Olocausto, le responsabilità italiane

Andare in basso

Olocausto, le responsabilità italiane Empty Olocausto, le responsabilità italiane

Messaggio Da Verci il Sab Gen 11, 2014 9:38 am

Olocausto, le responsabilità italiane


29 NOVEMBRE 2013

L’Italia non fu solo partigiana ma anche complice, per quanto si tenda a dimenticarlo, nel genocidio degli ebrei. “Era la notte tra il cinque e il sei Dicembre 1943. Mia madre abitava allora a Venezia con tre sorelle e il padre, al terzo piano di una vecchia casa. Quando le camicie nere bussarono la signora che abitava al primo piano disse loro, mentendo, che se n’erano già andati”. A raccontarlo, oggi, è la figlia Miryam Vertes. “Salirono lo stesso a cercarli. I miei ascoltavano con angoscia il rumore degli stivali e lo sbattere dei fucili sulle porte”. Quella notte le camicie nere non li trovarono. Il mattino dopo di buon’ora le quattro sorelle partirono per Fiesso d’Artico, mentre il padre volle rimanere a Venezia. “A guerra finita mia madre tornò a Venezia per cercare il padre. Chiese a tutti, dagli uffici comunali al rabbino Ottolenghi. E fu proprio la moglie del rabbino a dirle di non cercare più”. Augusto Levi Minzi era morto nel campo di concentramento di Auschwitz. 

L’ordine di arresto degli ebrei e del sequestro dei loro beni porta la data del 30 novembre 1943 e la firma del ministro degli Interni Buffarini Guidi: “Tutti gli ebrei… A qualunque nazionalità appartengano e comunque residenti nel territorio nazionale debbono essere inviati in appositi campi di concentramento”. Con quest’ordinanza, le autorità italiane assumevano autonomamente e ufficialmente l’iniziativa della persecuzione e dell’internamento degli ebrei.   

“Spesso – sottolinea Simon Levis Sullam, docente del dipartimento di studi umanistici dell’università Ca' Foscari di Venezia e relatore in un recente convegno a Padova su La persecuzione degli ebrei (1943-45): un genocidio – si tende a deresponsabilizzare l’Italia, dimenticando che in realtà gli italiani furono attori e complici del genocidio degli ebrei”.   

Così, mentre a Padova Meneghetti, Marchesi e Trentin costituivano il Comitato di liberazione nazionale (Cln) regionale veneto e il primo dicembre 1943 il rettore Marchesi invitava anche gli studenti alla resistenza armata contro il nazifascismo, il tre dicembre veniva inviato nel campo di concentramento di Vo’ il primo gruppo di ebrei. Il campo era stato allestito a Villa Contarini-Venier per tutti gli ebrei della provincia di Padova (arriverà a ospitarne 47), prima del loro trasferimento alla risiera di San Sabba a Trieste. E di qui ad Auschwitz. 

Olocausto, le responsabilità italiane San_Sabba_interno
La camera delle esecuzioni all'interno della risiera di San Sabba a Trieste. Foto: Carlo Calore

Pochi giorni dopo, il 5 dicembre 1943, a Venezia il questore ordinava ai commissariati di Pubblica sicurezza, al comando dei Carabinieri e al 49° Legione della Milizia volontaria di sicurezza nazionale “l’immediato fermo di elementi appartenenti a razza ebraica”. E precisava che sarebbero stati “tradotti alle locali carceri di S. Maria Maggiore se di sesso maschile, alla Casa Penale della Giudecca se di sesso femminile, al centro minorenni se trattasi di minori”. Il giorno dopo, stando agli studi di Sullam, si comunicò al ministero l’arresto di 163 ebrei a Venezia e provincia, trasferiti la settimana successiva nella Casa di ricovero israelitica nel ghetto nuovo che fungeva da campo di transito. L’arresto avvenne di notte, gli ebrei trasportati lungo canali secondari. I giorni seguenti gli agenti di polizia misero sotto sequestro e sigillarono le abitazioni. Il 31 dicembre furono 93 gli ebrei ad essere deportati al campo di concentramento di Fossoli di Carpi, “scortati da militari dell’Arma”, “su due vetture di terza classe messe a disposizione delle Ferrovie”.   

E come a Padova e Venezia, anche in altre parti d’Italia. A Grosseto il prefetto Ercolani alla fine di novembre del 1943 faceva entrare in funzione il campo di concentramento di Roccatederighi. La stessa cosa avveniva a Pisa. Un atteggiamento indicato come “vivo desiderio di leale collaborazione”. In questo clima i “traditori” diventavano figure centrali e anche chi non era schierato finiva per aderire al nuovo sistema di norme, spesso con il miraggio di un guadagno. La carta di Verona stabiliva che gli ebrei appartenevano a “nazionalità nemica”. Al punto che i concittadini, i vicini diventavano stranieri: il cameriere denunciava il padrone, l’allievo il maestro, l’impiegato il collega. 

“Il genocidio degli ebrei – sottolinea Sullam – entra nella vita delle persone. Ciò che avviene è uno “spezzettamento” di atti umani (e di responsabilità) che sono ben lontani dall’esito finale, e cioè lo sterminio nei campi di concentramento, ma senza i quali l’obiettivo non sarebbe stato raggiunto”.  In questo modo tutti partecipavano all’atto finale: l’impiegato comunale che forniva i nomi delle vittime, la dattilografa che compilava le liste, la polizia, l’autista che guidava il camion con cui gli ebrei venivano trasferiti nei campi di concentramento. 

Anche le ferrovie.“… con il cuore afflitto lascio la mia terra nativa – scriveva Wanda Abenaim il 7 dicembre 1943 – Parto per terre lontane da sola però mi faccio coraggio. Porga un bacio alla mia cara mamma e fratello e che preghino per me e che non li dimenticherò mai. Farò di tutto per dare mie notizie. Sto bene...”. È il biglietto che gettò a Verona dal treno che la stava deportando ad Auschwitz. Da cui non tornò mai.

Monica Panetto
Olocausto, le responsabilità italiane Vo2
L'interno di Villa Contarini-Venier a Vo'. Foto: Carlo Calore

LINK
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1151
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Olocausto, le responsabilità italiane Empty Re: Olocausto, le responsabilità italiane

Messaggio Da Mastro Titta il Ven Gen 17, 2014 5:39 pm

study


Ultima modifica di Mastro Titta il Ven Giu 07, 2019 11:57 am, modificato 1 volta
Mastro Titta
Mastro Titta

Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 14.01.14

Torna in alto Andare in basso

Olocausto, le responsabilità italiane Empty Re: Olocausto, le responsabilità italiane

Messaggio Da Verci il Gio Gen 23, 2014 5:37 am

Beh, di certo la persecuzione degli ebrei in Italia non fu così eclattante e criminale come invece avvenne in Germania. E questo anche per il fatto che in Italia si ammetteva la figura dell'ebreo "arianizzato" o "discriminato". Cioè dell'ebreo che, avendo particolari meriti, fra i quali - ad esempio - l'aver partecipato alla marcia su Roma o l'aver acquisito benemerenze, come i decorati della Grande Guerra, etc.,, veniva in qualche modo sottratto alla durezza delle leggi razziali e, in parte, delle successive deportazioni. Queste limitazioni aiutarono di fatto molti ebrei e famiglie di ebrei, poichè molte di esse potevano vantare meriti fascisti o patriottici. 

Tuttavia val la penda di ricordare, per avere un'idea della dimensione degli eventi, soprattutto del 1943, la deportazione di un migliaio di ebrei romani, soprattutto donne e bambini, verso il campo di concentramento di Auschwitz in cui furono in gran parte gasati. Da non dimenticare, poi, il lager della risiera di San Sabba, a Trieste, con 25.000 deportati e circa 5000 assassinati, in parte anche politici e partigiani, e il lager di Fossoli di Carpi, dal quale partirono verso Auschwitz ed altri campi di sterminio 2.500 ebrei. 

La maggior parte di ebrei italiani fu deportata ad Auschiwtz – Birkenau: 5.951 persone di cui 5.595 decedute e 356 sopravvissute. 2.489 arresti furono eseguiti dai tedeschi, 1.898 dagli italiani. Di 2.314 arresti, invece,non si hanno dati.

Una storia di certo molto meno orribile di quanto il crimine nazista fece contro gli ebrei, tedeschi e non, ma pur sempre vergognosa storia nostra. 


Olocausto, le responsabilità italiane Images?q=tbn:ANd9GcTthEzPtJvfFUQ5lFxdhciJX9Mgb902NMbmY1JuC3mkeuj9WBjbgw

La risiera di San Sabba

Fonte dati
Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1151
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Olocausto, le responsabilità italiane Empty Re: Olocausto, le responsabilità italiane

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum