LA LEGGE DI STABILITA'

Andare in basso

LA LEGGE DI STABILITA' Empty LA LEGGE DI STABILITA'

Messaggio Da freg53 il Dom Nov 02, 2014 5:24 am

Il disegno di legge di stabilità dalla prossima settimana sarà al vaglio  del Parlamento. Molte delle proposte appaiono coerenti e sensate,lo sgravio degli 80 euro per i redditi fino a ventiseimola euro, la diminuzione dell'imposta sulle attività produttive (IRAP),l'aumento dei sussidi di disoccupazione, eppure da soli non riusciranno a far uscire il nostro paese dalle secche in cui è immerso.Il ministro Padoan dice che nel prossimo triennio si creeranno le condizioni per assumere 800.000  nuovi lavoratori,una notizia entusiasmante alla luce degli ultimi  dati istat che certificano che dal 2008 al oggi nella sola fascia di età 25 34 anni si sono persi oltre 2 milioni di  posti di lavoro.Il disegno di legge prevede che l'indebitamento sarà portato al 2,9 del pil e che la riduzione del debito,ancora una volta, verrà rimandata.Inoltre verranno richiesti ulteriori sacrifici agli italiani soprattutto nel comparto della salute.Eppure questi provvedimenti da soli non basteranno,in una economia globalizzata e interdipendente le imprese rischiano di non assumere nessuno fino a quando non avranno la certezza che i nuovi prodotti  verranno collocati sul mercato e non andranno ad incrementare il magazzino.Deve cambiare qualcosa, questo cambiamento deve avvenire in Europa,fino a quando prevarrà la politica dell'euro forte e dell'austerità,difficilmente le cose potranno cambiare
freg53
freg53

Messaggi : 689
Data d'iscrizione : 25.04.14
Località : acireale

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum