Quale compromesso

Andare in basso

Quale compromesso

Messaggio Da Tarzan il Dom Lug 13, 2014 6:03 pm

Forse è ora di porsi qualche domanda sulla politica di Israele. Non giudico qui il passato e neanche il presente. Mi interrogo sul futuro, sempre che ce sia uno, e mi chiedo: quale soluzione immagina il governo d'Israele per i Palestinesi? che confini auspica per sé e per i suoi vicini? come pensa di arrivare a una pace non dirò equa ma almeno sostenibile? Che l'esercito israeliano sia tra i più potenti del pianeta è certo, ma il governo di Israele, oltre a martellare il nemico (e a dirci che lo fa con garbo), che progetto complessivo ha? La forza militare non basta, non solo non è "giusta" ma soprattutto, come tutte le cose umane, prima o poi si esaurisce. Non sarò vivo per vederlo: ma, se non elabora un compromesso accettabile anche per i Palestinesi, dubito che Israele esisterà fra cent'anni.

Chiedo scusa...ma dopo quasi un anno ho letto :http://areaforum.forumattivo.it/t155-auguri-a-tarzan#565
Ho scritto subito il mio pensiero. Scusate il ritardo.
avatar
Tarzan

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 30.07.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da freg53 il Dom Lug 13, 2014 10:11 pm

ben tornato.Tarzan anch'io sono tornato su questo forum.le domande che ti poni ce le chiediamo tutti,da anni,almeno dal 1967.
avatar
freg53

Messaggi : 689
Data d'iscrizione : 25.04.14
Località : acireale

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da ART- il Mar Lug 15, 2014 11:28 pm

Le forze armate israeliane non sono fra le più forti del pianeta (se si esclude l'arsenale nucleare) ma nel complesso sono abbastanza forti, organizzate e ben equipaggiate da tener testa ad aggressioni esterne di paesi dell'area o alla guerriglia. Ma fatto ancor più importante è che la società israeliana è abituata/rassegnata a questa situazione da un pezzo e la vive in prima persona: il servizio militare in Israele dura 3 anni per gli uomini e quasi 2 per le donne, con richiami ogni anno dopo il servizio. A parte i pacifisti radicali nessuno si sogna di mettere in discussione questo sistema, molto difficilmente un apparato simile si sfalderà da solo col tempo.

A mio avviso la questione israelo-palestinese è un caso senza vie d'uscita, una storia infinita che forse sarà interrotta da qualche fattore esterno imprevedibile (magari un Iran forte e dotato di armi nucleari che lanci un attacco) che creerà le condizioni per cui una delle parti possa annientare l'altra. E' un caso che infiamma molto gli animi anche altrove e crea schieramenti netti nell'opinione pubblica più ideologizzata, con tutta la foga possibile contro l'uno o l'altro. Allo stesso tempo è anche il caso su cui è più inutile spaccarsi la testa, proprio perchè insolubile... a meno che non si ami il tifo politico da stadio.
avatar
ART-

Messaggi : 470
Data d'iscrizione : 08.09.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da animalo il Gio Lug 24, 2014 8:11 am

Lo scenario descritto dal sig. ART è solo uno tra i tanti possibili.
Si considerino i seguenti fattori:
- il fondamentalismo musulmano si sta organizzando ed espandendo sempre più, e non solo nel medio oriente ma anche in ampie zone dell'africa e, forse in un domani, in alcune repubbliche centro asiatiche.
- molti segnali indicano che questo fondamentalismo si sta volgendo alla jiahd, o guerra santa, contro la cultura occidentale.
- le possibilità per questi gruppi di appropriarsi di bombe a fissione di limitata potenza, nell'ordine dei chiloton, non sono trascurabili.
- questo tipo di bombe ha dimensioni piuttosto ridotte ed un raggio distruttivo limitato, ma possono essere trasformate facilmente in "bombe sporche" in grado di avvelenare un ampio territorio circostante con radioisotopi ad emivita piuttosto lunga (parlo di secoli).

Se nell'arco dei prossimi dieci anni una di queste bombe scoppiasse a gerusalemme dove ritiene che scoppierebbe la seconda?
Le do la mecca ad un quarto della sua puntata.

animalo

Messaggi : 238
Data d'iscrizione : 31.07.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da animalo il Dom Lug 27, 2014 12:28 pm

E' storicamente accertato che lo stato di israele dopo la terza guerra giudaica scomparve dalle cronache storiche; dopo diciotto secoli questo stato rinacque all'assemblea delle nazioni unite sia per un'accesa compravendita dei voti, sia per la resipiscenza di alcune nazioni nei confronti della shoa. Ne consegue che non esistono diritti storici per l'esistenza dello stato di israele, tanto è vero che nei primi tempi furono portate a termine immigrazioni di popolazioni che nulla avevano in comune con i giudei originari, non linguaggio, non usi e costumi.
Lo stato di israele fu obbligato ad imporre, ope legis, una lingua ufficiale, ormai desueta.
Il diritto all'esistenza di questo stato poggia essenzialmente sulla volontà politica degli usa, cui premeva avere un caposaldo in una regione foriera di sviluppi destabilizzanti.
Ed ora si provi, per mero esercizio accademico, a valutare il diritto storico allo'esistenza della Repubblica di Venezia: con brevi discontinuità essa esiste da dodici secoli, è unita da comune linguaggio, da comuni usi e costumi secolari, eppure ad essa viene negato ogni diritto, in nome di una malintesa e mai attuata unità della italia, che continua ad essere oggi, come centocinquantanni or sono, una mera espressione geografica.

animalo

Messaggi : 238
Data d'iscrizione : 31.07.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da Belgarath il Mago il Mar Lug 29, 2014 4:30 pm

animalo ha scritto:E' storicamente accertato che lo stato di israele dopo la terza guerra giudaica scomparve dalle cronache storiche; dopo diciotto secoli questo stato rinacque all'assemblea delle nazioni unite sia per un'accesa compravendita dei voti, sia per la resipiscenza di alcune nazioni nei confronti della shoa. Ne consegue che non esistono diritti storici per l'esistenza dello stato di israele, tanto è vero che nei primi tempi furono portate a termine immigrazioni di popolazioni che nulla avevano in comune con i giudei originari, non linguaggio, non usi e costumi.
Lo stato di israele fu obbligato ad imporre, ope legis, una lingua ufficiale, ormai desueta.
Il diritto all'esistenza di questo stato poggia essenzialmente sulla volontà politica degli usa, cui premeva avere un caposaldo in una regione foriera di sviluppi destabilizzanti.
Ed ora si provi, per mero esercizio accademico, a valutare il diritto storico allo'esistenza della Repubblica di Venezia: con brevi discontinuità essa esiste da dodici secoli, è unita da comune linguaggio, da comuni usi e costumi secolari, eppure ad essa viene negato ogni diritto, in nome di una malintesa e mai attuata unità della italia, che continua ad essere oggi, come centocinquantanni or sono, una mera espressione geografica.

Corretto...ma poi devi spiegarmi qual'è il diritto storico che puoi portare per giustificare l'esitenza di uno stato palestinese-mussulmano in un area che in quasi 2000 anni non ha mai visto l'esitenza di un'entità giuridico/costituzionale palestinese-mussulmana (è sempre stata parte di qualcos'altro voglio dire)....

Belgarath il Mago

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 08.11.13
Località : Sopra la Barriera

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da animalo il Mer Lug 30, 2014 1:09 am

Vero, però mi pare che la politica di spingimenti, piuttosto efficaci per dirla eufemisticamente, da parte del nuovo stato nei confronti dei palestinesi residenti, allontanati energicamente dalle loro dimore, c'entri pure qualcosa.

animalo

Messaggi : 238
Data d'iscrizione : 31.07.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da animalo il Sab Ago 02, 2014 7:40 am

Gaza:
leggo del numero dei morti delle due parti e della loro tipologia.
Mi fermo e, senza fare altre considerazioni, mi tornano alla memoria le rappresaglie naziste.

animalo

Messaggi : 238
Data d'iscrizione : 31.07.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da Verci il Ven Ago 08, 2014 3:43 am

Questo il bilancio palestinese di questa guerra impari, che ha visto di certo Israele non risparmiarsi in bombardamenti che spesso hanno coinvolto scuole, strutture di assistenza e di raccolta, e numerose abitazioni civili. Di una cinquantina fra soldati e civili il bilancio israeliano.

E' salito a 1886 morti il bilancio delle vittime dei 28 giorni dell'offensiva israeliana sulla Striscia di Gaza. Lo riferisce il ministero della Sanità dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) dopo le ultime vittime estratte dalle macerie nelle 72 ore di tregua iniziate martedì mattina alle 8 ora locale.

''I soccorritori palestinesi stanno ancora lavorando per l'estrazione di corpi dai distretti nelle periferie orientali della Striscia di Gaza al confine (con Israele, ndr) che è stata pesantemente bombardata da Israele'', ha detto il portavoce del ministero della Sanità Ashraf al-Qodra all'agenzia di stampa Anadolu.

Al-Qodra ha aggiunto che 9806 palestinesi sono rimasti feriti nel lancio dell'operazione lo scorso 8 luglio. Tra i morti si contano 432 bambini, 243 donne e 85 anziani palestinesi, ha detto, mentre 2979 bambini, 1903 donne e 374 anziani sono rimasti feriti.

FONTE
avatar
Verci
Admin

Messaggi : 1062
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da ART- il Lun Ago 11, 2014 2:42 pm

Ma perchè una buona volta non ce ne fottiamo di questi qua e la loro guerra infinita? Se vogliono continuare a combattere per altri 50 anni che facciano pure.

avatar
ART-

Messaggi : 470
Data d'iscrizione : 08.09.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da Verci il Lun Ago 11, 2014 11:53 pm

avatar
Verci
Admin

Messaggi : 1062
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da ART- il Mar Ago 12, 2014 12:23 am

Via, ancora 40 anni (voglio essere ottimista) di missilate e cannonate e poi magari si comincerà a parlare seriamente di pace.
avatar
ART-

Messaggi : 470
Data d'iscrizione : 08.09.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Quale compromesso

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum