MT e l'erba che cresce ancora

Andare in basso

MT e l'erba che cresce ancora

Messaggio Da Mastro Titta il Mar Gen 14, 2014 8:28 pm

Francesca continua a chiedermi se desidero un caffè e non pare ascoltare i miei rifiuti. E’ palesemente imbarazzata e anch’io non posso non domandarmi perché mi abbia fatto venire urgentemente a casa sua, da cui manco da alcuni anni, da quando suo marito era ancora vivo.  La donna ovviamente non veste di lutto ma, da quando è rimasta vedova, mostra un portamento così composto e un abbigliamento così sobrio che mi pare elegante e raffinata quanto mai nel passato. “Ti devo chiedere un consiglio…” mi sussurra quasi prendendo la rincorsa nell’ iniziare un discorso che evidentemente si era già mentalmente preparata “…tu sei stato il miglior amico di Luca e solo tu puoi dirmi se …(avevo pensato anche a sua madre, ma lei non capirebbe)…tu invece ..”.In realtà neppure io capisco e rimango silenzioso a guardarla con aria interrogativa. “…quando tu venivi a trovarci, ti mettevi sempre io a parlare con lui in giardino, mentre io e tua moglie Rossana restavamo a chiacchierare in salotto. Alla fine della serata, quando gli chiedevo cosa vi foste detti, Luca mi rispondeva che avevate solo parlato della vita, di poesia o di filosofia. Una volta, una delle ultime volte, mi fece capire che invece avevate accennato anche alla sua fine imminente, alla sua morte…. ecco…volevo sapere se, in quella occasione, avevate parlato di …me”

Il mio amico era molto innamorato della moglie e mi aveva parlato di lei in molte occasioni, sempre con accenti appassionati, usando quelle parole che si pronunciano solo a cospetto di persone fidatissime per paura di apparire infantili o sdolcinati. Ma Francesca pone un quesito specifico: vuole sapere se il marito mi ha detto qualcosa sul modo in cui lei si sarebbe dovuta comportare dopo la sua morte. Io non comprendo bene il senso della domanda. “Vedi, Mastro Titta, due settimane fa alcuni amici, per cercare di distrarmi, mi hanno invitato a passare qualche giorno in montagna. Mi hanno presentato Aldo, un loro conoscente, un uomo molto …affascinante. E’ un uomo cortese, allegro, mi ha fatto sorridere, erano due anni che io ero triste …insomma…abbiamo fatto un paio di volte l’amore ….”

Io ho i miei limiti e uno di questi è che mi imbarazzo quando qualcuno mi riferisce di aver fatto sesso. Tutti lo fanno, è normale che lo si faccia, ma io mi imbarazzo lo stesso. Se avessi avuto una educazione puritana, almeno potrei portarla a mia giustificazione, ma non posso accampare neppure quella scusa.  ”Cosa vuoi che ti dica?” borbotto a mezza voce. “Vorrei che tu mi dicessi se tu e Luca avete mai parlato di quello che mi sarebbe accaduto dopo la sua morte. Di come immaginava la mia vita. Con me non l’ha mai fatto. Io non so cosa mi direbbe lui oggi e provo…come dire, un terribile senso di colpa. Tu puoi aiutarmi?”



 Quell’ultima sera, in giardino, parlammo a lungo della morte. Era consapevole della sorte che l’attendeva e, tutto sommato, piuttosto sereno. “Quello che mi consola” mi disse “è che in fondo la mia scomparsa sarà un accadimento quasi insignificante ..” Insignificante? Come poteva dire una cosa simile? Lui era molto importante, per sua moglie, per i suoi amici, per la sua musica ..”No, Mastro Titta, non siamo così importanti, per fortuna non lo siamo. La vita continuerà, l’erba non cesserà di crescere e le stagioni persisteranno nell’ alternarsi, vi saranno nuove primavere, nuovi amori, nuove albe e nuovi tramonti, nuovi baci e nuove carezze…io ho eseguito il mio assolo ed è stato bello suonarlo ma il concerto non è finito e continuerà ad essere meraviglioso. Noi dobbiamo imparare ad amare la vita, non la nostra vita, la mia o la tua o quella di qualcuno in particolare; intendo la Vita spettacolo divino che è iniziato col primo uomo e finirà col chiudersi degli occhi dell’ultimo. Amare la vita indipendentemente da noi, amarla anche quando farà a meno di noi.” Così mi disse Luca.



 Francesca ora è commossa. Non so se rivedrà Aldo, anche se credo che farebbe bene. E’ ancora molto giovane e può ancora ricevere e dare amore e adesso forse potrà farlo senza complessi di colpa. L’erba cresce ancora. La saluto e me ne vado via rapidamente. Attraverso il giardino dove Luca non mi ha spesso parlato ma senza mai dirmi alcuna delle parole che ho riferito a sua moglie. Ho mentito; se Francesca fosse stata più lucida lo avrebbe facilmente compreso. Un uomo che sa di dover morire, anche se li pensa, non affronta mai palesemente questi argomenti, un po’ per non rattristare l’interlocutore, un po’ per scaramanzia, un po’ perché di morte si può parlare solo quando la senti ancora abbastanza lontana. Ma sono certo che, se avesse sospettato quanto la sua opinione sarebbe stata importante per la moglie, Luca le avrebbe detto quelle frasi che io ho solo inventato e sarebbero state cento volte più autentiche ed efficaci delle mie, perché non si può amare la vita e non desiderare che le cose e le persone che ami non continuino a vivere e ad essere felici anche dopo di te e perché in ogni ciuffo d’erba che seguita a crescere, si rinnova ogni giorno l’amore che tu hai donato e ricevuto.
MT
avatar
Mastro Titta

Messaggi : 188
Data d'iscrizione : 14.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: MT e l'erba che cresce ancora

Messaggio Da afam il Mar Gen 14, 2014 10:25 pm

Grazie, Mastro Titta! E benvenuto!   

afam

Messaggi : 228
Data d'iscrizione : 28.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Re: MT e l'erba che cresce ancora

Messaggio Da Condor il Mer Gen 15, 2014 1:09 am

Un dado di Brodo caldo per l'anima.
Davvero molto bello.
Grazie, Mastro Titta, ben ritrovata perla nel fango.  
avatar
Condor

Messaggi : 365
Data d'iscrizione : 27.09.13

Torna in alto Andare in basso

Re: MT e l'erba che cresce ancora

Messaggio Da Verci il Mer Gen 15, 2014 3:49 am

Un caro benvenuto a Mastro Titta.  
avatar
Verci
Admin

Messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Re: MT e l'erba che cresce ancora

Messaggio Da Mastro Titta il Gio Gen 16, 2014 8:29 pm

Verci ha scritto:Un caro benvenuto a Mastro Titta.  


Grazie a te di avermi invitato. Sono un po' "fuori forma", ma qualche post lo posso scrivere ancora  

Grazie anche a condor e afam che ancora hanno voglia di leggere i miei raccontini....
avatar
Mastro Titta

Messaggi : 188
Data d'iscrizione : 14.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: MT e l'erba che cresce ancora

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum