Vile ricatto al PD e all'Italia

Andare in basso

Vile ricatto al PD e all'Italia Empty Vile ricatto al PD e all'Italia

Messaggio Da Verci il Mer Ago 21, 2013 2:44 pm

Il Cavaliere affida ad Alfano un ultimatum. E prepara un videomessaggio shock."Piega i democratici in dieci giorni o è finita" è il messaggio per Alfano dopo il vertice di Arcore. Gianni Letta sconfortato dal prevalere degli oltranzisti: "Sono criminali". Napolitano preoccupato.


Vile ricatto al PD e all'Italia 045931065-e5bb6d35-3bb8-4142-a718-3cf6eb196c22A

Un ultimo, estremo tentativo per salvare le larghe intese. Questo è il massimo che Angelino Alfano è riuscito a strappare al termine di un lungo e drammatico vertice ad Arcore dominato dai falchi del Pdl.  È un vero e proprio ultimatum quello del Cavaliere al governo: "Io non credo più a Napolitano, non mi fido più di nessuno. Ma, se vuoi, tu Angelino prova a farli ragionare. Altrimenti la chiudiamo subito qui, prima ancora della riunione della giunta". L'ultima offerta al Pd, affinché accetti di rimettere in discussione la legge Severino e blocchi la decadenza di Berlusconi da senatore, il segretario del Pdl - accompagnato da Renato Brunetta - la sottoporrà direttamente a Enrico Letta in un incontro a quattr'occhi. Un faccia a faccia decisivo, che potrebbe svolgersi oggi stesso al rientro del premier da Vienna. Ma se la risposta dovesse essere negativa, Berlusconi ha già deciso di far saltare il tavolo: "Digli che hanno tempo fino a fine agosto per decidersi". Dieci giorni, questa è la scadenza. Il mandato di Alfano non prevede subordinate. O il Pd accetta di fermare i lavori della giunta e si apre a riconsiderare la costituzionalità della legge Severino, oppure il Pdl ritirerà i suoi ministri dall'esecutivo.

Un'accelerazione drammatica verso la crisi di governo. Un indurimento che preoccupa molto il capo dello Stato e gli stessi ministri berlusconiani, ormai prigionieri dei falchi come Santanché e Verdini. Napolitano infatti, a differenza di qualche giorno fa, avrebbe iniziato a nutrire il sincero timore che il Cavaliere non stia bluffando e sia deciso ad andare fino in fondo.

Puntando alle elezioni anticipate. Lo stesso Gianni Letta (la cui assenza significativa dal vertice di Arcore di ieri, insieme a quella dei ministri, non è passata inosservata) avrebbe confidato ad alcuni sui interlocutori tutto il suo sconforto per la deriva oltranzista maturata dal suo partito. Con parole amare: "Quelli che i giornali chiamano pitonesse e falchi non sono matti ma criminali". Il problema è che stavolta il primo dei falchi sembra essere proprio il Cavaliere. L'ha compreso bene un altro amico di vecchia data che, di solito, interviene per moderarne gli eccessi e riportarlo su un terreno più pragmatico: Fedele Confalonieri. Dopo Ferragosto, durante una cena a cui hanno partecipato anche i figli Marina e Pier Silvio, Berlusconi avrebbe dato vita a un lungo sfogo contro i giudici, il Pd, Letta e Napolitano, al termine del quale persino "Fidel" ha alzato bandiera bianca: "Alle tue aziende una crisi di governo non conviene. Ma le aziende le hai fondate tu e l'importante ora sei tu".

Che Berlusconi si stia preparando al peggio è un fatto assodato. Da giorni diversi parlamentari del Pdl riferiscono di aver ricevuto telefonate direttamente dal leader. Il succo è una chiamata alle armi, un "tenetevi pronti", condito da giudizi poco lusinghieri su Napolitano e sul premier. Specialmente sul premier. "Se anche lo facessimo cadere - è quanto si è sentito dire un ex ministro - non è che sarebbe un gran danno. Letta parla parla ma non resta molto di quello che dice, questo governo non incide".

Manca poco all'accusa di mancanza del "quid". Le colombe sperano a questo punto che qualcosa si muova nel Pd. Maria Stella Gelmini, presente al summit di Arcore, quasi implora che vengano prese in considerazione le parole di "illustri costituzionalisti e penalisti - da Capotosti, ad Armaroli, Fiandaca - non certo vicini al centrodestra, in ordine a svariati profili giuridici di illegittimità e incostituzionalità" della legge Severino. E' il tasto che batteranno Alfano e Brunetta, lo stesso argomento che torna nelle parole di Donato Bruno, di Fabrizio Cicchitto. Sebbene pochi si facciano illusioni. Berlusconi infatti sembra una locomotiva in corsa, tanto che ieri avrebbe presentato anche un "crono-programma" con i tempi della nascita di Forza Italia, della crisi, delle elezioni anticipate. 

Annunciando di aver in animo di registrare un video messaggio per sancire la fine dell'esperienza Letta e l'inizio della pugna. Una sorta di riedizione del discorso della calza, quello della discesa in campo del '94. "Non possiamo stare al governo con i nostri carnefici", è stato il leit motiv della serata a villa San Martino. "Abbiamo sbagliato a dar retta a Napolitano e a dare vita al governo Letta, questi non cambieranno mai". La stessa soluzione di sottoporre alla Corte costituzionale la legge Severino (ammesso che il Senato possa intraprendere questa strada) trova il Cavaliere più scettico che mai. "Voi vi appassionate a questa storia della costituzionalità, ma la mia opinione sulla Consulta la conoscete bene. Volete che mi affidi a quelli che hanno già bocciato il lodo Alfano? Sono 11 contro 4, è un plotone di esecuzione della sinistra".Di fronte all'ultimatum di Berlusconi i margini per salvare il governo sono molto stretti. Nella notte romana il pessimismo prevale tra i filogovernativi di entrambi i partiti.

http://www.repubblica.it/politica/2013/08/21/news/berlusconi_prepara_videomessaggio_shock_il_cavaliere_affida_ad_alfano_un_ultimatum-65062498/?ref=HREA-1
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1115
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Vile ricatto al PD e all'Italia Empty Re: Vile ricatto al PD e all'Italia

Messaggio Da Verci il Sab Ago 24, 2013 5:20 am

Il pensiero del PDL esposto dal fedele servitore Sallusti.

Solo la setta dell'Associazione nazionale dei magistrati pensa di avere chiuso per sempre la sua ventennale e personale guerra a Berlusconi (ieri si è pure lamentata che i giornali pubblicano notizie che li riguardano, ci aspettiamo ordini di arresto per chi trasgredisce).

La prova è che, giorno dopo giorno, si fa largo uno schieramento trasversale e autorevole che ha molti dubbi sulle conseguenze dirette e automatiche della sentenza. Le vie d'uscita per rimediare alla porcata giudiziaria ci sono eccome, e non solo perché lo sostiene con forza Berlusconi. Vi risparmio i tecnicismi ma è chiaro che sia Napolitano sia il Senato hanno ampi margini di manovra per evitare che la situazione politica, e forse sociale, precipiti nel caos.

Servono onestà e coraggio, merce rara ma pur sempre reperibile sul mercato della politica. Pensare di cancellare gratis vent'anni di storia e dieci milioni di voti è inaccettabile e offensivo. Se la sinistra intende sfruttare l'occasione in modo ideologico e utilitaristico e farà saltare il banco, il centrodestra non ha paura. Il Pdl più disponibile di così non può essere.

È vero, tra falchi e colombe berlusconiane c'è tensione, volano anche stoccate. Ma non bisogna farsi distrarre dai personalismi. Le colombe stanno cercando, e dicendo, ciò che Berlusconi sarebbe disposto ad accettare come riparazione dell'affronto subito. I falchi ciò che Berlusconi è pronto a fare nel caso i primi fallissero nella missione. Non c'è contraddizione o conflitto tra le due posizioni, la strategia è chiara e le conseguenze pure.

Se dal Quirinale e dal Senato arrivassero segnali di buonsenso, concreti e fattibili in tempi compatibili, non sarà certo il Pdl a fare precipitare la situazione. Se viceversa dovesse permanere la linea dell'intransigenza a prescindere, allora non sarà neppure necessario staccare la spina al governo. Letta e i suoi si ritroverebbero morti per causa naturale, perché è naturale non armare la mano del tuo assassino. Lo ha capito anche Grillo, il più svelto di tutti, che ieri si è detto disposto ad andare a votare subito con questa legge elettorale. A buon intenditore poche parole.

http://www.ilgiornale.it/news/interni/non-mi-faccio-eliminare-decadenza-si-allarga-fronte-chi-944874.html
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1115
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum