Nasce la professione del coccolatore.

Andare in basso

Nasce la professione del coccolatore. Empty Nasce la professione del coccolatore.

Messaggio Da Samael il Mar Set 10, 2019 5:08 pm

Tutti abbiamo bisogno di affetto, ma a quanto pare pochi ne trovano .... almeno se è vera la legge della domanda e dell'offerta. E' nato infatti un nuovo lavoro, quello del coccolatore.
L'idea è di Travis Sigley, l'ideatore della filosofia seguita anche da un'altra "coccolatrice di professione", Jacqueline Samuel, che ha deciso di inventarsi questo particolare lavoro.
Travis è laureato in psicologia e ritiene che, attraverso il contatto fisico, sia possibile superare l'ansia e la paura che spesso accompagna le persone. Le coccole, infatti, aiutano a rilassarsi e ad incrementare la fiducia in sé stessi.
In precedenza l'uomo faceva lo spogliarellista e gli capitava spesso che molti clienti gli chiedessero di appartarsi con lui solo per avere un po' di compagnia o per scambiare quattro chiacchiere. Così ha deciso di iniziare delle vere e proprie "sedute di coccole", senza alcun contatto sessuale, al costo di 75 dollari l'una.
Sigley ha anche in programma di fare un "coccole tour", con lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica sul contatto fisico e cercare ad ogni costo di diffondere il più possibile la sua particolare filosofia.

Cosa pensate di una società in cui ci sono queste figure?
Fareste i coccolatori o vi rivolgereste ad un coccolatore ?
Samael
Samael

Messaggi : 469
Data d'iscrizione : 30.08.18
Località : Verona

Torna in alto Andare in basso

Nasce la professione del coccolatore. Empty Re: Nasce la professione del coccolatore.

Messaggio Da tessa il Mar Set 10, 2019 8:24 pm

Ah, beh, io farei la coccolatrice se tutti avessero la faccia come quella del tuo avatar, che è l'attore americano Keanu Reeves, pero' non so se riuscirei a fermarmi con uno come Reeves. Ma poi, un gran fico come lui, avrebbe bisogno di coccole? Sappiamo tutti ( Per Verci... )è scritto su tutti i giornali che è spesso in Italia perchè' ha comprato una villa ad Anacapri alla sorella malata di leucemia, talvolta lo si vede nei corridoi del Gemelli,fu invitato al Festival di Sanrmo 2 anni fa, perchè era in Italia per stare vicino alla sorella che era al Gemelli.
Se mi capitasse uno con una brutta faccia , ad es uno tratto da "Quella sporca dozzina" di Aldrich, non so se riuscirei a fare la coccolatrice, anche se poi Lee Marvin e Charles Bronson sono stati due bellissimi uomini.
Il problema è soprattutto nel paziente, già si innamorano di psicologi e psichiatri, e invece che una buona cosa puo' diventare anche cattiva nella consapevolezza di pagare 100€ per avere 45 min di coccole, quando gli altri le hanno gratis.
Tu, Samael, faresti il coccolatore?
tessa
tessa

Messaggi : 1163
Data d'iscrizione : 30.07.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum