Animali contro animali - la solidarietà

Andare in basso

Animali contro animali - la solidarietà Empty Animali contro animali - la solidarietà

Messaggio Da Verci il Mar Ago 06, 2013 9:37 pm

E' davvero stupefacente osservare come, in natura, esista tra gli animali un altruismo che a volte vorremmo ritrovare, per certe situazioni, anche in individui della nostra specie. Questi documenti video sono impressionanti perchè fanno capire come la solidarietà possa far vincere la naturale ritrosìa verso i predatori  e produca rivincite incredibili dei più deboli nei confronti dei propri natural-killer.

Il video che segue merita di essere visto per i diversi attori che lo interpretano e per le sequenze e gli eventi davvero straordinari che lo caratterizzano. Il finale è disneyano.


Verci
Verci
Admin

Messaggi : 1115
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Animali contro animali - la solidarietà Empty Re: Animali contro animali - la solidarietà

Messaggio Da Pantera il Mer Ago 07, 2013 7:39 am

Non sono riuscita a vederlo .... mi fido di te per il finale Animali contro animali - la solidarietà 1853560706 
Pantera
Pantera

Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 30.07.13

Torna in alto Andare in basso

Animali contro animali - la solidarietà Empty Re: Animali contro animali - la solidarietà

Messaggio Da MAD il Mar Mag 20, 2014 10:37 pm

Non so quanto di quel comportamento animale sia altruismo, quanto sia istinto di conservazione e quanto sia dettato da "sentimenti" di affetto o di protezione per un proprio simile.

Non lo so, ma avendo io un rapporto di lunga data con i cani, ho la certezza quasi assoluta che i cani (non so gli altri animali) gioiscono, sono tristi, sono allegri, sono entusiasti, sono tranquilli, sono addolorati per qualcosa e .... (nessuno rida di me) ma credo che i cani sorridano anche. Ed io queste espressioni riesco a coglierle quasi sempre, almeno con i cani che pratico. 

Pero' mi sono sempre posto anche la domanda : se il cane ha questi sentimenti, perchè non dovrebbe averli una gallina o un coniglio o una mucca ?... e allora per quale motivo ce li mangiamo, li teniamo chiusi in allevamenti disumani, e mettiamo la testa nella sabbia, accampando una specie di diritto dell'uomo a mangiarseli per sopravvivere ?......

Io sono uno di quelli che si mangia le bistecche alte 4 dita, che si mangia i polli e i conigli, ma che poi al macello romagnolo dove vidi per la prima volta come si ammazzava e si lavorava una mucca (praticamente ancora viva......risparmio i particolari) mi sono prima leggermente impressionato, ma poi dopo qualche giorno ho ripreso bellamente e stoltamente a mangiare carne.

Quindi voglio dire noi su quali basi decidiamo che un animale sarebbe "superiore" e quindi gli salviamo la vita, mentre altri sono allevabili e mangiabili, alla faccia di qualsiasi ipotetico sentimento albergasse in questi esseri viventi ?.......

Non ho risposte certe. E voi ?.....

MAD

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 09.03.14

Torna in alto Andare in basso

Animali contro animali - la solidarietà Empty Re: Animali contro animali - la solidarietà

Messaggio Da Epoch il Mer Mag 21, 2014 9:43 am

Purtroppo la catena alimentare ha un vertice. In questo periodo della storia del pianeta terra siamo noi... Con i vantaggi e gli svantaggi che ne comporta.

MAD ha scritto:Non so quanto di quel comportamento animale sia altruismo, quanto sia istinto di conservazione e quanto sia dettato da "sentimenti" di affetto o di protezione per un proprio simile.

Non lo so, ma avendo io un rapporto di lunga data con i cani, ho la certezza quasi assoluta che i cani (non so gli altri animali) gioiscono, sono tristi, sono allegri, sono entusiasti, sono tranquilli, sono addolorati per qualcosa e .... (nessuno rida di me) ma credo che i cani sorridano anche. Ed io queste espressioni riesco a coglierle quasi sempre, almeno con i cani che pratico. 


I cani hanno tutta la varietà dei sentimenti umani, ridono e gioscono quando ti fanno un dispetto (e lo fanno), fanno i dispetti per rabbia quando le cose non vanno come dicono loro (e lo fanno!!), si spaventano, ti AMANO come nessuno sa fare...

Sono capaci come pochi di distingiuere buoni o cattivi.
Faccio un esempio: Un giorno sono andato a trovare un mio amico a casa, avevano un Pastore Maremmano maschio adulto, un tovatello capitato li da loro dopo vario perigrinare, chissà chi aveva deciso che il suo amore non meritava più di essere ricompensato.
Loro hanno cominciato a sfamarlo, ed i primi tempi come sempre sono stati difficili. Gli lasciavano il cibo fuori dal cancello di casa, e lui si avvicinava solo quando non c'era nessuno. Poi piano piano hanno cominciato a spostare la ciotola sempre più nel cortile ed ad avvicinarsi a lui.
Poco alla volta ha imparato ad accettare la nuova famiglia, ma sempre solo lei. Tutti gli altri erano "nemici" ed attaccava anche.
Questo come preambolo.
Quel giorno il cane era libero nel cortile e, mi abbaiava, con fare "aggressivo", di sfida, da dietro il cancello. Io non conoscevo ancora tutta la sua storia, era la prima volta che ci incontravamo.
Mi aprono il cancello, "con leggerezza" (mi dicono poi), e io entro...
Lui arruffa i peli della schiena, mostra i denti, ringhia ma non si muove. Lo guardo fisso negli occhi e mi sembra quasi che dica "Cosa vuoi!?!".
Lo guardo di rimando e dico "Ciao cagnone, posso andare a trovare il tuo padrone?". Il cane si trovava sul vialetto di ingresso. Non potevo scavalcarlo, mi ostruiva la strada, sui lati i cespugli di rose della madre.
Fatto sta che il cane smette di ringhiare, i peli della schiena si abbassano, si siede ed abbozza uno scodinzolio. Diceva "Ti sto studiando..."
A questo punto avvicino la mia mano al muso. e Gliela faccio annusare. In quel momento arriva la madre del mio amico, pallida come un fantasma e con le mani nei capelli.
Il cane nel frattempo mi aveva annusato ed accettato.
La mamma era a bocca aperta e mi dice "Come hai fatto! Non ha mai fatto così con nessuno... Ero già preoccupata che ti aggredisse perché ti hanno aperto ma non sapevano che lo avevo liberato."

Da quel giorno ero "membro esterno della famiglia", ero perché ci siamo persi di vista e non ci frequentiamo più da un po'.
Unico punto della casa dove non avevo accesso (come tutti gli altri membri della famiglia ad eccezione della mamma, la mano che nutriva) 2 metri di distanza dalla ciotolona della pappa, retaggio incancellabile del periodo passato da randagio.

Morale? I cani sono forse più intelligenti, ed hanno più sentimenti degli uomini!

MAD ha scritto:
Io sono uno di quelli che si mangia le bistecche alte 4 dita, che si mangia i polli e i conigli, ma che poi al macello romagnolo dove vidi per la prima volta come si ammazzava e si lavorava una mucca (praticamente ancora viva......risparmio i particolari) mi sono prima leggermente impressionato, ma poi dopo qualche giorno ho ripreso bellamente e stoltamente a mangiare carne.

Le mie nonne allevavano galline e conigli e le macellavano. Ad essere sincero se dovessi avere di nuovo la necessità di farlo lo farei anche io. E non avrei alcun problema a macellarli, pur allevandoli in condizioni corrette per loro. Magari sbaglierei il metodo migliore per macellare,le prime due volte, ma se hai fame lo fai.
Epoch
Epoch

Messaggi : 708
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Torna in alto Andare in basso

Animali contro animali - la solidarietà Empty Re: Animali contro animali - la solidarietà

Messaggio Da MAD il Mer Mag 21, 2014 11:15 am

Ma non è che noi dobbiamo vedere l'intelligenza, il sentimento, l'interfaccia umanizzante solo nei cani o nei gatti, perchè siamo in grado parzialmente di leggerlo.

Nel senso che un coniglio o una capretta potebbero avere anche le stesse caratteristiche "ehm... intellettuali" solo che noi non siamo all'altezza di decodificarle. 

Voglio dire, ok, la catena alimentare sta bene, ma non vedo perchè in questa catena ci dovrebbero essere gli animali, o almeno certi animali allevati e nutriti proditoriamente dall'uomo, e chi ci assegna questo diritto.

Quando nacque il mio primo figlio, tanti anni fa, io ero giovanissimo, e mi parve un miracolo. Un medico mi spiego' che un bambino, anche di un mese, era capace di capire, apprendere ed immagazzinare almeno il doppio delle cose che noi immaginiamo lui capisca. Vale a dire che noi con tutta la buona volontà del mondo non riusciamo manco ad immaginare cosa davvero capiscono i bambini e cosa davvero assimilano dalla piu' tenera età.

Ergo, tornando agli animali, io penso che il mio rottweiler per esempio capisca tantissime cose che io uomo, per pudore, per decenza e per non essere ridicolo, gli disconosco. Ma sono arciconvinto che capisce 100 volte le cose che io gli attribuisco.

Percio', secondo me, noi mangiamo le carni animali solo per ciniscmo e per politica struzzesca, condita da un fittizio bisogno di carne che probabilmente è anche fondato sul niente, se non nella nostra ancestrale abitidine di mangiare, per migliaia di anni, un altro essere vivente, in assenza di supermarket .....

MAD

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 09.03.14

Torna in alto Andare in basso

Animali contro animali - la solidarietà Empty Re: Animali contro animali - la solidarietà

Messaggio Da Epoch il Mer Mag 21, 2014 11:29 am

MAD ha scritto:
Nel senso che un coniglio o una capretta potebbero avere anche le stesse caratteristiche "ehm... intellettuali" solo che noi non siamo all'altezza di decodificarle. 
Mio nonno paterno non era molto alto. Da ragazzino faceva i lavori che servivano in casa.
Capitava di dover attaccare il carretto all'asino e la "bestia" si metteva di suo piglio di fianco al tavolone dove il basto era appoggiato, avvicinava la testa e porteva il collo e lo infilava nel basto che mio nonno da sopra il tavolo teneva dritto.
Poi si spostava vicino al carretto e si lasciava attaccare i finimenti e il sottopancia.

Quindi si partiva. Bastava dire "Andiamo a..." e l'Asino partiva. Arrivato a destinazione, se mio nonno si era appisolato bastava una ragliata per farli intendere che era a destinazione.

Quanti racconti di vacche che portate al pascolo bastava dire loro in quale dei prati si era diretti per condurle senza problemi...




MAD ha scritto:
...

Voglio dire, ok, la catena alimentare sta bene, ma non vedo perchè in questa catena ci dovrebbero essere gli animali, o almeno certi animali allevati e nutriti proditoriamente dall'uomo, e chi ci assegna questo diritto.

...

Percio', secondo me, noi mangiamo le carni animali solo per ciniscmo e per politica struzzesca, condita da un fittizio bisogno di carne che probabilmente è anche fondato sul niente, se non nella nostra ancestrale abitidine di mangiare, per migliaia di anni, un altro essere vivente, in assenza di supermarket .....

Io non credo. Magari pilotato dal fatto che non sono un gran mangiatore di verdure. La natura, i secoli passati, il modo con cui siamo cresciuti ci ha reso quello che siamo. Non penso sia cinismo.

Epoch
Epoch

Messaggi : 708
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Torna in alto Andare in basso

Animali contro animali - la solidarietà Empty Re: Animali contro animali - la solidarietà

Messaggio Da Epoch il Mer Mag 21, 2014 11:50 am

Verci ha scritto:
Il video che segue merita di essere visto per i diversi attori che lo interpretano e per le sequenze e gli eventi davvero straordinari che lo caratterizzano. Il finale è disneyano.


Finalmente l'ho visto...
Bel video. Si capisce quanto sia difficile mangiare nella "natura selvaggia".

Un piccolo gruppo di (penso) Gnu si avvicinano ad una fonte d'acqua, suppongo per abbeverarsi. Ma vicino c'è un gruppo di Leoni.

Si studiano un po' e la leonessa a capo del gruppo individua una possibile preda. Le prede sono di solito membri vecchi o feriti, ma anche i giovani, meno forti.
Il giovane viene isolato e tentando la fuga cade in acqua. Le leonesse lo hanno circondato. Tentando di tirare fuori dall'acqua la preda devono anche sottrarla ad un coccodrillo.

In condizioni normali sarebbe spacciato, ma la sequenza, la caduta in acqua e la lotta con il coccodrillo hanno dato tempo al gruppetto di riunirsi alla mandria e tentare di salvare il cucciolo.

La vera ricchezza in un gruppo di animali, ma anche di uomini sono i figli. La prole è sopravvivenza, costa moltissimo tra i mammiferi allevarli, sono bene preziosissimo. Per questo vale la pena curarli, difenderli, salvarli.
La leggerezza è stata avvicinarsi alla fonte in pochi. Bisogna muoversi in gruppo, Forse erano tutti giovani e spavaldi ed il più giovane quasi ci rimetteva.

I leoni non sono scemi. Una mandria intera che gli attacca può farli a brandelli, per questo dopo un breve tentativo di difendere il pasto, che per loro costa molta energia, lo lasciano andare.

Di norma i leoni attaccano di notte, quando le tenebre permettono loro un'ottima vista ma gli "gnu" ( qualunque cosa siano) sono quasi ciechi. In questo modo cercando i membri più promettenti, di solito vecchi o feriti, perché sono più grossi (più cibo) e costano meno energie per la cattura. Ma in mancanza d'altro anche un piccolo non ben difeso.
I piccoli di solito si radunano al centro del branco. Quando non lo fanno, disubbidendo agli ordini dei genitori rischiano come in questo caso.

Più che solidarietà è un ottimo esempio di come dovrebbe funzionare la Società.
Epoch
Epoch

Messaggi : 708
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Torna in alto Andare in basso

Animali contro animali - la solidarietà Empty Re: Animali contro animali - la solidarietà

Messaggio Da Epoch il Mer Mag 21, 2014 12:02 pm

MAD ha scritto:Quando nacque il mio primo figlio, tanti anni fa, io ero giovanissimo, e mi parve un miracolo. Un medico mi spiego' che un bambino, anche di un mese, era capace di capire, apprendere ed immagazzinare almeno il doppio delle cose che noi immaginiamo lui capisca. Vale a dire che noi con tutta la buona volontà del mondo non riusciamo manco ad immaginare cosa davvero capiscono i bambini e cosa davvero assimilano dalla piu' tenera età.

Il cervello di un bambino è come una spugna asciutta, è fatto apposta per apprendere, per riempirsi di "acqua", l'acqua per il cervello sono le conoscenze che abbiamo.

Se un bambino venisse fin da piccolo messo a contatto con tre/quattro lingue diverse le imparerebbe tutte, senza problemi, facendole sue. Quando si cresce e la spugna si riempe diventa sempre più difficile imparare...
Epoch
Epoch

Messaggi : 708
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Torna in alto Andare in basso

Animali contro animali - la solidarietà Empty Re: Animali contro animali - la solidarietà

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum