Cajkovskij : concerto in si bemolle minore, op 23.

Andare in basso

Cajkovskij : concerto in si bemolle minore, op 23.

Messaggio Da tessa il Mer Set 24, 2014 5:46 pm

Cajkovskij, grande compositore russo del Romanticismo, ci ricorda Paul Verlaine, e come lui lotto' per risalire dalla sozzura della sua vita e agganciarsi a quella creature di luce- Etre de lumière-  la sua arte -che sola poteva salvarlo dalla follia.
Caijkovskij, consapevole del suo genio, compose l'immenso concerto per pianoforte e orchestra in si bemolle minore, op.23, -che tutti conosciamo-pero' l'esecutore Rubinstein lo rifiutò ritenendolo poco interpretabile e gli chiese di cambiare alcuni brani, ma Cajkovskij si ribellò gridando : " Non cambierò una sola nota", si recò a Boston e esegui' lui stesso il concerto. L'incipit grandioso avvolse gli americani, cosi' come , piu' tardi, George Gershwin, col glissando iniziale della sua Rapsodia in blu, che mutuò in parte dal concerto in si bemolle minore, op 23 , di Cajkovskij, conquistò la Aeolian Hall di New York e poi tutta l'America e il mondo.


Ultima modifica di tessa il Mer Set 24, 2014 11:37 pm, modificato 1 volta
avatar
tessa

Messaggi : 857
Data d'iscrizione : 30.07.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Cajkovskij : concerto in si bemolle minore, op 23.

Messaggio Da freg53 il Mer Set 24, 2014 11:31 pm

LO HO ASCOLTATO TANTE VOLTE NELL'IMPIANTO STEREO DELLA MIA BMW SERIE 7,ERA INCANTEVOLE,POI LO HO RIASCOLTATO NELL'IMPIANTO STEREO  DELLA PICCOLA HONDA ED ERA COSA DIVERSA.
avatar
freg53

Messaggi : 689
Data d'iscrizione : 25.04.14
Località : acireale

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum