L'abolizione dei riti.

Andare in basso

L'abolizione dei riti. Empty L'abolizione dei riti.

Messaggio Da Decuius il Mar Set 03, 2019 10:03 am

Innanzitutto è bene sapere qual è il modo corretto di considerare le varie religioni. Troviamo la risposta ne “Il documento di Tsung Ching su Hui Hai” (12), un testo del buddhismo zen: 
“Il Confucianesimo, il Taoismo e il Buddhismo corrispondono in realtà a una o a tre dottrine?

Maestro (Hui Hai): Usati dagli uomini di grande abilità sono identici. Compresi dagli uomini di intelletto limitato sono differenti.”
Perché le religioni sono identiche per gli uomini di grande abilità? Perché costoro considerano l’essenza delle religioni: sono di origine divina, insegnano a compiere il bene e a vivere secondo natura. Gli uomini di intelletto limitato considerano i particolari e allora trovano un’infinità di differenze!
Detto questo, qual è il modo per poter giungere all’unità delle religioni? In realtà è impossibile fondere religioni che prevedono riti diversi, perciò si deve arrivare all’unità dei credenti attraverso l’abolizione dei riti.
Chi abolisce i riti è anche tenuto a spiegare qual è stata la loro funzione fino a oggi. Dio ha istituito i riti probabilmente facendo questo ragionamento: “Ogni volta che i credenti compiranno un rito, quale che sia, saranno obbligati a pensare a me. Forse, pensando a me, eviteranno di compiere il male e magari compiranno anche buone azioni!”
Chi è sempre consapevole della presenza di Dio, della necessità di evitare il male e della necessità di compiere il bene, non ha alcuna necessità di compiere riti. Per costoro i riti sono aboliti.

Una conferma della giustezza di ciò si trova in un testo taoista “Il libro del Tao e della virtù” (38:17 e seguenti): 

“Perduto il Tao venne poi la virtù, perduta la virtù venne poi la carità, perduta la carità venne poi la giustizia, perduta la giustizia venne poi il rito: il rito è labilità della lealtà e della sincerità e foriero di disordine.”
Tao significa Via.

Facciamo un salto indietro: Cristo venne per gli ebrei perché loro erano in possesso della Bibbia e avrebbero potuto comprendere il “nuovo” messaggio portato da lui. Cristo liberò, altresì, gli ebrei dai tanti riti ai quali erano obbligati perché si dimenticavano spesso di Dio e istituì qualche nuovo rito. Come ringraziamento fu crocifisso. Ad avvantaggiarsi del suo “nuovo” messaggio furono soprattutto i Gentili, i non ebrei. La morte di Cristo in croce, comunque, aprì la strada per la vita eterna a quelli che se la sarebbero meritata.

Alla seconda venuta, Cristo cos’altro potrebbe fare se non rivolgersi ai credenti di tutte le religioni, in grado di comprendere il “nuovo” messaggio che porta? Cos’altro potrebbe fare, se non liberare i credenti dai riti ai quali sono obbligati? Qual è il ringraziamento che riceve? Una seconda forma di crocifissione: ignorare e tenere nascosto il “nuovo” messaggio in un tempo in cui la comunicazione è ai massimi livelli, anche tecnologici. Chi si avvantaggerà del “nuovo” messaggio? Soprattutto coloro che si sono già liberati della schiavitù delle religioni, pur credendo all’esistenza di un Dio.
Questa seconda forma di crocifissione di Cristo, paragonabile all’inferno, alla seconda morte, apre la strada per il paradiso terrestre a quelli che se lo meriteranno.
In sostanza, occorrono almeno due vite di sofferenza per due importanti conquiste: la vita eterna e il paradiso terrestre. E questo vale per tutti.
Decuius
Decuius

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 16.07.19

Torna in alto Andare in basso

L'abolizione dei riti. Empty Re: L'abolizione dei riti.

Messaggio Da tessa il Mar Set 03, 2019 5:51 pm

No, non sono d'accordo che alla sua seconda venuta Cristo dovrebbe liberarci dai riti, e lasciarci solo il sacro rito della gita in barca per le vacanze, della sosta davanti al caminetto sulle Dolomiti, e basta?
Io penso che i riti siano importanti e diano un senso alla nostra vita, mamma che sta cominciando a farsi vecchia va tutti i giorni alla Messa delle 19 e chiacchiera con i preti e le altre vecchie, i riti della Settimana Santa sono importanti per quelli che rimangono in città, essendo poveri, e gi offrono qualcosa che non hanno tutti i gorni, e così la novena di Natale aiuta soprattutto i più anziani che poi saranno esclusi da feste con damigelle in abiti scollati e provocanti.Ci sono tutti i riti, le novene per tutti i santi, per la Madonna e va bene così. Un tempo si diceva che una donna subito dopo l'jltima mestruazone si sentiva e
d era considerata vecchia. Ora palloni di silicone sotto seni penduli, zigomi gonfiati di acido ialuronico, labbra a ciabatta pimpate, anch'esse ,di acido ialuronico cross- linkato. liposuzioni su ventre, cosce, collo, braccia danno 'loro altri 20 anni di "giovinezza" finchè si guardano allo specchio, vedono lo spauracchio e le corna dei mariti, e si ficcano in chiesa trovando rifugio in tutti i riti in attesa della fine che, purtroppo, arriva per tutti.
tessa
tessa

Messaggi : 1166
Data d'iscrizione : 30.07.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

L'abolizione dei riti. Empty Re: L'abolizione dei riti.

Messaggio Da Decuius il Mar Set 03, 2019 7:42 pm

Fortunatamente l'importante è che sia d'accordo Dio.
Qui ho fatto solo la citazione taoista a sostegno dell'abolizione dei riti, ma in seguito posterò rivelazioni più recenti, che all'epoca non conoscevo, che confermeranno la bontà della scelta.
Nella Bibbia stessa, comunque, è scritto che Dio vuole essere adorato in spirito e verità, non attraverso riti. (Gv. 4:23)
Decuius
Decuius

Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 16.07.19

Torna in alto Andare in basso

L'abolizione dei riti. Empty Re: L'abolizione dei riti.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum