the dress rehearsal for an imminent and spectacular political failure. 
We are dealing, after all, with the defection of one of the best-
performing countries in a Europe, which, on the whole, is struggling to 
emerge from recession.

It’s impossible to imagine a more competitive Europe without one of its 
most dynamic and economically advanced members. Furthermore, the effect 
of the referendum will not be limited to the actual vote itself, but 
will condition the entire consultation process. It will be like having 
the sword of Damocles dangling over us until referendum day, balefully 
affecting the entire pre-vote debate.

This will happen precisely at a time when effective action by the 
European Central Bank under the guidance of Mario Draghi offers the EU 
a historic opportunity for economic recovery. For this reason, Europe 
cannot afford further inconclusive negotiations or yet more delay in 
making key decisions. The risk of a new political and institutional 
crisis is even greater than an economic one following a UK exit. Brexit 
could inflict chaos, systemic instability in global markets, and 
political and cultural damage. The consequences would be deeply 
unpleasant for everybody, largely because the west is already weakened 
both by its crisis and by the dynamism of emerging economies.

It’s true that UK citizens, in the legitimate exercise of their 
sovereignty, will decide if they want to remain in or leave. It’s also 
true, however, that their decision will alter the destinies of many in 
Europe and beyond. It is therefore legitimate that European leaders 
employ all their diplomatic resources and political ideals to avoid 
Brexit.

Negotiations between London and Brussels will begin shortly. But, 
rather than concentrate on individual and limited areas for discussion 
it would be more useful in my opinion, to propose a radical change of 
aims.

This is the moment to gamble on a more ambitious set of options. As the 
American journalist Ben Smith said of Barack Obama, “when in trouble, 
go big”. For Europe too, now is the time to aim for the skies.

My proposal is to immediately go for a two-speed Europe. In the slow 
track, the current union of 28 member states, with no plans for further 
integration, including the UK as a full and willing member. In the fast 
track, we would have the 19 countries which currently comprise the 
eurozone. This group must accelerate along the road to integration, and 
indeed, widen it to include other policy spheres.

The perfect storm which has in recent years battered the euro and the 
extraordinary difficulties the EU has encountered in trying to regain 
stability has taught us an important lesson. Those countries with the 
same currency must, in addition to monetary union, have more advanced 
forms of economic union to function: a common budget and a single 
fiscal policy for example.

A two-speed Europe would be a win-win solution. It would provide a way 
out of the current political impasse and relaunch the European project.

It would enable the UK to remain linked to the EU, without being 
chained to its federalist agenda. Britain would thus benefit from all 
the advantages that membership of the single market offers beyond 
participating in a political project which is indispensable in an 
increasingly fragmented and multipolar world.

It would also be advantageous for states within the eurozone who would 
finally be able to strengthen their currency while making their union 
more modern, competitive and solid.

------------



Ultima modifica di Erasmus il Sab Mag 16, 2015 11:05 am, modificato 1 volta

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 563
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da ART- il Sab Mag 16, 2015 1:40 am

Erasmus ha scritto:
Trascrivo un  interessante articolo uscito sul giornale britannico "The Guardian"  a firma del nostro ex- primo ministro Enrico Letta.
Letta ritorna alla vecchia idea dell'Europa a due velocità: ossia la necessità che un nucleo di stati-pionieri proceda comunque verso la sempre maggiore integrazione, senza aspettare gli altri, pur lasciando le porte aperte a chi volesse associarsi, ma questa volta a precise condizioni di non venir a ridiscutere l'Unione!
[Insomma: prima un nucleo federale, poi eventuali "annessioni" di nuovi membri che accettino lo statuquo già federale nella sostanza]

E' proprio quello che sostengo, in quanto secondo me è l'unico modo possibile per tentare il salto da confederazione a federazione. In quest'ottica l'UK non è un vero ostacolo, perchè se certi altri decidessero di proseguire da soli non avrebbero comunque modo d'imperdirlo.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Erasmus il Sab Mag 16, 2015 3:00 pm

ART- ha scritto:E' proprio quello che sostengo, in quanto secondo me è l'unico modo possibile per tentare il salto da confederazione a federazione. In quest'ottica l'UK non è un vero ostacolo, perchè se certi altri decidessero di proseguire da soli non avrebbero comunque modo d'imperdirlo.
ART: e chi, tra gli euro-federalisti, non vorrebbe quel che dici?

Occhio però all'ingenuità insita nell'idea che, «se certi stati decidessero di proseguire, non avrebbero comunque modo d'impedirlo».

Non bisogna pensare  che il "sovranismo" significhi solo l'indipentenza assoluta del proprio stato dagli altri!

Da sempre, specie nel caso britannico, (e della specifica "insularità" della Gran Bretagna), il "sovranismo", con la scusa di dover essere pure "preventivo" (e quindi di preoccuparsi che altri non diventi tanto potente da poter esercitare di fatto una qualche egemonia internazionale lesiva dell'indipendenza e sovranità del proprio stato) è associato alla politica di potenza e quindi alla diplomazia tesa in tutti i modi ad impedire la crescita dell'eventuale avversario.
Non dimentichiamo che la Gran Bretagna ha esercitato per quattro secoli il minuzioso controllo sul continente europeo atto ad impedire che un qualche stato diventasse di fatto egemone e troppo "grande" sul continente!
[In particolare, ha fomentato una decina di coalizioni contro la Francia rivoluzionaria prima e bonapartista poi. La culla della democrazia, che sarebbe la Gran Bretagna, in difesa della conservazione  dell'assolutismo  dell'ancien régime!. E poi il ritorno all'alleanza con la Francia contro la crescita della potenza del Reich Guglielmino,. ecc. ecc., fino all'invito a Stalin di accelerare l'ingresso nell'alleanza contro Hitler (invito fatto da Churchill stesso in trasferta apposita a Mosca  ... donde poi il via di Hitler all'Operazione Barbarossa). E Stalin non era certo migliore di Hitler!]

Di sicuro l'UK, se può, continuerà la politica di impedire che qualche "statualità" europea divenga più pesante (politicamente) dell'UK stesso. Ed infatti, se si esamina da vicino la politica britannicam, si può ancora rilevarvi il favorire l'ampliamento dell'UE, l'ingresso in UE di oves et boves (salvo poi prolungare limitazioni alla libera circolazione di bulgari, rumeni ecc. ... e sempre approfittando dei suoi privilegi di "opting-out" (per esempio: non aderendo a Schengen e non accettando la superiorità della Corte di Giustizia dell'UE sulla propria magistratura).
Per non parlare dei (a) veti dove può (per esempio: NO a Verhofstadt (ormai da ben 12 anni!) come presidente della Commissione o come Alto Rappresentante della PESC (e avversione speciale anche a Juncker), NO alle voci "federale", "federalismo", ecc nel testo della "Convenzione sul futuro dell'Unione"; NO a "simboli europei" (inno, bandiera e motto) dentro al Trattato di Lisbona– (e così i simboli valgono solo moralmente –per tutti  tranne l'UK!); e persino NO alla "Carta dei diritti fondamentali dell'UE" che, annessa come parte integrante del trattato di Lisbona, è un altro caso di "opting-out" britannico (*)) e delle (b) "seduzioni" (per così dire) di governi europei con offerta di amicizia particolare – ti Ricordi Blair in Sardegna dal Berluscka e poi la partecipazione italiana alla guerra in Iraq? –  e di agevolazioni commerciali, finanziarie ... e anche diplomatiche in seno ad organismi internazionali (come l'UE ma anche l'ONU).

No ART: se la storia dell'Europa a due velocità è ormai vecchia di decenni e ancora ben lontana come reale prospettiva questo si deve in gran parte proprio alla oculata politica britannica.
Insomma: anche in merito a questa idea l'UK è la classica "serpe in seno".
Invece, proprio come la storia insegna, una Gran Bretagna fuori dall'alleanza degli altri, ha ben meno possibilità di "brigare" in proprio favore e contro la progressiva integrazione degli altri; e alla fine, pur di non perdere definitivamente il treno, chiederà di rientrare!

Ecco che allora, nel frattempo (mentre l'UK stesse per un po' alla finestra), l'UE potrebbe davvero avanzare in modo che un nuovo ingresso sia solo una annessione senza ritrattazione di quanto già costituito
[Mutatis mutandis, qualcosa di analogo è successo con il rifiuto britannico di entrare in CECA e poi la fondazione dell'EFTA quanado i Sei mettevano in piedi la CEE e l'Euratom].

(*)ART: lo sapevi che Cameron ha appena nominato ministro di giustizia quel Michael Gove che, ai tempi dell'uscita della "Carta fondamentale dei diritti" dalla 1ª Convenzione si sbracava (come giornalista del Times) a dirne peste e corna, fino a rivendicare il ritorno in UK della pena di morte per impiccagione?
----------
So bene che non ti convincono queste argomentazioni,  ART!
Sto leggendo dappertutto che il male minore è sopportare l'esistente (ossia rinunciare per ora a progressi in senso federale in cambio della permanenza in UE dell'UK).
Ma io resto tuttavia convinto di due cose: a) L'uscita della Gran Bretagna dall'UE sarebbe, alla lunga, una manna per il continente; ma purtroppo non avverrà mai (se non con il crollo stesso dell'UE, ossia col ritorno a stati disgiunti al punto di non preoccupare la Gran Bretagna); b) L'utilità della partecipazione dell'UK, (che purtroppo difende con le unghie e con i denti il "sovranismo") è il grosso alibi di tanti altri, europeisti a parole quando glielo si chiede esplicitamente, ma sotto-sotto gelosi del proprio potere in patria (come è il caso del nostro ineffabile Renzi!), disposti a farne una questione di "difesa e promozione degli interessi nazionali" pur di non perdere gli enormi privilegi.
––––––––

Cacio sui maccheroni!

L'ultimo "Commentary" di Immanuel Wallerstei – i suoi "Commentaries" escono due volte al mese – riguarda proprio la decadenza dell'importanza politica dell'UK (con un ardito paragone con la decadenza dell'importanza politica dell'Olanda tra il diciassettesimo ed il diciottesimo secolo). Nel parlare dell'attuale e futura situazione dell'UK, l'articolo prende le mosse proprio dalla baldanza di Cameron dopo il recente successo elettorale e dalla sua promessa di referendum (se restare o no in UE).  L'articolo merita una lettura. Va anche notato come, in fondo, nemmeno Wallerstein si accorge che esiste una "Unione Europea"! Nell'esaminare il cambio di politica britannica nel disperato tentativo di conservare l'importanza politica del passato, il cosiddetto "Brexit" non è nemmeno menzionato, sostituito tra le righe col possibile maggiore ritorno all'insularità (ossia maggiore distacco dalla politica dal continente e la nuova ricerca di maggiore affiatamento con gli USA).

Chiudo qui questo post. Lo farò seguire proprio dalla trascrizione dell'ultimo "Commentary" di Wallerstein.
––––––


Ultima modifica di Erasmus il Mar Giu 16, 2015 5:19 pm, modificato 1 volta

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 563
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Erasmus il Sab Mag 16, 2015 6:55 pm

 Erasmus
[...] Chiudo qui questo post. Lo farò seguire proprio dalla trascrizione dell'ultimo "Commentary" di Wallerstein.
                                                 Commentary No. 401, May 15, 2015
                                                     "Post-Britain: Does It Matter?"
 

In the middle of the seventeenth century, the United Provinces (more or less today's Netherlands) was the hegemonic power of the capitalist world-system, which was then geographically smaller. Within this world-system, it was the wealthiest country with the most efficient industrial enterprises. It dominated the trade and finances of this world-system. It had the strongest military.
 

Then it started on its decline as a hegemonic power. And one by one it lost each of these advantages. To salvage as much as it could, it became the junior partner of Great Britain, an aspiring hegemon. The advantage that it held onto longest was its financial dominance. It held onto that until the 1780s. At that point one could have written a commentary entitled "Post-Netherlands: Does It Matter?"
 

The real question then for the Netherlands, as it is today for Great Britain, is for whom does it matter. If one studies the Netherlands since the 1780s, one will notice that it has remained one of the wealthier countries in the world. Life has been more materially comfortable there than for most countries in the world. But in every other way, the Netherlands became irrelevant. It has not been at the forefront of new technology. Yes, it has remained an important hub of world trade but by no means an indispensable one. It cannot impose its geopolitical preferences on other countries. Indeed, very few people even discuss the role of the Netherlands as a geopolitical actor. It has in effect faded into the background, coasting along as a minor beneficiary of the decisions of successive hegemonic powers - first Great Britain, then the United States. Great Britain has now reached the stage at which the Netherlands found itself in the 1780s, the stage of continuing relative wealth and definitive geopolitical irrelevance. The people most worried about this are Great Britain's financial institutions, which until recently still were very powerful structures in the world-system.
 

The Financial Times, which serves more or less as the public voice of Britain's financial elites, ran an editorial on May 5, 2015. Its headline was "After a famous win, the chance to restore the United Kingdom." The "famous win" is of course the unexpected narrow but decisive majority earned by David Cameron and the Conservative Party in the recent British elections. The paper's subheading of the editorial reads: "David Cameron's task is to save the union and stay in Europe."
 

The uncertainty is whether Cameron can accomplish the task. If he can he will extend the power of Britain's financial institutions for another decade or so. But many people, in Great Britain and elsewhere, have other priorities. Saving the union means somehow keeping the Scottish National Party (SNP) from its announced objective of full sovereignty for Scotland. The SNP also did well, very well, in these elections. It won 56 of Scotland's 59 seats in the British Parliament. It is hard to think of a more resounding endorsement by public opinion, especially since the SNP had won only six seats in the prior elections.
 

However, this does not necessarily mean that the SNP would win an independence referendum. But it does give the SNP much bargaining power with Cameron, and they intend to use it. They have in effect a three-step program: (a) obtain right away significantly increased devolution of power within Great Britain; (b) hold a preferably authorized referendum on independence, worded in ways that would maximize a positive vote; (c) become a sovereign state but remain within the European Union (EU) and of course the United Nations. Cameron, and even more his parliamentary delegation, want to minimize step (a), firmly resist the idea of step (b), and never arrive at step (c).
 

If this were his only political problem, Cameron might win easily the struggle with the SNP and "save the union," but it isn't. At the very same time, Cameron is under great pressure to quit the European Union, a so-called Brexit (or British exit). There are said to be 60-100 Conservative members of Parliament who simply want out. In addition, the party dedicated to British withdrawal from the EU, the United Kingdom Independence Party (UKIP), received 12.6% of the vote, to become Great Britain's third party in voting percentages.
 

So Cameron also has an implicit three-step program, just like the SNP. Step (a) is to press the EU to "defederalize" further, allowing Great Britain to exempt itself from even more requirements of membership. Step (b) is to call the referendum he has promised the Conservative Party by 2017, but as late as possible. Step (c) is to defeat the referendum, and thus remain in the EU.
 

SNP's step (a) of significant devolution immediately is unlikely, and step (b) of a referendum, any kind of referendum, even more unlikely, and hence step (c) of a peacefully-negotiated full sovereignty is almost a mirage. Cameron's step (a) of further exemptions from EU requirements is unlikely because of strong resistance from other EU members, and notably Germany. Step (b) of defeating the referendum thereby becomes even more unlikely. And therefore step (c) of a Brexit becomes highly likely.
 

If these appraisals make sense, then the objective of Great Britain's financial elite - save the union and remain in the EU - would be a win on the first and a loss on the second. What would happen then? Would the SNP continue its path of peaceful negotiations, or would public opinion consider moving more forcefully?
 

To see the consequences of a Brexit, we have to turn away from looking at Great Britain and look instead at the rest of the world. The EU is already in difficulty. Its eurozone is facing a possible Grexit (Greek withdrawal) which, if it occurs, could well lead to an unraveling of the eurozone altogether. In addition, public opinion in more countries than Great Britain has become less and less enthusiastic about the EU and parties calling for a withdrawal are gaining strength. And the EU is divided about how to respond to Russia's reaffirmation of its political role in Europe, especially in relation to Ukraine. Adding a Brexit to this mix of difficulties might be just too much for the EU. The EU and the eurozone are a house of cards, which might simply collapse.
 

However, a further crumbling of the EU, a fortiori its dissolution, would have consequences throughout the world. The United States, no longer an unquestioned hegemonic power, already can no longer count on the military support of Great Britain, which for the United States is a quite untimely development. This pushes the United States, or at least President Obama, even more urgently to seek a deal with Iran. This priority of Obama in turn pushes Saudi Arabia even more actively to delink from the United States and pursue a de facto anti-Iranian alliance with anyone and everyone, as King Salman is making very clear. And this in consequence strengthens further the geopolitical reassertion of Russia, with China perhaps deciding to become a geopolitical power broker in West Asia.
 

And let us not forget the parlous state of the world-economy, despite insistence on all sides that the world-economy is overcoming its difficulties. This public optimism is another mirage that may not last too much longer. To go back to the beginning of this analysis, Cameron should savor his unexpected victory in the British elections because he (and Great Britain's financial elites) may actually come to regret it - quite soon.
 

by Immanuel Wallerstein
______
 

FBC Office/ Kelly Pueschel
Fernand Braudel Center
Binghamton University
​​

PO Box 6000
Binghamton, NY 13902

-------------

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 563
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da ART- il Dom Mag 17, 2015 7:25 pm

Erasmus ha scritto:
Da sempre, specie nel caso britannico, (e della specifica "insularità" della Gran Bretagna), il "sovranismo", con la scusa di dover essere pure "preventivo" (e quindi di preoccuparsi che altri non diventi tanto potente da poter esercitare di fatto una qualche egemonia internazionale lesiva dell'indipendenza e sovranità del proprio stato) è associato alla politica di potenza e quindi alla diplomazia tesa in tutti i modi ad impedire la crescita dell'eventuale avversario.

Di sicuro l'UK, se può, continuerà la politica di impedire che qualche "statualità" europea divenga più pesante (politicamente) dell'UK stesso. Ed infatti, se si esamina da vicino la politica britannicam, si può ancora rilevarvi il favorire l'ampliamento dell'UE, l'ingresso in UE di oves et boves (salvo poi prolungare limitazioni alla libera circolazione di bulgari, rumeni ecc. ... e sempre approfittando dei suoi privilegi di "opting-out" (per esempio: non aderendo a Schengen e non accettando la superiorità della Corte di Giustizia dell'UE sulla propria magistratura).
Per non parlare dei (a) veti dove può (per esempio: NO a Verhofstadt (ormai da ben 12 anni!) come presidente della Commissione o come Alto Rappresentante della PESC (e avversione speciale anche a Juncker), NO alle voci "federale", "federalismo", ecc nel testo della "Convenzione sul futuro dell'Unione"; NO a "simboli europei" (inno, bandiera e motto) dentro al Trattato di Lisbona– (e così i simboli valgono solo moralmente –per tutti  tranne l'UK!); e persino NO alla "Carta dei diritti fondamentali dell'UE" che, annessa come parte integrante del trattato di Lisbona, è un altro caso di "opting-out" britannico (*)) e delle (b) "seduzioni" (per così dire) di governi europei con offerta di amicizia particolare – ti Ricordi Blair in Sardegna dal Berluscka e poi la partecipazione italiana alla guerra in Iraq? –  e di agevolazioni commerciali, finanziarie ... e anche diplomatiche in seno ad organismi internazionali (come l'UE ma anche l'ONU).

No ART: se la storia dell'Europa a due velocità è ormai vecchia di decenni e ancora ben lontana come reale prospettiva questo si deve in gran parte proprio alla oculata politica britannica.
Insomma: anche in merito a questa idea l'UK è la classica "serpe in seno".
Invece, proprio come la storia insegna, una Gran Bretagna fuori dall'alleanza degli altri, ha ben meno possibilità di "brigare" in proprio favore e contro la progressiva integrazione degli altri; e alla fine, pur di non perdere definitivamente il treno, chiederà di rientrare!

Ecco che allora, nel frattempo (mentre l'UK stesse per un po' alla finestra), l'UE potrebbe davvero avanzare in modo che un nuovo ingresso sia solo una annessione senza ritrattazione di quanto già costituito
[Mutatis mutandis, qualcosa di analogo è successo con il rifiuto britannico di entrare in CECA e poi la fondazione dell'EFTA quanado i Sei mettevano in piedi la CEE e l'Euratom].

Me ne rendo perfettamente conto, ma qui parliamo di un caso diverso: gli stati che decidessero di procedere seriamente verso l'unificazione non sarebbero obbligati a farlo all'interno del quadro di regole comunitarie attuali nè potrebbero essere fermati con la forza, per questo la Gran Bretagna "brigherebbe" quanto vogliamo ma comunque invano. Non se il discorso sostanziale del nucleo fosse: "Noi abbiamo deciso di fare così e procederemo, non siamo disposti ad aspettare oltre": a quel punto l'UK potrebbe farci ben poco a parte pressioni diplomatiche, piagnistei e lamentele più o meno formali, questo allo stesso modo da dentro o fuori l'UE. In ogni caso si ritroverebbe comunque davanti al fatto compiuto.

Erasmus ha scritto:(*)ART: lo sapevi che Cameron ha appena nominato ministro di giustizia quel Michael Gove che, ai tempi dell'uscita della "Carta fondamentale dei diritti" dalla 1ª Convenzione si sbracava (come giornalista del Times) a dirne peste e corna, fino a rivendicare il ritorno in UK della pena di morte per impiccagione?

Non lo sapevo e non mi stupisce proprio...
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Epoch il Lun Mag 18, 2015 7:52 am

Erasmus ha scritto:
......
Ma io resto tuttavia convinto di due cose: a) L'uscita della Gran Bretagna dall'UE sarebbe, alla lunga, una manna per il continente; ma purtroppo non avverrà mai (se non con il crollo stesso dell'UE, ossia col ritorno a stati disgiunti al punto di non preoccupare la Gran Bretagna); b) L'utilità della partecipazione dell'UK, (che purtroppo difende con le unghie e con i denti il "sovranismo") è il grosso alibi di tanti altri, europeisti a parole quando glielo si chiede esplicitamente, ma sotto-sotto gelosi del proprio potere in patria (come è il caso del nostro ineffabile Renzi!), disposti a farne una questione di "difesa e promozione degli interessi nazionali" pur di non perdere gli enormi privilegi.
.......

Mi trovi d'accordo, ma l'uscita della UK dall'unione avrebbe un grosso effetto collaterale. Quello del creare un precedente, utile ad altri "eurofobi" per fare leva sulla possibile uscita del loro Stato di appartenenza...

Sembra che in qualunque caso non ci sia una soluzione completamente pulita della questione.

Comunque continuo a pensare che aver fissato il referendum in una data così lontana (2017), ha tanto il sapore di una pura minaccia.
avatar
Epoch

Messaggi : 620
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Erasmus il Dom Giu 21, 2015 12:16 pm

Erasmus ha scritto: [...] L'uscita della Gran Bretagna dall'UE sarebbe, alla lunga, una manna per il continente; ma purtroppo non avverrà mai. [...]
Secondo un recente sondaggio, il 66% dei "Britons" è per continuare a stare in UE e il 22% per uscire. [12% di incerti].
Inoltre, la netta maggioranza degli intervistati non crede che Cameron riuscirà a rinegoziare con l'UE nuovi vantaggi.

Insomma: la maggioranza dei britannici ragiona con la testa sul collo!, [in barba agli annunci eclatanti dei media e di certi politicanti].

[Sono pronto a scommettere che in vista del referendum il governo farà propaganda per restare in UE.]

[Inciso, sempre a proposito delle posizioni governative a riguardo del refderendum per restare o no  nell'UE. Qualche giorno fa ai Comuni si discuteva la legge elettorale con cui si farà il referendum. Cameron presenta un testo nel non figura alcun divieto che il Governo  partecipi alla campagna pre-elettorale esprimendosi in un senso o nell'altro. Ma i "contrari a restare in UE" del suo stesso partito presentano un emendamento secondo il quale il governo, per un buon lasso di tempo anteriore al referendum (cioè in piena campagna elettorale) dovrebbe starsene zitto garantendo in tal modo la assoluta sua neutralità. L'emendamento sta per passare col favore  di molti conservatori. E' l'occasione buona per l'opposizione di "battere" il governo Cameron! Ma non succede così! I labouristi  escono in massa dal parlamento per salvare Cameron! Comportamento (secondo me) ... "ipocrita"! In quanto  stanno "all'opposizione", se fossero rimasti in aula avrebbero votato anch'essi l'emendamento che avrebbe "battuto" il governo.  La loro uscita per non essere conteggiati – le percentuali di favorevoli, contrari e astenuti si calcolano solo sui presenti – ha reso possibile il salvataggio di Cameron: emendamento respinto respinto col voto determinante del Partito Nazionale Scozzese (notoriamente favorevole alla rimanere della Scozia in UE).


Trascrivo un trafiletto da EUobserver.com (scelto tra le "News in brief").]

Fonte ––> https://euobserver.com/tickers/129200 
Brits back EU membership by three to one, suggests pol
19 Jun, 15:58



Britons would back continued EU membership by a three to one margin, according to an Ipsos MORI poll published Friday. 66 percent of respondents would vote to remain members and 22   percent would vote to quit. However, only 38 percent believe David Cameron will secure a "good deal" in negotiations.
––––––––––


_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 563
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da ART- il Mar Giu 14, 2016 6:02 pm

Siamo a pochi giorni dall'evento. Si susseguono sondaggi e controsondaggi all'interno di una campagna che in UK, stato in cui la conoscenza del funzionamento della Comunità europea e della sua storia sono scarsissimi, è giocata dagli oppositori dell'usicta in prevalenza sui temi economici e dai favorevoli in prevalenza sull'imigrazione (questi ultimi innegabilmente con trovate sporche di ogni genere: basta pensare, per citare un esempio fra tanti, che The Sun - il celebre tabloid di Rupert Murdoch fonte principale della disinformazione in tema europeo in Gran Bretagna - è addirittura arrivato a dichiarare che la regina sarebbe favorevole all'uscita, anche se poi è stato costretto a rettificare la xxxxxxxxx).

I sondaggi commissionati privatamente e quelli telefonici, generalmente più affidabili, danno i no all'uscita in maggioranza del 55 - 52 % circa, mentre quelli dei giornali e quelli on-line la parità o risultati opposti ai primi, fermo restando che qualunque sondaggio è da prendere con estrema cautela e che niente è detto fino al 23.

Personalmente continuo a pensare che nè al Regno Unito nè al resto dell'UE convenga la separazione, al primo per motivi fin troppo evidenti e all'altro perchè questo evento sarebbe un'occasione magnifica e storica per il blocco eurofobo e nazistoide suo alleato [che piaccia o meno "euroscettici" ed estremisti di destra la pensano allo stesso modo in tema Europa, cosa che dovrebbe far riflettere] per dare il colpo di grazia al processo d'integrazione europea, e di conseguenza anche alla sola speranza residua di cambiare registro in Europa.

Non condivido l'ottimismo di chi pensa che in caso di brexit lo shock potrebbe essere sfruttato per dare una spinta al processo d'integrazione, in senso federale o comunque come passo concreto avanti rispetto ad ora in quella direzione: purtroppo la crisi economica e l'ondata d'immigrazione che abbiamo dovuto affrontare in questi ultimi anni hanno creato un ambiente tutt'altro che favorevole a questo, con l'avanzata in ogni stato di movimenti neofascisti e forcaioli, rigorosamente antieuropeisti o nel migliore dei casi del tutto indifferenti alla questione.
Oltre a questo non è minimamente realistico pensare ad azioni concrete in direzione del progresso dell'unità europea da parte di governanti come Merkel ci-vuole-più-Europa-ma-facciamo-il-contrario-di-quanto-servirebbe-per-averla, Hollande l'uomo-che-non-esiste o Renzi dico-tutto-e-il-contrario-di-tutto.

Ragion per cui spero che non escano, perchè anche se le conseguenze che si troverebbero ad affrontare a quel punto diventerebbero affari esclusivamente loro questo evento colpirebbe anche noi, lontani dal poter tentare con successo salti federali, mettendoci davanti a un periodo di instabilità, regresso e di potenziali catastrofi a medio termine.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Erasmus il Mer Giu 15, 2016 1:54 pm

Caro ART,
             non sto qua a ripeterti le ragioni per cui io sono convinto che quanto prima l'UK andrà fuori dai piedi [da questo tipo di UE  ancora troppo "confederale", anche e proprio per la pesante appartenenza all'UE dell'UK, meglio sarà per l'UE e, in prospettiva (se l'UE aumentasse le probabilità di diventare federale) per il mondo intero. [Pensa semplicemente al peso politico che avrebbe in ambito ONU!]. E meglio, alla lunga, sarebbe anche per i Britannici: perché finalmente potrebbero misurare quanto idiota è la loro spocchiosa presunzione di restare, a livello internazionale, "più uguali" degli altri europei.
Le ragioni del vantaggio per tutti del "Brexit" le puoi ri-leggere nei mio precedente post.
Non accetto la speranza che l'UK resti in UE per evitare "l'effetto-domino", ossia il reischio che altri ne seguano l'esempio.
Anzi: fuori dai piedi chi sta in UE con la stessa mentalità dei governi britannici!
Ma – mi si dirà – non si tratta nemmeno di questo, bensì dell'aumento di popolarità degli euro-fobi che insisteranno nel esibire i vantaggi che ci sarebbero nell'imitare  imitare "quei furbi di inglesi".
Allora dico: chi è causa del suo mal pianga sé stesso!
Se gli europei, in maggioranza, continueranno a rifiutare l'integrazione politica, peggio per loro. Ai  federtalisti, come altre volte, non resterà che "l'amara soddisfazione di aver fatto il loro dovere!» (parole di A. Spinelli quando cadde in Francia il progetto CED).


Io sono pronto a scommettere 100 €  contro 1 € che, purtroppo, la serpe in seno (che ha già avvelenato forse definitivamente alcuni stati membri e – si spera– non definitivamente  tutti gli altrii, Germania compresa) resterà in seno! 


Dico "cento a uno" per due motivi:
a) Perché sono convinto che, alla fine, prevarrà nei cittadini comuni il calcolo dei benefici immediati del restare in UE; e negli "animali politici" (come Cameron ed i ministri del suo "entourage") l'impellente bisogno di esserci per poter frenare meglio.
b) Perché sarei ben felice di pafare i 100 € se perdessi la scommessa. Voglio dire: come uno paga per godersi un divertimento/un piacere, così io sarei ben contento che il piacere di rivedere l'UK fuori dell'UE mi costasse solo 100 euro!
––––––––


A parte gli scherzi, leggiamo un po' che dice EUosserver.com a proposito dei pronostici dell'esito del referendum.


1  
Polls predict UK will vote to leave the EU
BRUSSELS, 14. JUN, 09:29 – As polls suggest new momentum for Leave camp, the Bank of England is getting ready for the potential financial repercussions of Brexit. Read on »

2
In and Out camps present Brexit scenarios
BRUSSELS, 15. JUN, 09:29 – Economy and migration dominate the debate, a week before the referendum. Read on »
––––

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 563
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Verci il Gio Giu 16, 2016 8:33 pm

Quanto influirà questo omicidio sull'esito della votazione?

Gb, uccisa deputata laburista Jo Cox. Fermato un uomo. Media: "Gridava Britain first"

Helen Joanne Cox, 41 anni, è stata colpita a coltellate e colpi d'arma da fuoco a Birstall, alle porte di Leeds, nello Yorkshire. Soccorsa in condizioni critiche, è deceduta poco dopo. Arrestato un inglese di 52 anni, Tommy Mair, che abitava in zona. Secondo i media inglesi, l'aggressore le avrebbe gridato parole nazionaliste. Contraria alla Brexit, la parlamentare si era occupata di temi legati ai più deboli e all'accoglienza dei rifugiati siriani. Sospesi i lavori degli opposti comitati referendari sulla Ue. Il marito Brendan: "L'odio è velenoso"

di SIMONA CASALINI

Accoltellata più volte, poi raggiunta da tre colpi d'arma da fuoco, l'ultimo vicino alla testa. Così è stata uccisa la deputata britannica laburista, Helen Joanne Cox, aggredita da uno sconosciuto, in un tranquillo villaggio, Birstall, alle porte di Leeds, nel West Yorkshire. Sul perchè di tanta violenza contro la giovane deputata ancora la polizia è cauta. Secondo l'Independent e altri media inglesi, un testimone ha raccontato che l'aggressore prima di colpirla avrebbe gridato: "Britain first", "prima di tutto la Gran Bretagna", che è anche nome di una formazione politica inglese di estrema destra.

La parlamentare, 41 anni, è stata aggredita intorno alle 14, ore italiana, nelle vicinanze della biblioteca di Birstall, località nel cuore del suo collegio elettorale. Soccorsa e ricoverata in ospedale, le sue condizioni sono apparse subito disperate. A metà pomeriggio è stata dichiarata morta.[/size]

Gran Bretagna, la deputata laburista Jo Cox


[*]

L'aggressore è un inglese, che è stato fermato poco dopo. E' stato identificato come Thomas Mair, detto Tommy, 52 anni, residente nella zona. Il Daily Mirror online ne pubblica una foto in cui appare in mimetica e con un berrettino da baseball beige in testa. Ma fino a tarda sera non è emerso alcun movente preciso. La polizia ha chiarito che ancora sono in corso indagini, ma che, in relazione all'aggressione, non c'è nessun altro ricercato.

In passato la deputata si era occupata di temi legati al conflitto siriano e della questione migranti, sempre dalla parte dell'accoglienza. Si era anche schierata a favore dell'intervento militare britannico in Siria, in aperto dissenso con il leader del suo partito, Jeremy Corbyn, che oggi si dice "scioccato".


Gb, deputata uccisa: l'arresto dell'aggressore



La Cox, che aveva anche lavorato per Oxfam e Save the Children, si trovava nella sua circoscrizione per il consueto incontro con gli elettori. Nel tweet bloccato al primo posto del suo profilo così scriveva contro Brexit: "L'immigrazione è una preoccupazione legittima ma non è una buona ragione per lasciare l'Europa"

Immigration is a legitimate concern, but it's not a good reason to leave the EU@yorkshirepost #Remain #StrongerInhttps://t.co/FSsu8ggZTn
— Jo Cox MP (@Jo_Cox1) 10 giugno 2016

Madre di due figli, laureata a Cambridge, e da sempre impegnata per i più deboli, Jo Cox è stata eletta per la prima volta deputata lo scorso anno per la circoscrizione di Batley e Spen. Nel suo discorso di insediamento al Parlamento aveva da subito chiarito da che parte stava: "La regione che rappresento è stata profondamente arricchita dall'immigrazione, sia che si tratti di cattolici irlandesi o di musulmani provenienti da Gujarat in India o dal Pakistan. Mentre noi celebriamo la nostra diversità, quello che mi sorprende di volta in volta quando giro in quei territori è che siamo molto più uniti e abbiamo tante cose in comune l'un l'altro, molto più di quelle che ci dividono ". E lì dove era nata e dove aveva iniziato la sua promettente carriera politica tornava sempre, e in quegli stessi luoghi è stata uccisa, sotto gli occhi di molti testimoni, tra conoscenti e amici.



All'inizio si era parlato di una lite tra due uomini, in cui si sarebbe intromessa. Un altro testimone, Hithem Ben Abdallah, aveva subito raccontato ai media britannici di aver visto persone correre in strada, in direzione della biblioteca, e di aver sentito almeno due spari. Ha notato un uomo che indossava "un berretto da baseball bianco sporco", che ha iniziato a "spintonarsi con qualcuno" e poi le ha sparato tra due auto. "Sembrava avesse una pistola vecchia, come se fosse della prima guerra mondiale o 'artigianale'. Non il genere di pistola che si vede normalmente", ha aggiunto Abdallah. La donna è rimasta per alcuni minuti a terra, in attesa dell'ambulanza che l'ha poi trasportata in ospedale. Ma era già gravissima, in un lago di sangue, e con almeno una profonda ferita sulla testa.






Il primo ministro David Cameron, appena informato dell'accaduto, ha espresso "profonda preoccupazione per il terribile attacco" e ha cancellato il suo comizio pro Ue in programma in serata a Gibilterra. Anche il sindaco laburista di Londra, Sadiq Khan si è detto "scioccato", ha definito la Cox una deputata "brillante" e, soprattutto, "un'amica".

Dopo l'agguato, gli opposti schieramenti  nel referendum del prossimo 23 giugno sulla permanenza della Gran Bretagna nella Ue hanno subito sospeso le rispettive campagne. L'annuncio dello stop è arrivato via twitter sia dal movimento "Stronger in Europe", che dall'ex sindaco di Londra Boris Johnson per il fronte del "Leave". E l'intero paese ora è sotto shock, "una tragedia", scandisce il primo ministro. E messaggi di cordoglio arrivano da tutti i paesi. 


Gb, morta la deputata Jo Cox: l'annuncio della polizia




Prendono le distanze dall'accaduto gli aderenti al gruppo politico "Britain First": "I media stanno disperatamente cercando di coinvolgerci in questo fatto. Britain First chiaramente non è coinvolto e non incoraggerebbe mai un comportamento di questo tipo", scrivono sul loro sito.

Gb, Franceschini: "Paese sotto choc, l'orrore condizionerà il voto per Brexit"




Brendan Cox, il marito di Jo Cox che appena saputo del ferimento ha twittato una foto di lei sorridente sulle rive del Tamigi, ha ricordato così la moglie: "Una donna che credeva in un mondo migliore e che lottava a questo scopo ogni giorno della sua vita con energia e una grinta per la vita che sfiancherebbero la maggior parte delle persone". L'uomo, che con la deputata laburista condivideva anche l'impegno politico e insieme ieri avevano partecipato a una sorta di battaglia navale contro Brexit e Nigel Farage, ha affidato a una nota diffusa alla stampa il suo ricordo. "Ora è il tempo di lottare contro l'odio che l'ha uccisa", ha aggiunto Brendan Cox, già consulente dell'ex primo ministro Gordon Brown.

pic.twitter.com/mPOaytowxN
— Brendan Cox (@MrBrendanCox) 16 giugno 2016

"Oggi inizia un nuovo capitolo delle nostre vite. Più difficile, più doloroso, meno allegro, meno pieno d'amore. Io e gli amici di Jo e la sua famiglia lavoreremo in ogni momento delle nostre vite per amare e far crescere i nostri figli e per lottare contro l'odio che l'ha uccisa". "L'odio - ha concluso - non ha credo, razza o religione. L'odio è velenoso".
avatar
Verci
Admin

Messaggi : 1002
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da ART- il Sab Giu 18, 2016 7:28 pm

Erasmus ha scritto:
Se gli europei, in maggioranza, continueranno a rifiutare l'integrazione politica, peggio per loro. Ai  federtalisti, come altre volte, non resterà che "l'amara soddisfazione di aver fatto il loro dovere!» (parole di A. Spinelli quando cadde in Francia il progetto CED).

Quello che temo è proprio che l'evento vada ad aiutare il già troppo seguito dicorso del rifiuto dell'integrazione europea.

Erasmus, dobbiamo tener presente che non tutti sono ferrati come noi di storia e faccende europee, e fossero anche genericamente europeisti anche chiari gli obiettivi da perseguire o i modi per farlo: anche solo per il risalto che avrebbe un evento come un'uscita di uno stato dall'UE, che sia la Gran Bretagna o chiunque altro, in un periodo come quello attuale, dopo il botto della crisi economica e dopo tutto il casino che sono riusciti a combinare con la Grecia, con neonazi ed estremisti vari che aumentano i consensi ovunque, una cosa simile rischia di essere l'elemento che decreterà la fine di ogni speranza di unire l'Europa... per semplice abbandono della speranza di poterci arrivare da parte di quasi tutti. L'UK ha avvelenato quanto vuoi ma ora il problema ha una radice diversa: sono la paura generata dalla crisi, dal terrorismo e dall'immigrazione che bloccano tutto, favorendo anche l'ascesa al potere di estremisti e governanti che non vogliono neanche sentir parlare di unità europea. Possiamo sforzarci quanto vogliamo di far presente che tutti questi problemi sarebbero molto più facili da affrontare se l'Europa fosse unita... ma il grosso non ci sente proprio: va ben così, madama la marchesa... mal che vada tiriamo su una rete al confine o ci mettiamo ad incrementare gli affari con Putin.

Ad esempio, il prossimo presidente francese sarà con tutta probabilità ancora Sarkozy: anche se finalmente ci decidessimo a mandare affanc... chi ci blocca, UK o chiunque altro, e procedere solo con chi ci sta, quale passo avanti federale abbiamo la speranza di fare con uno così al potere? Subito dopo il risultato del referendum si riuniranno Merkel, Hollande e Renzi: cosa vuoi che facciano questi qui anche se la Gran Bretagna dovesse andarsene? Di certo usciranno fuori il giorno dopo con appelli alla calma e diranno che bisogna ripensare l'Europa, democratizzare l'Europa, cambiare tutto e blablablabla... ma quali passi concreti potrebbe mai voler avviare 'sta gente e chi gli succederà, in un periodo simile, dopo i soliti gran bei discorsi?

Comunque vada a finire questa storia del referendum l'amara soddisfazione di aver fatto il nostro dovere io ce l'ho già (non al 100%, perchè voglio rimanere attaccato ancora a un lumicino di speranza), ma non basterà, perchè nel casino totale che si svilupperà gradualmente in seguito in Europa dovrei essere costretto a camparci per i prossimi 40 anni. Non ne ho proprio intenzione, infatti sto cominciando a programmare il mio futuro diversamente da come avrei fatto fino a 5-10 anni fa.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Epoch il Lun Giu 20, 2016 8:06 am

ART- ha scritto:
Quello che temo è proprio che l'evento vada ad aiutare il già troppo seguito dicorso del rifiuto dell'integrazione europea.

Erasmus, dobbiamo tener presente che non tutti sono ferrati come noi di storia e faccende europee....

Ma se la gente non è ha nemmeno una vaga infarinatura di cosa e come si vota nei confini nazionali, e soprattutto come funziona il LORO Stato, cosa vuoi prentendere? Che conosca come funziona la UE?? Mi viene da piangere...

Anzi mi metto a ridere, proprio per non piangere, quando sento dire "Renzi non lo abbiamo votato", ma che hai votato qualche PdC negli ultimi 150 anni  in Italia???

Comunque Brexit o Bremain, spero che il voto a cui mancano pochissimi giorni svegli qualcuno. Sfido chiunque a proporlo in altri Paesi, anche qui da noi. Voglio poter votare per l'Europa, ma quella vera, federale.
Voglio un referendum per obblicare i politicastri a fare davvero il grande passo, perché solo dal basso può arrivare questa scelta.


Ultima modifica di Epoch il Lun Giu 20, 2016 12:11 pm, modificato 2 volte
avatar
Epoch

Messaggi : 620
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Erasmus il Lun Giu 20, 2016 11:55 am

Ovviamente non tutti i britannici o sono euroscettici fautori dell'uscita dell'UK dall'UE o sono sovranisti (vuoi del Labour Party vuoi dei Conservatives) gfautori del restare in UE ma colmassimo imoegno di impedire ogni ulteriore passo in direzione dell'integrazione politica dell'UE. Anzi: il federalismo moderno è nato proprio in UK alla vigilia della II Guerra mondiale, in epoca di generale nazionalismo guerrafondaio (di ogni stato europeo, non solo della Germania nazista e dell'Italia fascista) .
Si deve infatti alla lettura di saggi di Federal Union (associazione culturale federalista britannica) inviati dalla Svizzera da Luigi Einaudi al suo ex-allievo Ernesto Colori (confinato come Altiero Spinelli ed Eugenio Colorni nell'isola di Ventotene  come anti-fascista) la conversione al federalsimo di Spinelli e l'ispirazione per il "manifesto" «Per una Europa libera ed unita»

[Ho ricordato anche qui, e menziono ora ancora una volta, il grande impegno di John Pinder nella battaglia federalista per l'unità politica europea. Ma vorrei menzionare anche il grande Peter Ustinov, il presidente della Commissione Europea Roy Jenkins, il ministro degli esteri (del secondo governo Blair) Robin Coock, l'ex-presidente dell'UEF Andrew Duff ... e in generale i molti politici britannici di spicco insigni federalisti.]

Merita senz'altro un a lettura l'articolo del Premio Nobel 1999 per l'Economia, l'indiano Amartya Sen in favore del non-Brexit ma non certo dalla sponda di Cameron. In questo articolo rivolto agli elettori britannici (in cui l'autore ricorda Spinelli, il manifesto di Ventotene  e la fondazione a Milano del MFE), Sewn si svela un federalista appassionato, addirittura quasi commovente!

Ma sono convinto che il suo impegno nella battaglia contro i fautori del sovranismo britannico dell'UKIP e dei suoi simpatizzanti sostenitori del Brexit sia superfluo, perché il restare in UE vincerebbe ugualmente e con un buon distacco sul Brexit.
––> The dark shadow(su New Statesman)
The dark shadow[
The Brexit proposal springs from panic and would certainly be terrible news for Britain’s economy – but it carries a threat even greater than that.
BY AMARTYA SEN  

It cannot be said that the European ­Union is doing particularly well at this time. Its economic performance has been mostly terrible, with high unemployment and low economic expansion, and the political union itself is showing many signs of fragility. It is not hard to understand the temptation of many in Britain to call it a day and “go home”. And yet it would be a huge mistake for Britain to leave the EU. The losses would be great, and the gains quite puny. And the “home” to go back to no longer exists in the way it did when Britannia ruled the waves.

We live in a thoroughly interdependent world, nowhere more so than in Europe. The contemporary prosperity of Europe – and elsewhere, too – draws on extensive use of economic interconnections. While the unacceptable poverty and inequality that persist in much of the world, including Britain, certainly call for better-thought-out public engagement, the problems can be addressed better without getting isolated from the largest economy next door. The remarkable joint statement aired recently, by a surprisingly large number of British economists, of many different schools, that Brexit would be an enormous economic folly, reflects an appreciation of this glaring reality. Apart from trade and economic exchange with Europe itself, Britain is currently included in a large number of global agreements as a part of the European Union. Britain can do a lot – for itself and for Europe – to correct some of the big mistakes of European economic policies.

The Brexit-wallahs, if I may call the enthusiasts that (without, I hasten to add, any disrespect), sometimes respond to concerns of the kind I have been expressing with the reply that Britain can surely retain the economic interconnections with Europe, and through Europe, even without being in the European Union. “Isn’t that what Norway largely did?” Norway has certainly done well, and deserves credit for it. But the analogy does not really work, not just because Britain is a huge economy in a way Norway is not, but much more importantly because quitting is not at all the same thing as not joining. Britain’s extensive economic ties with Europe, and a great many EU trade agreements that go beyond Europe in the multilateral global economy, are well established now and disentanglement would be a very costly process – a challenge that Norway did not have to face.

But perhaps most importantly, it must be recognised that quitting is a big message to send to Europe and to the world: a message that Britain wants to move away from Europe. As four decades of economic studies have shown, signals can be dramatically important for economic relations. Conclusions will certainly be drawn on how dependable and friendly Britain can be taken to be. A jilted partner has more reason for angst than an unapproached suitor.

***

While the economic arguments against Brexit are strong, the political concerns are even stronger. The unification of Europe is an old dream. It is not quite as old as is sometimes suggested: the dream is not of classical antiquity. Alexander and other ancient Greeks were less interested in chatting with Angles, Saxons, Goths and Vikings than they were in conversing with the ancient Persians, Bactrians and Indians. Julius Caesar and Mark Antony identified more readily with the ancient Egyptians – already strongly linked with Greece and Rome – than with other Europeans located to the north of Rome and the west. But Europe went through successive waves of cultural and political integration, greatly helped by the powerful spread of Christianity, and by 1462 King George of Podebrady in Bohemia was talking about pan-European unity.

Many other invocations followed, and by the 18th century even George Washington wrote to the Marquis de Lafayette: “One day, on the model of the United States of America, a United States of Europe will come into being.”

It was, however, the sequence of the two world wars in the 20th century, with their vast shedding of European blood, that firmly established the urgency of political unity in Europe. As W H Auden wrote in early 1939, on the eve of the Second World War:

In the nightmare of the dark
All the dogs of Europe bark,
And the living nations wait,
Each sequestered in its hate . . .
______



_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 563
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Erasmus il Ven Giu 24, 2016 10:49 am

E' la notizia dell'anno: Ha vinto il "Leave" e persoi il "Remain".


 Superfluo che mi metta a copiare qui i risultati.
Tuttii i media mettono l notizie sul Brexit davanti a qualsiasi altra; e non lesinano i dettagli di informazione., (per esempio sulla disuniformità: Scozia e Ulster vorrebero restare inb UE, l'Inghilterra vuole uscire, ma nella City prevale nettamente il"remain"; ecc.].

Ero stra-sicuro del contrario (che l'UK non avrebbe mai abbandonato l'UE).
Mi dicevo pronto a scommettre 100n contro 1 bche avrebbe vinto il "Reamain".
Ho sbagliato completamente il pronostico.
[Ma non sono il solo: tutti i "poll" della vigilia davano vincente il "Remain"].

Ma dicevo anche che sarei stato ben contento di perdere la scommessa!

Io non sono "anglofobo". Ma è ora che gli inglesi (soprattutto loro, perché in UK gli inglesi sono "più uguali" degli altri se non altro per essere la garnde maggioranza dei "britons" ... e aqncjhe perché in Irlanda del Nord ed in Scozia ha vinto il "Remain") imparino la lezione: i tempi in cui la Gran Bretagna controllava la politicas europea ed impediva che ci fosse sul continente qualcosa di più forte pèoliticamente della stessa Gran Bretagna sono terminati. Ed era ora che terminassero.

Vedremo se l'UE saprà cogliere l'opportunità di vedere la serpe che aveva in seno allontanarsi spontaneamente.
[Ma, come dicevo, non vedo all'orizziìonte leader europei del calibro degli ormai antichi De Gasperi, Schuman e Spaak].
Non farò certo in tempo a vedere come andra a finire per l'UK (che avrà un sacco di guai in più di quanti non ne abbia già). 
L'assestamento della nuova condizione di stato che si "estranea" dall'Europa (o forse il ritorno all'UE, ma con meno pretese e meno spocchia) sarà molto lento, durerà forse decenni.
A posteri, dunque!

Comunque, dal punto di vista politico, per ora cambierà poco.
L'UK resterà un paese "associato" (come la Norvegia e la Svizzera). 
Cambierà poco dato che in UE l'UK ha un sacco di "opting-out" per cui, dal punto di vista del comune cittadino europeo, sono quasi più vicine e "aperte" la Svizzera e la Norvegia della Gran Bretagna.

Ciao a tutti.
Viva l'UE con un ostacolo in meno sul cammino verso l'integrazioine politica!
––––––

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 563
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Erasmus il Ven Giu 24, 2016 2:27 pm

Di nuovo "recepta refero",  ma con una brevissima introduzione.

La sigla CIME  sta a significare "Consiglio Italiano del Movimento Europeo", in pratica la sezione italiana del Movimento Europeo il quale non ha a che fare col MFE – Movimento Federalista Europeo.
Il suo presidente attuale, dr. Pier Virgilio Dastoli, è però un federalista DOC (e come tale una ìmia vecchia conoscenza).
Prima di questo incarico Dastoli è stato a capo della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.
Il Movimento Europeo è un coacervo di forze politiche europee le più disparate. Basti pensare che neglim anni della CEE vi aderivano la DC italiana e anche il PCI (che era da sempre contrario all'integraziione europea occidentale di qualsiasi tipo ... ovviamente su imbeccata di Mosca), la SPD (Partito Socialista tedesco) e la CDU (l'Inione  cristiano-democratica) tedesche, Il Labour Party britannico, ecc, ecc. E non ha niente a che vedere col Movimento Federalista Europeo.
Ma in certi casi, per iniziativa di funzionari del Movimento Europeo dall'anima fedralista-europeista (spesso provenienti dall'UEF, in particolare in Italia dal MFE)  lo stesso Movimento Europeo ha promosso campagne a favore dell'integrazione politica dell'Europa. 
[Ricordo in particolare le campagna degli ultimi anni '70 in favore dell'avvento di una moneta europea e anche in favore dell'elezione diretta del Parlamento Europeo (allora eletto dai parlamenti nazionali)].
E' il caso di Virgilio Dastoli che, pur nel rispetto delle istituzioni in cui si è mosso e si muove (Rappresentanza in Italia della Commissione Europea prima e ora CIME) non nasconde di essere da sempre un federalista europeo.

Per saperne di più:
 –––>  CIME (Consiglio Italiano Movimento Europeo) <––>http://www.movimentoeuropeo.eu
–––>  Rappresentanza in Italia della Commissione Europea <––> http://ec.europa.eu/italy/index_it.htm


------------------------------------

Da: [...] @yahoogroups.com>
Oggetto:  Dichiarazione su BREXIT del Presidente CIME, Pier Virgilio Dastoli
Data: 24 giugno 2016 10:21:47 CEST
A: mfe@yahoogroups.com

Care amiche ed amici,
invio dichiarazione del presidente del Movimento Europeo - Italia, Pier 
Virgilio Dastoli, sul tema BREXIT :

Il risultato del referendum britannico è inequivoco: la maggioranza dei 
britannici vuole uscire da quest'unione europea. 

A partire da oggi devono essere percorse due strade parallele, politicamente e 
istituzionalmente distanti l'una dall'altra.

La prima strada è quella indicata dall'articolo 50 del trattato sull'unione 
europea: il recesso del Regno Unito è senza condizioni dall'una e dall'altra 
parte. 

Cosi come con gli altri paesi vicini che non sono candidati all'adesione, 
l'Unione deve stabilire con il Regno Unito "relazioni strette e pacifiche" 
fondate sui suoi valori (rispetto della dignità umana, libertà, democrazia, 
uguaglianza, stato di diritto, rispetto dei diritti dell'Uomo ivi compresi 
quelli delle minoranze).

Le istituzioni europee devono prendere misure le misure immediate nella 
lettera e nello spirito dell'articolo 50. Ciò vuol dire non solo che i 
rappresentanti del Regno Unito non partecipano più alle riunioni del 
Consiglio europeo e del Consiglio ma anche a quelle del Comitato dei 
Rappresentanti Permanenti e di tutti i comitati intergovernativi. 

In una situazione di evidente conflitto di interessi le altre istituzioni ed 
organi dell'Unione devono escludere i cittadini britannici dalle loro 
deliberazioni e decisioni con particolare riferimento alla Commissione e alla 
Corte di Giustizia.

Evidentemente il governo del Regno Unito non presiederà più il Consiglio Ue 
nel secondo semestre 2017 e non farà più parte della troika con Estonia e 
Bulgaria.

Per quanto riguarda il Parlamento europeo gli eletti nel Regno Unito dovranno 
essere esclusi da tutti gli incarichi (presidente e vicepresidenti, questori, 
presidenti e vicepresidenti di commissione e di delegazione, Presidenti di 
gruppi politici) in occasione del rinnovo degli organi interni del Pe nel 
gennaio 2017.

L'accordo per l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea dovrà essere 
rapidamente sottoscritto fra le parti adottando tutte le misure tecniche e 
legislative che implicano l'esclusione di un paese membro dall'Unione.

L'uscita del Regno Unito esige la revisione dei trattati.

La seconda strada riguarda dunque la riforma dell'Unione, resa indispensabile 
e urgente per la crisi gravissima del progetto di integrazione e per governare 
- nell'interesse generale dei suoi cittadini - un sistema a due velocità.

Il voto britannico del 23 giugno suona la campana di quest'Unione incapace di 
rispondere ai bisogni dei suoi cittadini e ignara dei valori dello stato di 
diritto, suona la campana per l'arroganza del metodo confederale ma anche per 
l'inadeguatezza del metodo comunitario.

Ancora una volta la strada della riforma è quella indicata da Altiero 
Spinelli: una comunità di valori fondata sul modello federale, solidale e 
democratica. 

Ancora una volta, come è avvenuto nel 1980, l'iniziativa spetta al Parlamento 
europeo con l'ambizione di scrivere un progetto di comunità da sottoporre 
direttamente al voto dei cittadini europei in occasione delle elezioni europee 
del 2019.


Ultima modifica di Erasmus il Sab Giu 25, 2016 3:10 am, modificato 1 volta

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 563
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Erasmus il Ven Giu 24, 2016 4:35 pm

Continuo col "recepta refero" per dare dei dati sul referendum in funzione dell'età dei votanti.

« [...] Secondo dati raccolti dal governo britannico, i votanti favorevoli alla permanenza del Regno Unito nell’UE sono stati il 75% dei giovani compresi fra i 18 e i 24 anni, il 56% di quelli tra i 25 e i 49, per scendere al 44% tra i 50-64enni e al 39% fra gli over-65. Il quadro non poteva essere più definito.»
Ho anche trovato  questo riassunto schematico sulla distribuzione dei voti "Remain"  per età:
HOW AGES VOTED
(YouGov poll)
18-24: 75% Remain
25-49: 56% Remain
50-64: 44% Remain
65+: 39% Remain

C'è anche un altro dato da estrapolare da questo breve schema! 
Ossia: anche gli inglesi sono un popolo "invecchiato"! 
Voglio dire: età media sempre in crescita, popolazione che invecchia,  decremento delle nascite compensato dall'allungamento della vita media.
In un paese demograficamente  "emergente" come certi paesi africani o asiatici, un 75% nella popolazione tra 18 e 24 anni e un 56% in quella tra i 25 e i 49 anni avrebbe dato un risultato globale con un buon margine oltre il 50%. Ma evidentemente in UK sono molto più numerose le persone "matusa" (da 50 anni in su) di quelle giovani (sotto i 25 anni) o soltanto "mature" (tra 25 e 49 anni).

------------------
Ciao a tutti

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 563
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Epoch il Ven Giu 24, 2016 9:56 pm

Caro Erasmus,
l'intera Europa sta invecchiando. Anche in Italia se si dovesse votare per l'uscita mi aspetto percentuali in linea con quelle UK.
La tendenza generale sarebbe la stessa?

Ora voglio proprio vedere se l'uscita dall'Europa farà anche esplodere "il loro vanto", cioè il Regno Unito, che se Scozia e Irlanda del Nord dovessero andarsene rimarrebbe formato da Galles e Inghilterra... Le Nazioni più forti daccordo ma un ombra confronto a prima...

Spero che l'UE sappia rispondere davvero ed in fretta, magari proprio verso una federazione, troppo presto per dirlo. Anche io sono contento che la palla al piede si sia tolta, ma un po' mi spiace, avrei preferito che rimanesse con e vedere la faccia di Farange, ma anche dei vari Le Pen e Salvini....

Mi spiace solo che Cameron non abbia avuto il coraggio di attivare le clausole dell'art. 50... Si è dimesso prima lasciando ad altri, tra qualche mese il compito. Visto che ha indetto lui il referendum poteva almeno avere il coraggio di staccare la spina.

avatar
Epoch

Messaggi : 620
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da ART- il Sab Giu 25, 2016 8:22 am

Epoch ha scritto:Anche in Italia se si dovesse votare per l'uscita mi aspetto percentuali in linea con quelle UK.
La tendenza generale sarebbe la stessa?

La campagna in UK, e in generale quanto successo negli ultimi anni un po' ovunque, ci danno un'indicazione importante nel ragionare su quella domanda: giocare (sporco) sulla paura dell'immigrazione paga.
In Gran Bretagna finchè si è rimasti almeno un po' sul concreto, sulle conseguenze economiche dell'uscita, i remain erano in vantaggio, poi quando si è cominciato a fare "campagne terroristiche" con lo spauracchio dell'invasione aliena-straniera il risultato è diventato sostanzialmente incerto anche nei sondaggi, di cui non ci si può fidare su margini così stretti.
Non credo che in Italia le percentuali sarebbero le stesse, ma fattori irrazionali come la paura dell'immigrazione di massa (o nel caso italiano anche ad esempio le idiozie sull'unione monetaria, dopo decenni di martellamento sull' "Euro che ci ha rovinati") potrebbero dare una speranza concreta a nazionalisti e fascitoidi vari anche da noi e in altri stati che teoricamente hanno molti meno problemi della Gran Bretagna.

Il problema adesso è che com'era facilissimo da prevedere questo evento dà il via a tentativi di referendum per l'uscita un po' ovunque: se dovesse spuntarla l'uscita in Francia o Germania, se non in Italia... siamo praticamente belli e che fottuti.

Erasmus ha scritto:
Vedremo se l'UE saprà cogliere l'opportunità di vedere la serpe che aveva in seno allontanarsi spontaneamente.
[Ma, come dicevo, non vedo all'orizziìonte leader europei del calibro degli ormai antichi De Gasperi, Schuman e Spaak].

Epoch ha scritto:
Spero che l'UE sappia rispondere davvero ed in fretta, magari proprio verso una federazione, troppo presto per dirlo.

Con personaggi come quelli che abbiamo al potere oggi? Sono pessimista di natura e spero tanto di sbagliarmi ma mi pare impossibile. Rischiamo di rimanere sostanzialmente fermi qui nel migliore dei casi e il crollo del sistema europeo nel peggiore.



Una considerazione positiva, se vogliamo vedere qualcosa di positivo in questa situazione di merda, è che molto raramente ho visto in vita mia la genete comune così interessata alle faccende europee e così disposta a parlarne invece di concentrarsi sulle solite frescacce interne di routine. Che si ritenga buono o cattivo questo evento è certo che la cosa ha scosso e fatto svegliare, almeno in questi giorni.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Epoch il Sab Giu 25, 2016 9:49 am

ART- ha scritto:
Non credo che in Italia le percentuali sarebbero le stesse, ma fattori irrazionali come la paura dell'immigrazione di massa (o nel caso italiano anche ad esempio le idiozie sull'unione monetaria, dopo decenni di martellamento sull' "Euro che ci ha rovinati") potrebbero dare una speranza concreta a nazionalisti e fascitoidi vari anche da noi e in altri stati che teoricamente hanno molti meno problemi della Gran Bretagna.

Invece io mi aspetto percentuali simili, almeno come distribuzione. Bisognerà capire se prevarrà la "Generazione Erasmus" o i "vecchi gufi".
avatar
Epoch

Messaggi : 620
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da ART- il Sab Giu 25, 2016 11:30 am

In generale sono sempre più pessimista, non posso che sperare di sbagliarmi...

Comunque se contiamo che da noi una maggioranza piuttosto consistente rifuta l'uscita dall'Euro secondo me è improbabile avere scarti bassi come in UK, a meno che la campagna terroristica d'immigrazione non faccia troppa presa.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Verci il Sab Giu 25, 2016 8:59 pm

Brexit, Parlamento Ue: l'uscita dei 73 eurodeputati Gb fa crollare i conservatori. E senza Ukip, i 5Stelle non avranno più un gruppo autonomo: ancora incerta la loro destinazione.

BRUXELLES - Crollo di conservatori. E, scomparso l'Ukip, il M5s resterà senza gruppo autonomo. L'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea avrà conseguenze su tutte le istituzioni di Bruxelles, compreso il Parlamento europeo. Sui temi e i modi oggi è difficile fare ipotesi concrete, ma quello che è certo che senza i 73 britannici eurodeputati eletti, prima o poi cambieranno inevitabilmente gli equilibri e i rapporti di forza tra i diversi gruppi politici che siedono in Plenaria.

Ovviamente il gruppo più colpito dalla Brexit sarà quello dei Conservatori e Riformisti europei (all'opposizione), che si è formato proprio attorno agli esponenti del partito di Cameron. Senza i 21 eurodeputati 'tory', questa famiglia politica, in termini numerici, scenderà dall'attuale terzo posto, al quinto. Il gruppo socialista e democratico perderebbe venti dei suoi membri, ma rimarrebbe comunque il secondo, alle spalle del gruppo Ppe, la cui composizione, invece, non verrà intaccata dalla vittoria del 'Leave'.

La grande coalizione che regge Jean-Claude Juncker, formata dai socialisti (Pse), dai popolari, e dai liberali, non perde il controllo del Parlamento. Ma l'uscita dei laburisti inglesi indebolisce lievemente il Pse rispetto ai popolari all'interno della coalizione.

Il gruppo dove c'è il M5s si scioglie: dove andranno i 5Stelle? Il gruppo delle Libertà e della democrazia diretta, quello a cui aderiscono gli eurodeputati pentastellati, perderà 22 eurodeputati: quelli dell'Ukip di Nigel Farage. Quindi, per motivi regolamentari, si scioglie e non potrà più considerarsi un gruppo autonomo. I 5Stelle non hanno ancora fatto capire dove andranno ad accasarsi: l'altro gruppo euroscettico - oltre a quello di Farage - fa riferimento a Marine Le Pen. C'è, poi, anche il gruppo dei 'non iscritti', del quale fa parte Jean-Marie Le Pen.


LINK


Domanda agli esperti Erasmus ed Art: la variazione di composizione del Parlamento europeo, modificherà in qualche modo la politica europea, sia in campo commerciale (penso al TTIP), che politico o monetario? 
avatar
Verci
Admin

Messaggi : 1002
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da ART- il Sab Giu 25, 2016 10:27 pm

Verci ha scritto:Domanda agli esperti Erasmus ed Art: la variazione di composizione del Parlamento europeo, modificherà in qualche modo la politica europea, sia in campo commerciale (penso al TTIP), che politico o monetario? 

In generale no ma questo dipende dal fatto che l'attuale struttura dell'UE, di stampo intergovernativo/confederale, non consente al Parlamento europeo di avere l'ultima parola su alcune questioni importanti che spesso sono riservate al Consiglio europeo (cioè ad accordi a maggioranza o all'unanimità fra i capi di governo degli stati). Questo nonostante rispetto ad anni fa le cose siano cambiate, nel senso che le competenze del PE sono aumentate di molto: si parla dell'unico organismo comunitario che può co-legiferare insieme al Consiglio, respingendo eventualmente le leggi proposte da questo. La vulgata ripetuta a grammofono incantato che "il Parlamento europeo non conta niente" è parecchio lontana dalla realtà.

Il caso del TTIP è particolare, perchè anche se le procedure in vigore prevedono necessità di approvazione del Parlamento europeo per accordi con ripercussioni finanziarie considerevoli per l'UE, e altre cose rilevanti, questa norma può essere interpretata in vari modi: che io sappia per ora non è chiaro se il PE avrà davvero voce in capitolo nell'approvazione di questo trattato, anche perchè non c'è accordo unanime neanche sul fatto che quelli nazionali debbano averlo.

La politica monetaria è questione a parte, quella è gestita in ogni caso dalla BCE.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: "Brexit" or "unBrexit": this is a question!

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum