Queste parole si riferiscono al secondo avvento di Cristo?

Andare in basso

Queste parole si riferiscono al secondo avvento di Cristo? Empty Queste parole si riferiscono al secondo avvento di Cristo?

Messaggio Da Decuius il Gio Ott 17, 2019 8:56 am

Da "Spigolature":

14:11 Dì: Questo è il Paradiso sul cui fogliame il
nèttare della Parola ha impresso la testimonianza:
«Colui Che era celato agli occhi degli uomini Si è
rivelato, cinto di sovranità e potenza!». Questo è il
Paradiso, il fruscio delle cui foglie proclama: «O abitatori
dei cieli e della terra! È apparso ciò che non
era mai apparso prima. Colui Che dall’eternità aveva
nascosto il Volto alla vista della creazione è ora venuto».
Dalla sussurrante brezza che spira fra i suoi
rami si leva il grido: «Colui Che è il Signore sovrano
di tutto Si è manifestato: il Regno è di Dio!»., mentre
dalle sue acque scorrenti si ode il mormorio:
«Tutti gli occhi si rallegrano, poiché Colui Che nessuno
aveva veduto, il Cui segreto nessuno aveva penetrato,
ha sollevato il velo della gloria e scoperto il
volto della Bellezza».


151:1 O usignoli di Dio, liberatevi dalle spine e dai rovi
dell’infelicità e della disperazione e spiccate il volo
verso il roseto d’inalterabile splendore. O amici Miei
che abitate nella polvere! Affrettatevi verso la vostra
dimora celeste. Annunziate a voi stessi la lieta
novella: «Colui Che è l’Amatissimo è giunto. Egli Si
è incoronato della gloria della Rivelazione di Dio e
ha dischiuso agli uomini le porte del Suo antico
Paradiso». Gioisca ogni occhio, si rallegri ogni
orecchio, poiché questo è il tempo di mirare la Sua
beltà, questo è il momento opportuno per ascoltare la
Sua voce. Proclamate a ogni bramoso amante:
«Guarda, il tuo Benamato è venuto fra gli uomini!», e ai messaggeri
del Monarca dell’amore comunicate la
novella: «Ecco, l’Adorato è apparso ammantato in
piena gloria!». O amanti della Sua bellezza! Mutate
l’angoscia per la separazione da Lui nel gaudio
dell’eterno ricongiungimento e lasciate che la dolcezza
della Sua presenza dissipi l’amarezza della
lontananza dalla Sua corte.
2 Mirate come le molteplici grazie di Dio che
discendono dalle nubi della gloria divina abbiano
pervaso, in questo giorno, il mondo. Poiché, mentre
nei giorni passati l’amante supplicava e cercava il
Benamato, adesso è il Benamato Che chiama gli amanti
e li invita alla Sua presenza. Attenti a non perdere
un così prezioso favore, guardatevi di non sminuire
un così cospicuo pegno della Sua grazia. Non
abbandonatene i benefici incorruttibili e non accontentatevi
di ciò che è perituro. Alzate il velo che vi
oscura la vista e dissipate le tenebre che
l’avviluppano, così che possiate vedere la nuda beltà
del volto del Benamato, contemplare ciò che mai
occhio ha contemplato e udire ciò che mai orecchio
ha udito.


Io dico che queste parole si riferiscono al secondo avvento di Cristo.
Decuius
Decuius

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 16.07.19

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum