PER ERASMUS: DIPENDENZA DA NICOTINA

Andare in basso

PER ERASMUS: DIPENDENZA DA NICOTINA Empty PER ERASMUS: DIPENDENZA DA NICOTINA

Messaggio Da tessa il Mar Giu 03, 2014 9:58 pm

Caro Erasmus, scusami non ho avuto tempo prima . Penso che l'Admin Verci abbia ragione perche' lo definisci vecchio, io conosco tanti genitori nati  nei primi anni 50, tutti belli tinti, palestrati a caccia di fanciulle, ora si vive fino a 130 anni.
Mi metto qui nel reparto scientifico, ho gia' detto che la sostanza che causa il carcinoma bronchiogeno e' il 3-4  benzopirene. Certo gas e fuliggini varie non fanno bene, ma Mad e' il 3-4 benzopirene che è cancerogeno, si produce durante la combustione del tabacco.
Trascuro qui tutti gli altri effetti deleteri della nicotina, quali tachicardia, ipertensione, tromboangioiti obliteranti, morbo di Burger per cui necessitano amputazione degli arti a causa del fumo per cancrena.
Vediamo la dipendenza.

Innanzi tutto un ringraziamento a SANTIAGO RAMOM Y CAJAL,  (1852- 1934) il fondatore della neurologia , premio Nobel per la Medicina nel 1906 , assieme a Camillo Golgi. Egli tramite la tecnica di tintura cromo- argentea di Camillo Golgi studio' i neuroni.
Quando ci fu la cerimonia per l'assegnazione del Nobel scoppio' tra lui e Golgi una diatriba, Golgi affermava che i neuroni costituissero una rete diffusa, Cajal disse che il neurone era  un' entita' a se' stante. Aveva ragione Cajal. Dopo questo omaggio andiamo avanti.

Nel S.N.C.(Sistema Nervoso Centrale) le sinapsi sono chimiche ( eccetto qualche rarissima  sinapsi elettrica) e lo spazio nella sinapsi si chiama fessura sinaptica , ed è di 200 A° ( Angstrom.) Un Angstrom è 10 con potenza di -10.
I mediatori chimici si raccolgono in vescicole nel neurone presinaptico e vengono liberati nella fessura sinaptica e agiscono su recettori postsinaptici o su canali ionici provocando un flusso di ioni che traduce il segnale chimico in elettrico, dando luogo a risposte eccitatorie o inibitorie nel neurone postsinaptico.

Conosciamo circa 50 neurotrasmettitori nel S.N.C. (Sistema Nervoso Centrale) e alcuni sono:

!- acido gamma-amino-butirrico (GABA) e  -la glicina i  piu' potenti inibitori del cervello.
2-il glutammato ( il piu' importante neurotrasmettitore eccitatorio del cervello)
3- 5-HT (5-idrossitriptamina o serotonina)
4- dopamina
5-acetilcolina (Ach)
6-adrenalina
 etc
Il cervello è pieni di glutammato e di GABA ( acido gamma-amino-butirrico).

 I neurotrasmettitori vengono rimossi da specifiche proteine, si chiama ricaptazione (reuptake), altre volte è un enzima a demolirl, come l'acetilcolinesterasi demolisce l'ACh ( L'acetilcolina..).

La nicotina è psicoattiva, dopo 10 sec arriva nel S.N.C. e si lega ai recettori per l'acetilcolina nel cervello.
La stimolazione presinaptica di questi neuroni aumenta il rilascio di numerosi neurotrasmettitori e influisce sull'attivita' della serotonina, glutammina, GABA, oppioidi endogeni. La nicotina rilascia tra l'altro adrenalina, dopamina, serotonina, beta endorfine, vasopressina.
L'effetto psicoattivo consiste nel miglioramento dela capacità mnemonica, della performance, migliora l'umore.

La dopamina da' gioia
la noradrenalina da' eccitamento
acetilcolina da' eccitamento
vasopressina  migliora l'umore
le beta endorfine diminuiscono la paura e la tensione.

Un cenno sulle endorfine o oppiacei endogeni, scoperti nel 1976. Sono prodotti dall'ipotalmo e dall'ipofisi,  e da altri tessuti dell'organismoe ,danno gioia e euforia. Anche prendere il sole e l'innamoramento aumentano la produzione di oppiacei endogeni.

Da cio' la dipendenza fisica e bisogna scalare lentamente le sigarette, ma si puo' vincere, persone che conosco ce l'hanno fatta.

La dipendenza psichica non e' molto diversa perche', come nell'immamoramento, nelle gratificazioni, aumentano dopamina, adrenalina, endorfine, serotonina, etc

Anche quando una persona amata ci lascia  soffriamo ma non è solo un fatto " psicologico" a ma la sofferenza dipende dal fatto che vi sono delle modificazioni chimiche nel cervello e dobbiamo abituarci ad avere meno dopamina, meno serotonina, meno oppiacei endogeni, etc
Spero di aver ioddisfatto la tua curiosita'.

Ovviamente serve molta forza di VOLONTA.
Buonanotte

P.S. Ammiravo molto Diogene perche' riusciva a fare a meno di tutto, cosi' pensavo, lo vedevo la' gettato seminudo nell'affresco "La scuola d'Atene" di Raffaello. Quando poi scopersi che aveva per amante l'etera Laida, non lo stimai piu', compresi che anche lui aveva bisogno di rinforzi, di gratificazioni , di dopamina, di serotonina , di oppiacei endogeni triplicati e non lo stimai piu'. .
A domani
tessa
tessa

Messaggi : 1044
Data d'iscrizione : 30.07.13

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum