Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da Aginulfo il Mar Mar 11, 2014 8:03 am

La protesta trasversale delle donne, simboleggiata dal colore bianco sfoggiato oggi in Aula, non è bastata. Niente quote rosa. L’Aula della Camera ha bocciato, con votazione a scrutinio segreto, l’emendamento bipartisan che puntava all’alternanza di genere nelle liste della nuova legge elettorale.

Il governo e il relatore della legge si erano rimessi all’Aula.  I voti contrari all’emendamento sono stati 335, e i favorevoli 227. Lo scrutinio segreto era stato richiesto da 39 parlamentari di Fi, Fdi, Ncd e Udc. La seconda parte dell’emendamento non è stata messa in votazione, perché era relativa all’articolo 2 dell’Italicum, già stralciato come da accordo politico tra Renzi, Berlusconi e Alfano, che prevede che la riforma elettorale valga solo per la Camera e non per il Senato.

I due partiti principali che sostengono l’Italicum, Pd e Forza Italia, si sono divisi. Il primo emendamento è stato bocciato con 335 no. I voti a favore sono stati invece 227. Un numero di sì che, sebbene il voto segreto renda impossibile verificare esattamente come hanno votato nel complesso i vari gruppi, è comunque inferiore al numero dei deputati del Pd, pari a 293 deputati. 
Bocciata anche l’altra proposta di modifica bipartisan, che prevedeva la suddivisione al 50% uomo-donna nella candidatura dei capilista. 

Governo e Commissione si erano nuovamente rimessi all’Aula. L’emendamento sull’alternanza di genere è stato bocciato con 335 no (227 i sì), mentre la proposta "50-50" per i capilista ha incassato 344 no e 214 sì. Respinta anche la proposta di assegnare almeno il 40% dei capilista alle donne in ciascuna regione.

Una seduta dei capigruppo, ha annunciato la presidente Laura Boldrini, deciderà la prosecuzione delle procedure di voto anche nella seduta di domani. L’annuncio è stato accolto da un forte dissenso dell’Aula.

Qualche applauso isolato dai banchi di Forza Italia e il plateale disappunto delle deputate. Sono le reazioni che hanno accolto la bocciatura del terzo e ultimo emendamento sulla parità di genere. Alla proclamazione del voto, si è levato un brusio soprattutto dai banchi del Pd: molte deputate in dissenso hanno subito lasciato l’Aula. Rosy Bindi andando via ha applaudito con aria indignata verso i colleghi di Fi.

La bocciatura delle quote rosa ha fatto subito scoppiare le polemiche, specie in seno al Partito democratico.

Quote rosa? La finta democrazia del PD. 1394479226-respinto


"Il voto di numerosi colleghi è stato contrario alla norma prevista dallo Statuto del Pd che afferma la rappresentanza paritaria", osserva su Twitter il deputato Pd Dario Ginefra.Maria Chiara Carrozza (Pd), ex ministro dell'Istruzione, si pone delle domande:"Vorrei sapere - scrive su Twitter - come hanno votato i miei colleghi del gruppo Pd su questi emendamenti sulla parità di genere nelle liste elettorali...".  La butta decisamente sull'ironico (pesante) la deputata piddì Giuditta Pini: "Che lo spirito di Lorena Bobbit accompagni stanotte i colleghi che hanno bocciato l'emendamento".

Sandra Zampa ha puntato il dito contro il Partito democratico: "Mancano voti nostri. Lo dicono numeri", ha scritto su Twitter la deputata Pd. Zampa ha espresso anche in Aula le sue critiche: "Fuori c’è un mondo che cambia, non lo fermeremo votando in modo ingannevole, coperti dal voto segreto", ha detto, "domani saremo giudicati e perderemo ancora più credibilità". Molto amaro il commento di Barbara Pollastrini: "Una ferita che toglie credibilità alla proposta di legge elettorale. Ahimè l’aula si è mostrata fuori dallo spirito del tempo e lontana dalle aspettative del Paese. Ci sarà il passaggio al Senato ma il voto di oggi segna un prima e un dopo".

Chi vince e chi perde

La battaglia contro le quote rosa la vincono i deputati uomini e quella parte di donne di Forza Italia, tra cui Daniela Santanchè e Mariastella Gelmini, contrarie alle quote per legge. Ma vincono anche Renzi e Berlusconi. Il primo si è rimesso alla volontà del Parlamento. Il secondo, invece, anche se non si è espresso pubblicamente, non ha mai sposato la battaglia delle deputate azzurre sulle quote rosa. Dopo numerosi "faccia a faccia" tra il ministro Maria Elena Boschi e i vertici azzurri (Denis Verdini prima e Renato Brunetta poi), nel corso dei quali non sono mancati attriti a seguito della pressante richiesta di Forza Italia affinché il governo esprimesse parere negativo sugli emendamenti pro quote rosa, alla fine ha prevalso la linea della prudenza: il governo non ha preso né una posizione a favore né una contraria, rimettendosi al volere del Parlamento.

 E in questo modo tutti i partiti a favore dell’Italicum hanno lasciato la libertà di voto. In realtà, viene spiegato, è stata anche una richiesta dei vertici del Pd, per evitare una spaccatura plateale. Ma questa si è verificata ugualmente, come dimostrato dai numeri. Anche Forza Italia si è detta a favore della libertà di voto, ma poi vari esponenti azzurri di un certo "peso" si sono attivati per raccogliere le firme per

chiedere il voto segreto. E qualcuno ha anche detto - ma non ci sono conferme - che nel caso in cui fosse passato anche un solo emendamento sulla parità di genere, domani in aula sarebbe stato, compatto, il voto a favore delle preferenze.


L'amarezza della Boldrini

"Come presidente della Camera - commenta Laura Boldrini - rispetto il voto dell’Aula sugli emendamenti riguardanti la parità di genere. Ciò nonostante non posso negare la mia profonda amarezza perché una grande opportunità è stata persa, a detrimento di tutto il Paese e della democrazia".

http://www.ilgiornale.it/news/interni/legge-elettorale-bocciate-quote-rosa-1000364.html

Aginulfo

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 09.03.14

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da MAD il Mer Mar 12, 2014 3:11 pm

Ciao, sono un nuovo iscritto, mi chiamo MAD2 (MAD c'era già....) e devo dire che personalmente sono contento che sia stato bocciato l'emendamento delle quote rosa.

Non sono contrario alla parità di diritti uomo-donna, ma sono contrario che questo debba passare per imposizioni di legge e non per meccanismo che consenta invece di bocciare le donne inadatte e promuovere quelle capaci.

In politica poi sarebbe una jattura, visto il campionario umano maschile e femminile che già ci rappresenta.

Ovviamente imho.

MAD

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 09.03.14

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da Verci il Mer Mar 12, 2014 10:11 pm

Benvenuto, nel nostro piccolo forum Mad. No, non c'era nessun Mad iscritto, ma vedo che - con una certa frequenza - il sistema rifiuta la prima iscrizione, salvo poi misteriosamente ravvedersi. Se lo desideri posso modificare senza problemi il tuo nick in "Mad".

Credo di essere pienamente d'accordo con le tue considerazioni. Purtroppo, volenti o nolenti, le "quote rosa" non prevedono criteri di qualità o di competenze, tali da garantire che coloro che saranno eletti/e non siano in grado - quanto meno - di leggere un regolamento, di fare un'interpellanza o di occuparsi di questioni tecniche in materie di cui sono competenti.

Abbiamo, nel governo Renzi, due ministri importanti (sanità e giustizia) che posseggono un diploma  rispettivamente di maturità classica e scientifica. Tutto questo è assurdo e dimostra ancora una volta, sebbene in tono minore rispetto a certe scelte del governo Berlusconi (pensiamo, ad esempio, al ministro Gelmini all'istruzione pubblica) come certe nomine continuino a seguire criteri tutt'altro che meritocratici e di mera competenza.   
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1148
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da MAD il Mer Mar 12, 2014 10:28 pm

Le donne, probabilmente con una certa superficialità, apprezzano molto discorsi come le quote rosa, come le leggi antiviolenza che inaspriscono (in teoria) le violenze sulle donne ecc....
E non colgono l'ulteriore ghettizzazione culturale che c'e' alla base.


PS

certo che se mi puoi modificar eil nick in MAD mi faresti davvero una cosa gradita, della quale ti ringrazio da subito.

MAD

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 09.03.14

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da Verci il Gio Mar 13, 2014 4:46 am

Ok, fatto MAD! Buona partecipazione.  Quote rosa? La finta democrazia del PD. 1326021764
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1148
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da Epoch il Gio Mar 13, 2014 4:50 pm

Verci ha scritto:

Abbiamo, nel governo Renzi, due ministri importanti (sanità e giustizia) che posseggono un diploma  rispettivamente di maturità classica e scientifica. Tutto questo è assurdo e dimostra ancora una volta, sebbene in tono minore rispetto a certe scelte del governo Berlusconi (pensiamo, ad esempio, al ministro Gelmini all'istruzione pubblica) come certe nomine continuino a seguire criteri tutt'altro che meritocratici e di mera competenza.   


Scusami Verci, non posso non intervenire su questo punto.
Da diplomato (tecnico) mi prudono le mani quando sento o leggo certe cose.
Leggere che una persona è "incapace" solo perché non ha una laurea mi manda in bestia. Ci sono fior fiore di diplomati e laureati che sono delle mazze ferrate buone solo ad abbattere i muri.
Poi singolarmente ne possiamo discutete, ma non facciamo una distinzione solo in base ai titloli di studio. Sarebbe come screditare le donne in quanto tali.

Concordo comunque con entrambi sul fatto che sarebbe davvero sgradevole che una cosa culturalmente importante come la parità di genere debba essere imposta per decreto. Anche mia moglie si è chiesta perché debbano tirare fuori leggi simili, la donna se capace deve andare avanti agli uomini, non per legge, ma perché è giusto.
Epoch
Epoch

Messaggi : 720
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da tessa il Gio Mar 13, 2014 6:36 pm

Caro Aginulfo,
ma quali quote rosa?
Io non sono d'accordo.

Dunque prendiamo un concorso per 10 posti di specializzazione in cardiochirurgia, e 5 posti  devono essere per gli uomini e 5  posti devono essere per  le donne e supponi che le donne siano tutte asine e ci devono stare per forza? Ma poveri noi, ci si deve basare sul merito... si spera...
tessa
tessa

Messaggi : 1137
Data d'iscrizione : 30.07.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da Verci il Gio Mar 13, 2014 10:40 pm

Epoch ha scritto:Scusami Verci, non posso non intervenire su questo punto.
Da diplomato (tecnico) mi prudono le mani quando sento o leggo certe cose.
Leggere che una persona è "incapace" solo perché non ha una laurea mi manda in bestia. Ci sono fior fiore di diplomati e laureati che sono delle mazze ferrate buone solo ad abbattere i muri.
Poi singolarmente ne possiamo discutete, ma non facciamo una distinzione solo in base ai titloli di studio. Sarebbe come screditare le donne in quanto tali.

Concordo comunque con entrambi sul fatto che sarebbe davvero sgradevole che una cosa culturalmente importante come la parità di genere debba essere imposta per decreto. Anche mia moglie si è chiesta perché debbano tirare fuori leggi simili, la donna se capace deve andare avanti agli uomini, non per legge, ma perché è giusto.
Epoch, la competenza tecnica è elemento diverso da una formazione culturale di base, classica o scientifica che sia. Un ministro della salute con la maturità classica, fa semplicemente sorridere. Per altro, io non ho parlato di lauree, ma di criteri meritocratici e di competenza. Tant'è, come forse non hai letto, che - a proposito di lauree - mi è venuto subito in mente il ministro dell'Istruzione Gelmini, quello che credeva all'esistenza di un tunnel che collegava il Cern svizzero con il Gran Sasso. Il criterio della competenza può riguardare anche un self made man, come Renzo Rosso, padrone della Diesel, che ha come titolo di studio (per l'appunto) una maturità tecnica. Abbiamo rischiato di averlo come Ministro, ma lui - saggiamente, credo - ha preferito seguire la propria impresa. Forse abbiamo perso un bravo ministro, ma sicuramente abbiamo conservato integro un capace imprenditore.  
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1148
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da Epoch il Gio Mar 13, 2014 11:05 pm

Verci ha scritto:Epoch, la competenza tecnica è elemento diverso da una formazione culturale di base, classica o scientifica che sia. Un ministro della salute con la maturità classica, fa semplicemente sorridere.

Io non sorrido per questo, e forse la gaf della Gelmini deriva anche da qualche "Laureato" in scienze politiche che faceva parte dello staff... Certo lei non brillava, infatti non è uscita bene dalla cosa.

Però è la struttura della tua frase che dava alito a capire che intendessi dire "hanno solo la maturità". Classica, scientifica o tecnica che sia.

Purtroppo stiamo perdendo le maturità tecniche, sempre più simili alle prime due o peggio a scuole professionali. In futuro pagheremo pesante questa cosa, ma credo che dovremmo cominciare a rivalutare di più questi titoli di studio. Magari un ministro con la maturità classica è meglio di tanti altri laureati. Cosa cambiava se era una "sola" con la laurea? Non era ugualmente messo li per qualche motivo che non era la meritocrazia?

Chiedo ancora scusa, ma la prossima volta prova a sottolineare che sono stati nominati per motivi non meritocratici, non per il titolo di studio che hanno.
Epoch
Epoch

Messaggi : 720
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da MAD il Gio Mar 13, 2014 11:14 pm

Verci ha scritto:Ok, fatto MAD! Buona partecipazione.  Quote rosa? La finta democrazia del PD. 1326021764
Tante grazie.  Quote rosa? La finta democrazia del PD. 783581624

MAD

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 09.03.14

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da afam il Gio Mar 13, 2014 11:34 pm

Epoch ha scritto:
Verci ha scritto:Epoch, la competenza tecnica è elemento diverso da una formazione culturale di base, classica o scientifica che sia. Un ministro della salute con la maturità classica, fa semplicemente sorridere.

Io non sorrido per questo, e forse la gaf della Gelmini deriva anche da qualche "Laureato" in scienze politiche che faceva parte dello staff... Certo lei non brillava, infatti non è uscita bene dalla cosa.

Però è la struttura della tua frase che dava alito a capire che intendessi dire "hanno solo la maturità". Classica, scientifica o tecnica che sia.

Purtroppo stiamo perdendo le maturità tecniche, sempre più simili alle prime due o peggio a scuole professionali. In futuro pagheremo pesante questa cosa, ma credo che dovremmo cominciare a rivalutare di più questi titoli di studio. Magari un ministro con la maturità classica è meglio di tanti altri laureati. Cosa cambiava se era una "sola" con la laurea? Non era ugualmente messo li per qualche motivo che non era la meritocrazia?

Chiedo ancora scusa, ma la prossima volta prova a sottolineare che sono stati nominati per motivi non meritocratici, non per il titolo di studio che hanno.

Tranquillo, Epoch. Mio padre non ha potuto fare altro che le scuole tecniche. Ma ha, poi, preso la laurea in matematica ed in ingegneria. Ed ha anche avuto la libera docenza. E' ampiamente citato nella enciclopedia italiana come "fondatore" dell'Estimo. Quote rosa? La finta democrazia del PD. 1326021764

afam

Messaggi : 228
Data d'iscrizione : 28.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da Verci il Gio Mar 13, 2014 11:48 pm

Epoch, ho messo la maturità classica in relazione con  la carica di ministro della salute. Se tu sei in grado di dimostrare attraverso quale misterioso rapporto si configurerebbero - in questo caso - le specifiche competenze fra titolo di studio e funzione, mi avrai fatto un gran favore.

La mia affermazione non porta affatto a sminuire il valore del diploma di maturità,ma - più semplicemente e per lo specifico caso - a stabilire che una persona in possesso della maturità classica, di medicina o di salute capirà sicuramente molto poco. Dove si trovi di casa la meritocrazia, in questo caso, resta difficile da capire. A  meno che, con tale termine, non si intenda la frequentazione assidua delle sedi del partito.   

Le maturità tecniche (e l'ho sottolineato con l'esempio di Renzo  Rosso) rappresentano, invece, una situazione diversa. Una persona con il diploma di perito agrario e, magari, una forte e specifica esperienza lavorativa alle spalle, che fosse nominato Ministro dell'agricoltura, non farebbe una piega.


Spero di essermi spiegato.  Quote rosa? La finta democrazia del PD. 1326021764 
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1148
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da Epoch il Ven Mar 14, 2014 9:39 am

Verci,
si, ti sei spiegato. Grazie. A questo punto però la stessa mancanza di competenze l'avrebbe avuta un laureato Umanistico.  
Quote rosa? La finta democrazia del PD. 1326021764

Messo su questo piano suona meglio, mi scuso per l'incomprensione.
Epoch
Epoch

Messaggi : 720
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Torna in alto Andare in basso

Quote rosa? La finta democrazia del PD. Empty Re: Quote rosa? La finta democrazia del PD.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum