L'Orto Botanico dell'Università di Padova

Andare in basso

L'Orto Botanico dell'Università di Padova Empty L'Orto Botanico dell'Università di Padova

Messaggio Da Verci il Sab Ago 10, 2013 3:46 am

Conosco molto bene l'Orto Botanico di Padova, non solo per aver frequentato per due anni l'Istituto di Botanica dell'Università, avendo avuto l'onore di assistere alle ultime lezioni del Prefetto Prof. Carlo Cappelletti, ma anche perchè in quel bellissimo ambiente ritrovavo - nell'intervallo fra le lezioni del mattino e quelle dl pomeriggio - il tempo per sedermi su una panchina, assaporare la bellezza del verde e della tranquillità che mi circondava e rilassare l'animo e la mente dai troppi pensieri che inevitabilmente, in quei tempi di gioventù, percorrevano entrambe. 

L'Orto Botanico dell'Università di Padova 118%20Fontana%20delle%20Quattro%20Stagioni

C'era, in particolare una serra, quella delle orchidee e delle felci, che mi dilettavo visitare di nascosto e che - per scoraggiare gli occasionali curiosi - recava in bella mostra, sulla porta a vetri dell'ingresso, il cartello: "vietato entrare, trattamento in corso". All'epoca, primi anni "70, le orchidee erano una rarità in Italia e in quella serra in cui entrando si respirava un'aria calda e umida, numerosi contenitori formati da asticelle di legno sovrapposte e riempiti da materiale vegetale in decomposizione, erano sospesi a tubi aerei di metallo. All'interno di quella sorta di vasi, meravigliose piante di orchidee fiorite, di forme e colori variegati, lasciavano estasiato il visitatore.  

L'Orto Botanico dell'Università di Padova Serra

Fra le varie piante secolari, ricordo ancora un gigantesco e secolare Platanus Orientalis del 1680  che rischiava di essere abbattuto per un fenomeno di marcescenza fungina. Fu lo stesso Professor Cappelletti, qualche anno prima, a togliere dal cavo dell'albero il legno marcio e a pennellarne le pareti interne con lo stesso liquido con cui si impregnavano le traversine, allora di legno, su cui si poggiavano le rotaie delle ferrovie, bloccando definitivamente l'evoluzione della malattia. Un albero da favola, come ben si vede dalla allegata foto, e tuttora vivo e... vegeto.


L'Orto Botanico dell'Università di Padova 576px-OrtoBotPadova_Platanus_orientalis_2

L'Orto di Padova ricevette, fra tanti illustri personaggi,  anche la visita di Goethe, a cui fu dedicata un esemplare di Palma di S. Pietro, impiantata nel lontano 1585  e ancor oggi vivente. La palma e contenuta in una serra metallica verticale riscaldata, costruita all'uopo per proteggerla dalle intemperie invernali.

L'Orto Botanico dell'Università di Padova 122%20Serra%20della%20palma%20di%20Goethe

L'Orto botanico di Padova, nato come "Giardino dei semplici", ovvero coltura delle erbe medicinali più utilizzate in medicina, è il più vecchio orto botanico universitario del mondo. La sua affascinante storia può essere letta, per chi ne avesse interesse, cliccando su questo link e, una volta entrati,  sugli altri presenti in alto a sinistra: ORTO BOTANICO DI PADOVA
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1116
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

L'Orto Botanico dell'Università di Padova Empty Re: L'Orto Botanico dell'Università di Padova

Messaggio Da Verci il Mar Ott 15, 2013 10:18 pm

Il giardino della biodiversità. Un viaggio nelle nuove serre del'Orto botanico.

Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1116
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

L'Orto Botanico dell'Università di Padova Empty Re: L'Orto Botanico dell'Università di Padova

Messaggio Da Pantera il Mar Nov 12, 2013 7:24 am

BelliFFimo... mi metti le foto di piante grasse dell'Orto?
Forse non sai che le colleziono e le adoro
L'Orto Botanico dell'Università di Padova 2640052933
Pantera
Pantera

Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 30.07.13

Torna in alto Andare in basso

L'Orto Botanico dell'Università di Padova Empty Re: L'Orto Botanico dell'Università di Padova

Messaggio Da Verci il Mer Nov 13, 2013 6:08 am

Le uniche piante grasse, meglio succulente, che posseggo sono alcune agave americane e un fico d'India prelevati in loco in occasione di alcuni viaggi a San Giovanni Rotondo. I fichi d'india si moltiplicano facilmente, staccando una foglia e impiantandola nel terreno. Le agave, come ben sai, producono numerosi "figli" alla radice che vanno poi trapiantati.

Sull'argomento c'è qualcosa nelle pagine online dell'Orto Botanico, a questo indirizzo:

http://www.ortobotanico.unipd.it/natura/piante_succulente.html

L'Orto Botanico dell'Università di Padova 77%20Cereus%20hildmannianus%20Monst
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1116
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

L'Orto Botanico dell'Università di Padova Empty Re: L'Orto Botanico dell'Università di Padova

Messaggio Da Pantera il Mer Nov 13, 2013 9:07 am

Ne ho 48 al momento, grasse e succulente :P
Pantera
Pantera

Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 30.07.13

Torna in alto Andare in basso

L'Orto Botanico dell'Università di Padova Empty Re: L'Orto Botanico dell'Università di Padova

Messaggio Da Verci il Mer Nov 13, 2013 10:26 pm

Le tieni in vasi o hai un giardino o un terrario?
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1116
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

L'Orto Botanico dell'Università di Padova Empty Re: L'Orto Botanico dell'Università di Padova

Messaggio Da Pantera il Mer Nov 13, 2013 10:52 pm

Vasi ... ho il balcone con tre serrette e le tengo sempre lì. D'inverno metto la copertura e la tolgo quando é primavera.


https://i.servimg.com/u/f56/18/61/12/81/echino10.jpg
Pantera
Pantera

Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 30.07.13

Torna in alto Andare in basso

L'Orto Botanico dell'Università di Padova Empty Re: L'Orto Botanico dell'Università di Padova

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum