Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Lun Ott 24, 2016 10:15 am

Due sole sono le righe di Wikipedia su questo politico francese piuttosto anomalo. Eccole qua:
«Emmanuel Macron (Amiens21 dicembre 1977) è un funzionariobanchiere e politico francese, Ministro dell'Economia, dell'Industria e del Digitale nel Governo Valls II dal 26 agosto 2014 al 30 agosto 2016 [1].
–––> https://it.wikipedia.org/wiki/Emmanuel_Macron
Questo per dire che Macron non ha ancora una elevata notorietà.

Si sa che la popolarità di Hollande è stata scarsa fin da poco dopo la sua elezione a Presidente della Repubblica Francese (anche se è poi ricresciuta nel 2015 in seguito agli attentati dell'estremismo islamico in Francia).

Il candidato socialista alle presidenziali dell'anno prossimo (tarda primavera 2017) era pronosticato l'attuale capo di governo Manuel Valls.

Ma adesso pare che Macron si dia molto da fare per sostituirlo .. e anche se non ancora ufficialmente – bisognerà aspettare le "primarie" socialiste – si pronostica che il candidato socialista alle prossime presidenziali francesi sarà proprio lui, Emmanuel Macron.

Interessante, per i federalisti europei (e, più in generale, per gli europeisti), è l'insistere di Macron su temi europei.  Leggo stamattina su Euractiv  (in francese) , che nei suoi ultimi interventi Macron parla di sé come fosse già candidato alla Presidenza della Repubblica e dicendo che imposterà la sua campagna elettorale sull'Europa e sulle necessarie riforme del suo funzionamento.
[Ha citato espressamente il caso del fallimento dell'accordo commerciale
CETA tra UE e Canadà, dicendo che cose del genere non dovranno più accadere. Come probabilmente à già noto ai lettori, la ratifica del CETA prevedeva  l'unanimità, che non c'è stata per la sola astensione del Belgio nonostante il favore del governo belga, in quanto il parlamento regionale della Vallonia (francofona) ha posto il veto al governo Belga (cosa possibile nell'ordinamento belga in quanto CETA, valutato e studiato per bene, in qualche aspetto non è puramente commerciale!).

Ad essere onesto, devo dire che a proposito non sono affatto bene informato (non su Emmanuel Macron e tantomeno sul contenuto di CETA)
Credo tuttavia che meriti una attenta lettura l'articolo  di qualche giorno fa su Macron pubblicato da EurActiv

–––> http://www.euractiv.fr/section/politique/news/macron-promet-de-mener-le-combat-europeen/?nl_ref=23235610

Provo a trascriverlo.
Macron promet de mener le « combat » européen



Par :  Cécile Barbière |  EurActiv.fr

(mis à jour: 20 ottobre 2016 12:02:23 CEST)


À l’occasion d’un débat organisé aux Journées de Bruxelles, le candidat pressenti à la présidentielle française, Emmanuel Macron, a déroulé un programme de campagne sur l’Europe.
Si l’ancien ministre de l’Économie n’est pas (officiellement) candidat à l’élection présidentielle française de 2017, son programme en matière de politique européenne semble lui déjà prêt.
Invité à Bruxelles à débattre avec la commissaire à la concurrence, Margrethe Vestager et le commissaire en charge de l’innovation, Carlos Moedas, Emmanuel Macron a déploré que « l’idée européenne [soit] trop absente de nos débats [présidentiels] »
Si l’ancien ministre de François Hollande a éludé la question de sa participation à l’élection présidentielle française de 2017, il a affirmé vouloir mener le combat en faveur de l’Europe. « Il y a des combats que j’ai furieusement envie de mener, dont celui sur l’Europe, et ça mérite quelques batailles » a-t-il affirmé en fin de débat.

Candidat potentiel 
Ministre de l’Économie pendant deux ans au sein du gouvernement de François Hollande, l’ancien banquier qui n’a jamais été encarté au Parti socialiste a quitté Bercy il y a quelques mois sur fond de désaccords régulier avec la ligne définie par le chef de l’État.
Depuis, il a lancé son mouvement politique, baptisé « En Marche ! »,  sa candidature à la prochaine présidentielle, si elle n’est pas officielle, semble probable. Selon un  sondage Elabe  pour BFM TV publié le 19 octobre, ce dernier pourrait recueillir 27% des voix au scrutin présidentiel, soit 9 points de plus que l’actuel premier ministre manuel Valls et 15 points de plus que François Hollande.

Changer le discours sur l’Europe 
Lors du débat intitulé « Comment donner un avenir à l’Europe ?» organisé par l’Obs en partenariat avec Le Soir et De Standaard  Emmanuel Macron a appelé les politiques européens à adopter une nouvelle « hygiène » dans leur discours public sur l’UE. « La première chose à changer, c’est le discours des politiques, qui rejette toujours la faute sur l’Europe. Car l’Europe c’est nous qui la décidons » a-t-il martelé.
«  L’Europe se porte mal parce qu’on raconte des craques » a-t-il ajouté. Pour redonner corps à une légitimité démocratique européenne à la peine, Emmanuel Macron a déroulé deux propositions : la création de listes électorales paneuropéennes pour les prochaines élections qui se tiendront en 2019 et la création d’une nouvelle feuille de route européenne, élaborée à partir de contributions citoyennes.
––––––––


Ultima modifica di Erasmus il Mar Mar 14, 2017 9:46 pm, modificato 3 volte

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Gio Feb 02, 2017 3:48 pm

Sondage : Macron devient le favori de la présidentielle
En savoir plus sur http://www.lesechos.fr/elections/emmanuel-macron/0211758000829-sondage-macron-devient-le-favori-de-la-presidentielle-2061850.php#dIrahG8gHB3rb6gV.99

Trascrivo da "LesEchos.fr":
––>Macron devient le favori de la présidentielle

EXCLUSIF + DOCUMENT et VIDEO - Selon un sondage Elabe pour Les Echos et Radio Classique, le candidat d'En Marche devance largement François Fillon au premier tour et bat Marine Le Pen au second tour de la présidentielle.

La candidature d' Emmanuel Macron a franchi une nouvelle étape. Selon le sondage Elabe pour « Les Echos » et Radio classique, le candidat d'En Marche à l'Elysée se qualifie pour le second tour de la présidentielle, quel que soit le scénario du premier.

La présence de François Bayrou n'est plus un obstacle pour lui : Emmanuel Macron atteint 22 % (+1 point) des intentions de vote si le président du Modem est candidat, et 23 % (stable) s'il est absent. Il s'installe au-dessus des 20 % d'intentions de vote, seuil qu'il tutoyait jusque-là.

En savoir plus sur http://www.lesechos.fr/elections/emmanuel-macron/0211758000829-sondage-macron-devient-le-favori-de-la-presidentielle-2061850.php#BrtLyBRrEmEOj5Cy.99


––––––––

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Mer Feb 08, 2017 8:42 pm

Macron the Maverick
by KEMAL DERVIŞ
––> https://www.project-syndicate.org/commentary/macron-le-pen-french-election-by-kemal-dervis-2017-02

WASHINGTON, DC – Marine Le Pen, the leader of France’s far-right National Front, may be a charter member of what New America Senior Fellow Scott Malcomson calls the “Nationalist International.” But she is not the only “maverick” who is polling well in the run-up to her country’s presidential election this spring.
Emmanuel Macron is also a maverick, but of a very different type. After serving as Minister of the Economy, Industry, and Digital Affairs under French President François Hollande, he launched his own political movement, En Marche!, and is running for president as an independent. Macron is only 39, and has never been a party politician. As recently as three months ago, few observers gave him a chance. But he quickly assembled a strong team, and has rallied support among younger voters.

The Year Ahead 2017 Cover Image
Macron has been polling around 20% for the election’s first round in April. That appears insufficient to advance to the election’s second round in May, when the top two candidates will face off to determine the winner.
The first-round front-runners have been Le Pen, hovering at around 27% in the polls, and François Fillon, who served as Prime Minister under former President Nicolas Sarkozy. But Fillon’s candidacy is now in doubt, following allegations that he employed his wife and children in fictitious positions while serving in the National Assembly. Meanwhile, left-wing candidate Benoît Hamon has surged in the polls since winning the Socialist Party primary, and is now approaching 20%.
Although Macron has positioned himself against the old left and the old right, he is neither a left- or right-wing populist, nor a traditional centrist. He hails from the left emotionally and intellectually, but he rejects traditional “class politics.”

Macron is campaigning for votes from all parts of society. He has reached out to workers who feel betrayed by the “system” and threatened by globalization and new technologies; and to teachers and health-care professionals who recognize that public education and health-care services need deep reforms to sustain the social solidarity that they underpinned in the past. But he is also seeking support from innovators and entrepreneurs, who want a freer regulatory environment and improved access to resources.

He has not yet formulated a full program. But Jean Pisani-Ferry, one of the best policy economists in France, recently resigned as director of the government think tank France Stratégie to become Macron’s program director. So far, Macron has emphasized a type of social solidarity that makes more social benefits universal and portable, while advocating more preventive health care. He views such social policies as complementary, not counter, to growth-enhancing measures, and is calling for more support for innovative business.

In contrast to other mavericks, Macron’s campaign will be positive. He will likely avoid vituperative attacks on other candidates, and make the case that France has more to gain from cooperative reforms than from declaring war on “experts,” the press, capital owners, union workers, immigrants, or other specific groups.
Macron is thus a foil to today’s populists. By employing fact-based arguments and appeals to humanist and democratic values, he is trying to modernize and rejuvenate the left – his “home” – as well as parts of the right. And he is a strong believer in Europe who supports proposals to establish a eurozone finance minister.

In today’s Europe, there are countries that want to integrate more closely on the basis of the euro, and countries that favor a looser cooperative structure. The United Kingdom, for example, is leaving the European Union, but may want to maintain a European continental partnership, as described by a group of influential Europeans. Such an approach resembles what I previously described as “two Europes in one.” Macron envisions a more integrated Europe based on subsidiarity. He advocates local decision-making whenever possible and effective, but also supports national and European-level decision-making where this is appropriate; the key is that processes should be flexible and enable citizen participation. He recognizes that shared sovereignty will make Europe more influential, thereby empowering its citizens. And he views globalization as a good thing, but understands that it must be managed through durable, efficient international agreements and institutions.

The opinion polls are currently bouncing wildly, owing to the Fillon scandal and a surge in support for Hamon among left-wing voters outside of the Socialist Party. But if Macron qualifies for the second round, he will pose a greater threat to Le Pen than an outright left-wing candidate would. He could be the one to upset the Nationalist International’s applecart.

Fake news or real views
Indeed, a Macron victory could launch a counter-trend to the populism that is sweeping the globe, by giving hope to all who are sympathetic to the left or right, but anxious about populism and hyper-nationalism. The alternative could be a Le Pen victory, and a further step back toward the 1930s, when too many countries turned their back on international cooperation and collective solutions to shared problems.

After the UK’s Brexit referendum and the US presidential election in 2016, the French presidential election could now be a tipping point. It is still a long time until the first-round vote in late April, and we have learned to expect surprises and not to put too much faith in early polls. But it seems that the unusual candidate Macron, rather than the populist mavericks to whom we have become accustomed, could win out.

–––

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Condor il Dom Feb 12, 2017 8:00 pm

[...]
Vediamo che tipo di socialista è Macron, che la Francia si terrà all’Eliseo per un mandato o due.  Anzitutto: è un  banchiere d’affari della Rotschild. C’è entrato  nel 2008  come analista – per i buoni uffici di Jacques Attali (j) ministro di Mitterrand  e maitre à penser, ed è salito in carriera fino a diventare “partner”, socio  di David de Rotschild, che è un intimo di Sarkozy (j)  e  di Alain Minc (j).
E’ un ragazzo svelto a imparare. Si occupa di fusioni ed acquisizioni:  sostanzialmente vende aziende francesi a multinazionali,  americane  o no. Nel 2012, affianca e consiglia la Nestlé nell’accaparramento del  settore “latti per l’infanzia”  della Pfizer, soffiando il lucroso  settore alla Danone  che lo voleva.  E’ un affare valutato a 9 miliardi di euro. Le  commissioni lucrate allora dal giovanotto sono tali che, si dice, “Macron è al riparo dal bisogni fino alla fine dei suoi giorni”. Un super-milionario.  In quell’attività, ovviamente si è fatto una quantità di complicità e amicizie nel salotti buoni che contano, conosce tutti i segreti, i misteri, i progetti  nel mondo dei veri grandi ricchi; tanto più  che spesso nelle fusioni ha operato come “consulente acquirente”, mettendoci il suo capitale  insieme a quello del cliente.
La Banca Rotschild presta volentieri i suoi giovani più brillanti al governo, ministri, segretari generali dell’Eliseo, aggiunti, capi di gabinetto…”Ad ogni cambiamento di governo – ha scritto il Nouvel Osbservateur – Rotschild riesce a piazzare qualche collaboratore fra gli incartamenti del potere. Chiama ciò “mettersi al servizio”. Macron perpetua la tradizione”,  divenendo ministro dell’Economia  dell’Industria e del Digitale  dal 2014. Nell’agosto scorso, come detto, si dimette per fondare il suo movimento: forte il sospetto che sia stata una dimissione concordata nel quadro del vasto progetto  – in cui è entrato anche il trappolone per Fillon –  per mantenere il potere agli stessi circoli.  Siamo,   molto al disopra della Gauche-Caviar.   Molto prossimi alla Squadra e al Compasso, ma   sopra ancora.   Siamo, se così si può dire, alla Gauche-Rotschild.
Quindi la liberazione della Francia è ancora una volta rimandata. Macron  è un superliberista e promotore del mercato unico mondiale.
Articoli dedicati a Macron in confronto a quelli dedicati ai tre candidati della sinistra (Jean-Luc Mélenchon, Arnaud Montebourg e Benoît Hamon) messi insieme.
I media mainstream, che a volte sono profeti,  hanno subito capito  di quante  virtù è pieno il candidato, e  l’hanno elevato a forza di servizi speciali, sempre più in alto nei sondaggi: l’ottobre 2014, solo l’11 per cento degli interpellati   desiderava che Macron avesse un ruolo più importante nella politica; il 6% degli operai, il 4% degli artigiani. Oggi i sondaggi lo dicono la personalità politica preferita dai francesi.
A  meno che…
Il  6 febbraio, Sputnik e Russia Today hanno  cominciato  a dire che Julian Assange  ha trovato dei particolari compromettenti su Macron. Cose che avrebbero a che fare con  i circoli intimi della  Clinton, e  il capo della campagna di Hillary John Podesta,  se capite cosa intendo: il deputato Nicolas Dhuicq (Les Républicains)  ha  cominciato a spifferare quello che sembra un segreto di Pulcinella: “Macron è il coccolino dei media francesi, che sono proprietà di  certe persone, come sappiamo tutti”.  No, quali persone? Non sappiamo, noi. “Fra gli uomini che lo sostengono, si trova il celebre uomo d’affari Pierre Bergé, compagno di lunga data di Yves Saint-Laurent, apertamente omosessuale e promotore delle nozze omosessuali. C’è una ricchissima lobby gay dietro di lui. Non dico altro”.
Chissà. Magari i siluri degli hacker russi che hanno affondato Hillary, sono già caricati per colare a picco Macron.

http://www.maurizioblondet.it/trucco-cui-francesi-voteranno-un-socialista-dei-rotschild/
avatar
Condor

Messaggi : 361
Data d'iscrizione : 27.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Dom Mar 12, 2017 11:18 pm

Condor ha scritto:Vediamo che tipo di socialista è Macron, [...]
???
Ma che razza di domanda è questa?
Macron non si è mai qualificato di alcuna corrente politica, quindi non è mai stato socialista né si è mai detto tale (né di altro qualsivoglia schieramento politico).
Sei partito col piede sbagliato!
Non meriti che io prosegua a leggerti!

E sei il secondo che tenta di "gabellarmi" Macron per sedicente socialista.
L'altro, fidandosi di un articolo di "Il Foglio" – il quotidiano di Giuliano Ferrara – che presentava Macron come nuovo "rivale" di Valls dando per scontato (senza però dichiararlo esplicitamente) che Macron era stato battuto da Valls alle "primarie" dei socialisti francesi, mi dava Macron per "falso socialista" per il fatto che Macron era stato addirittura un "banchiere".

Nel mio primo intervento ho fatto capire senza equivoci che, pur essendo stato Macron ministro (di ben 3 ministeri contemporaneamente) dell'ultimo governo Valls, Macron non è MAI stato schierato (né a sinistra né a destra), mai iscritto ad alcun partito; ed ora corre per la Presidenza della Repubblica senza l'appoggio di alcun partito (e però con un gruppo di fautori – che pure rifiutano qualsiasi etichetta e qualsiasi "colore" – per il quale Macron ha inventato il movimento "En marche"..
In particolare è una BUFALA che Macron sarebbe stato battuto da Valls alle primarie dei socialisti francesi, dato che Macron non ha MAI partecipato a PRIMARIE di alcun tipo!
E' il mio preferito come candidato alla Presidenza della Repubblica francese perché non si appoggia affatto (come han sempre fatto tutti i predecessori, fossero di destra o di sinistra) sul "sovranismo" nazionalista (che in Francia ha sempre pagato lautamente ... e Marine Le Pen ne sa qualcosa, ma ne sanno qualcosa anche Hollande, Sarkozy, Chirac, ecc. ecc.). Al contrario Macron dice chiaro e tondo che ogni stato europeo (intendendo con ciò gli stati dell'UE) andrà in malora se l'Unione Europea si disfa, che è un imbroglio la propaganda che predica la "sovranità nazionale" in quanto o gli europei si riprendono assieme la ormai perduta sovranità o non la ritroveranno mai più (l'avranno cioè persa per sempre!).
Ma fino a poco tempo fa – per quel poco che ne potevo sapere io – Macron non ha mai fatto dichiarazioni dal sapore esplicitamente "federalista europeo".
Vengo ora a sapere che proprio per questo suo europeismo fatto di solidarietà tra stati europei e di condivisione politica (specie in politica estera) – europeismo che io leggo come implicitamente federalista ma mai esplicitamente dichiarato tale) è stato "analizzato" (e anche criticato ... e valutato ambiguo) dal sito "Sauvons l'Europe" (condotto da europeisti vicini alle posizioni federaliste dell'UEF –Union des Fédéralistes Européens –).
Il 13 febbraio scorso, il sito "Sauvons l'Europe" ha pubblicato un articolo su Macron in cui, pur "congratulandosi" col candidato per il suo "programma" pro-europeo, si sottolineavano gli elementi poco chiari che potevano dar luogo a diversa interpretazione.
Qualche giorno fa Macron ha scritto a "Sauvons l'Europe" una lettera di risposta agli interrogativi sul suo programma e di chiarificazione dei punti equivocabili. Ora il sito "Sauvons l'Europe" dichiara che le precisazioni di Macron collimano con le posizioni pro-europee del sito stesso.

Cliccare sul link seguente e leggere, prego!
––> Emmanuel Macron risponde a "Sauvons l'Europe" (sauvonsleurope.eu/)

Purtroppo non c'è niente in italiano – o meglio: io in italiano non ho trovato niente – a proposito di quesa lettera di Macron a "Sauvons l'Europe".
Comunque, potete anche voi curiosare (e trovare notizie in proposito anche in inglese) cliccando sul seguente link (di ricerca con Google):
––> "Emmanuel Macron risponde a Sauvons l'Europe" (ricerca con Google).
___


Ultima modifica di Erasmus il Mer Apr 19, 2017 8:40 pm, modificato 3 volte

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Condor il Mar Mar 14, 2017 7:10 pm

Erasmus ha scritto:
???Ma che razza di domanda è questa? Macron non si è mai qualificato di alcuna corrente politica, quindi non è mai stato socialista né si è mai detto tale (né di altro qualsivoglia schieramento politico). Sei partito col piede sbagliato! Non meriti che io prosegua a leggerti!E sei il secondo che tenta di  "gabellarmi" Macron per sedicente socialista. é [...] 

L'articolo è di Blondet, che come me, e tantissimi italiani, è un eurorazionale, anche se qualche eurofanatico ci confonde come eurofobi. A te cultore della lingua italiana non devo certo spiegare la macroscopica differenza tra eurorazionale ed eurofobo.
Mettendo ordine alla classifica dei tuoi "gabellatori", io sarei il terzo.
Ciao, Erasmus!
avatar
Condor

Messaggi : 361
Data d'iscrizione : 27.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Mar Mar 14, 2017 8:47 pm

Condor ha scritto:L'articolo è di Blondet,
L'ho letto adesso cliccando sul link che hai messo in fondo al tuo messaggio.
Non conosco 'sto Maurizio Blondet. Ma leggo adesso che è un giornalista in pensione e che in pensione ci è andato dalla posizione di collaboratore di "La Padania". Già questo, per me, depone poco a favore del "nostro".
Nell'articolo (che io ho letto ora lnel suo "blog") nomina "En Marche" solo per dire che il neo-movimento ha le iniziali stesse de nome-cognome del suo fondatore. Non una parola sul programma di Macron né su quel che va dicendo Macron nella sua "campagna elettorale"; mentre invece si spreca nel parlare di Fillion.
Dice poi quel che ora cito (che, se uno conosce un po' della biografia di Macron, capisce che è una gran cazzata) : « [...] è stato ministro di Valls e di Hollande fino all’agosto scorso, quando si è staccato dai PS per fingersi indipendente. Un PS che s’è messo una nuova maschera appena in tempo.». Anche Blondet (come quell'altro di "Il Foglio", di cui ora mi sfugge il nome), spaccia Macron per socialista – "un PS" per dire uno del Partito Socialista – senza tuttavia dichiarare esplicitamente l'appartenenza di Macron al PSF. I casi sono due: o Blondet sa che Macron non è mai stato iscritto al PSF né si è mai detto simpatizzante della sinistra (e allora Blondet è un bugiardo), oppure non lo sa (e allora è un ignorante nell'argomento che vuole trattare ... estia dunque al suo posto invece di pontificare su quel che non conosce).
A te ricordo – ma penso che lo sai già – che Tommaso Padoa-Schioppa – che è stato ministro delle finanze nell'ultimo governo Prodi (2006-2008) – non è mai stato inscritto a nessun partito politico (ed invece, assieme al fratello Antonio, è stato un dirigente del MFE). Quello che probabilmente non sai è che Berlusconi, nel mettere in piedi la campagna elettorale per le politiche del 2006 (quando era lui il Primo Ministro ... e pensava di esserlo anche dopo le elezioni) aveva chiesto a Padoa-Schioppa di candidarsi nelle sue liste promettendogli proprio il Ministero delle Finanze (ma TPS gli ha detto di no). Ovviamente, dopo la vittoria di Prodi e la nomina di Padoa-Schioppa a Ministro delle Finanze (senza nemmeno essere stato parlamentare e nemmeno candidato in alcuna lista) ... ecco che Padoa-Schioppa è spacciato da più di metà dei "media" come uomo di "sinistra", vicino al partito guidato allora dall'ex_comunista Walter Veltroni!

---
Perché la differenza tra "eurorazionale" ed "eurofobo" in questo contesto? Non ho capito.
C'è chi presume di essere "eurorazionale" senza esserlo affatto.
E ci sono "eurofobi" che tacciano di "eurofanatismo" i veri "eurorazionali". Tra questi permettermi di metterci Jacques Delors (socialista, ma anche "credente cristiano"), Ugo La Malfa (ateo, europeista, amico di Spinelli – pure ateo –, iscritto al MFE prima della fine della guerra mondiale), Guy Verhofstadt (liberale) e Alcide De Gasperi (cattolicissimo!).
Spero – ma non mi sento ancora sicuro – che tra gli "eurorazionali" si possa presto annoverare anche Emmanuel Macron.
––––––––––
P.S.
Se non ho capito male, quando Blondet riprende finalmente a parlare di Macron lo fa per dire quello che – secondo lui o secondo altri? Non si capisce! – sarebbe il segreto di Pulcinella: Macron è un omosessuale (amico intimo di "gay" professi).
Spero di aver capito male. +
Se Blondet fosse più esplicito non avrei questi dubbi di comprensione. Ecco come si esprime:
«Il deputato Nicolas Dhuicq (Les Républicains) ha cominciato a spifferare quello che sembra un segreto di Pulcinella: “Macron è il coccolino dei media francesi, che sono proprietà di certe persone, come sappiamo tutti”. No, quali persone? Non sappiamo, noi. “Fra gli uomini che lo sostengono, si trova il celebre uomo d’affari Pierre Bergé, compagno di lunga data di Yves Saint-Laurent, apertamente omosessuale e promotore delle nozze omosessuali. C’è una ricchissima lobby gay dietro di lui. Non dico altro”.» Qui non sicapisce nemmeno se i brani tra virgolette sono di Blondet o di chi altri!].
Certamente Macron non è omosessuale.
Ha però una posizione matrimoniale un po' "strana"!
E' sposato con una donna (Brigitte Trogneux) che ha 18 anni più di lui, la quale per prima si è innamorata di lui quando lui era un ragazzino e lei, sposata e madre di tre figli, era la sua insegnante di Francese in un liceo di Amiens. Lei, per stare con l'allievo ancora minorenne, lasciò il marito... dal quale presto divorziò (consensulamente). I tre figli (minorenni) furono allora affidati all'ex-marito. Macron e la Trogneux prima convissero (mi pare per ben 12 anni, ma non ne sono sicuro) e poi si sposarono (nel 2007, con Michel Rochard tra gli invitati). Emmanuel e Brigitte sono dunque insieme da più di 20 anni e sposati da 10 anni. La moglie Brigitte è già nonna e ci sono foto (di cui Macron non fa mistero) che ritraggono Macron mentre allatta col biberon un nipotino di sua moglie.
Insomma – sempre se ho capito bene – un'altra cazzata di Blondet (in grave ritardo sulla stampa spazzatura francese ... e mi pare che una rivista abbia anche ritrattato le precedenti insinuazioni sull'omosessualità di Macron).

Ciao Condor.
[Hai letto gli altri miei interventi, oer esempio quello su "Pulse of Europe"?]

Ciao ciao a tutti
____


Ultima modifica di Erasmus il Mer Apr 19, 2017 8:55 pm, modificato 3 volte

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Condor il Mer Mar 15, 2017 12:25 am

Erasmus ha scritto: Ciao Condor.
[Hai letto gli altri miei interventi, oer esempio quello su "Pulse of Europe"?

Ciao ciao
L'ho letto "Pulse of Europe", e ad essere sincero ne ho dedotto un contenuto pregno di panem et circenses, favorevole al perpetuarsi delle autocrazie di Bruxelles.
Immagino che in ciò che ho affermato ci vedi una grande cazzata, e che devo darmi una regolata.




 
avatar
Condor

Messaggi : 361
Data d'iscrizione : 27.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Mer Mar 15, 2017 12:55 am

Condor ha scritto:L'ho letto "Pulse of Europe", e ad essere sincero ne ho dedotto un contenuto pregno di panem et circenses,
???
"Dedotto", dici? E da che l'hai "dedotto"? Non fare il sibillino!
Mi pare che fossero le autorità governative (non ricordo se il Senato e i Consoli in epoca repubblicana o l'Imperatore in epoca imperiale) ad elargire "panem ed circenses (ludos)" . Invece "Pulse of Europe" – nato da un paio di mesi– è stato inventato da Daniel & Sabine Röder ... potenti e noti meno di Carneade (di manzoniana memoria).

E tu saresti l'eurorazionale ?!
Pfui!

Ciao ciao
---------


Ultima modifica di Erasmus il Mer Apr 19, 2017 8:58 pm, modificato 1 volta

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Mer Mar 15, 2017 12:52 pm

Ho aperto questo thread il 24.10.2016, quasi 5 mesi fa.
Non c'erano ancora state le primarie socialiste; e non c'era ancora il "clash" di Fillion.
Tutti pensavano che il candidato dei socialisti sarebbe stato Valls. Ed invece, al ballottaggio delle primarie socialiste Hamon ha battuto Valls.
Hamon è diventato il candidato del PSF, proprio lui che si era dimesso dal governo Valls per disaccordi con la maggioranza (secondo Hamon dal socialismo troppo morbido, essendo Hamon un socialista "radicale"). Tra l'altro, Hollande, Valls e la maggioranza degtli attuali dirigenti del PSF aveva appoggiato il SI' nel referendum (29.05.2005) sul Trttato "Costituzione Europea", mentre Hamon aveva appoggiato il NO (con Fabius e altri socialisti) .

Eravamo in pochi a sperare che Macron ce la facesse!

Leggo stamattina che negli ultimi sondaggi Macron supera anche la Le Pen che fino a poco fa tutti i sondaggi davano in testa (sul 26% contro un 20% di Fillon) nella votazione preliminare che ci sarà tra un mese. Sembra dunque ormai quasi certo che Macron andrà al ballottaggio. E allora anche che sarà lui il presidente della repubblica, perché al ballottaggio convergeranno su lui sia quelli che avevano votato Fillon sia quelli che avevano votato Hamon.
Intanto Hamon (come è consuetudine tra i socialisti francesi ... e non solo) cerca di screditare Macron attaccandolo di brutto ed insinuando comportamenti illegali.
Mi parte che c'è in corso anche una indagine [della magistratura inquirente francese] sul viaggio a Las Vegas fatto l'anno scorso da Macron (quando era ancora ministro del governo Valls) ... ma non ho capito per quali presunte scorrettezze. Tuttavia, anche se i "media" strombazzano questa indagine sulla condotta di Macron, dai sondaggi pare che la faccenda non gli nuocia affatto, dato che è in continua crescita.

Ci manca solo un mese alle prime votazioni presidenziali francesi.
Staremo dunque a vedere!
______



Ultima modifica di Erasmus il Mer Apr 19, 2017 9:03 pm, modificato 1 volta

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Sab Mar 18, 2017 10:53 pm

Ho appena letto un articolo di "le Monde" sul programma di Macron, da lui stesso spiegato negli ultimi suoi discorsi in "campagna elettorale" ..
––> Service national obligatoire, défense, politique extérieure : Macron expose ses grandes options
E Macron mi ha deluso!
Oddio: non è che sia peggio degli altri. La delusione sta proprio qui: è come gli altri, come tutti i suoi predecessori!
[Far leva sulla "sovranità" (della Francia), garantita dalla "forza di dissuasione" che sarebbe il suo armamento nucleare.
E dove è finita l'idea della "sovranità europea", da riconquistare insieme, essendo quella nazionale perduta per ogni stato dell'UE, Francia compresa?
L'ultimo discorso di Macron a Parigi (durato ben 90 minuti!) ricalca il solito populismo nazionalista: sovranità, ristabilire il legame tra "Esercito" e "Nazione", e via di questo passo!
Una vera delusione!
Dove sono finite le idee pro-europee che piacevano perfino a "Sauvons l'Europe"?
Negli ultimi discorsi, di Europa non c'è traccia!

Insomma:ancora una volta "niente di nuovo sotto il sole francese!". Macron o Fillon o Hollande (che sembra ricandidarsi all'ultima ora), che differenza fa?
-------
Mi viene in mente quando, nel 1970, ho letto a Parigi, davanti all'Università "La Sorbonne", un cartello (esposto dal locale movimento studentesco e presidiato da quattro studenti universitari) che diceva semplicemente: "A bas l'Armée!" ("Abbasso l'Esercito!"). Ed io (che ho fatto un anno e mezzo di naja come alpino) mi sentivo solidale con quegli studenti!

____


Ultima modifica di Erasmus il Mer Apr 19, 2017 9:10 pm, modificato 1 volta

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da ART- il Mer Apr 19, 2017 8:28 pm

Condor ha scritto:

Sputnik e Russia Today hanno  cominciato  a dire che

.www.maurizioblondet.it/

Che l'apparato di disinformazione neofascista italiano (immagino quindi anche degli altri stati) e quello russo abbiano mobilitato fra i loro pezzi più grossi per dar contro Macron è un buon segno. Macron è quello che serve alla Francia.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Condor il Sab Apr 22, 2017 5:05 pm

ART ha scritto:
Macron è quello che serve alla Francia.
Per disgregare l'Europa senza fare troppo rumore, l'ottimo servitore Macron è quello che serve ai Rothschild, non alla Francia.
avatar
Condor

Messaggi : 361
Data d'iscrizione : 27.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da ART- il Sab Apr 22, 2017 6:02 pm

Abbi pazienza, Condor, è che non tutti crediamo come niente fosse alle solite caxxate complottarde dei neofascisti. Io li conosco molto bene, un po' perchè ho studiato la storia un po' perchè ci ho discusso per anni sui forum.
avatar
ART-

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 08.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Condor il Dom Apr 23, 2017 2:50 am

ART- ha scritto:Abbi pazienza, Condor, è che non tutti crediamo come niente fosse alle solite caxxate complottarde dei neofascisti. Io li conosco molto bene, un po' perchè ho studiato la storia un po' perchè ci ho discusso per anni sui forum.
Un giorno di molti anni fa, in un piacevole scambio di visite, ebbi il modo di parlare di Storia con un mio omonimo, come me, figlio di emigranti italiani nato in America (lui del Michigan, io del Texas).
Angelo era professore di Storia Americana presso l'Università di Los Angeles.
Come allora, ricordo ancora le sue parole che testualmente dicevano: - ricorda che la Storia si legge sempre chiedendoci il perché degli avvenimenti, senza però limitarci al perché scritto dai vincitori -
Capii allora che la vera Storia scaturisce da un continuo lavoro di ricerca e di analisi, senza condizionamenti ideologici e alieni da preconcetti. 
Che Blondet abbia tendenzialmente idee di destra a me importa poco, ciò che conta è che i Rothschild con le loro multinazionali del credito, dai tempi di Napoleone Bonaparte, hanno sempre condizionato la Storia, in particolar modo quella europea; e sarà ancora così, fino a quando non si formerà una cordata di persone intellettualmente oneste che taglieranno il cordone ombelicale alla finanza che mantiene in vita i predatori dell'Umanità.
avatar
Condor

Messaggi : 361
Data d'iscrizione : 27.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Dom Apr 23, 2017 7:21 pm

Salto a pié pari la risposta che volevo dare a Condor.
-------------------------
Oggi domenica 23 aprile 2017, primo turno delle presidenziali francesi.
Alle 19 i sondaggi mettono Macron in testa col 26%. Seconda Le Pen con 23%, Terzo Mélenchon con 21%.

Dunque disfatta per i socialisti, il cui candidato Hamon non solo non arriverà al ballottaggio ma nemmeno tra i primi tre.
[E questo dà la misura della infima popolarità attuale di Hollande].

Ma se davvero Macron arriverà in testa al primo turno, è una grandissima sorpresa anche per me.

Probabilmente, quello che di macron (specie ultimamente) a me non è piaciuto è invece piaciuto ai francesi!"
(I francesi mediamente sono ben più nazionalisti degli italiani). Mi riferisco al calcare anche lui (Macron) alcuni temi "nazionalisti", come la "force de frappe", ossia il promettere il potenziamento della "forza di dissuasione" (che vuol dire potenziamento dell'arsenale atomico).
Mi auguro solo che l'abbia fatto ... per furbizia (sapendo che un po' di nazionalismo in Francia paga sempre!)

Comunque: mi congratulo con me stesso che, aprendo questa discussione ancora nell'ottobre scorso, ero tra i pochissimi a dare Macron come probabile successore di Hollande.
--------------
Vengo ora (a modo mio) a riferirmi agli interventi di Condor.
Caro Condor, il tuo Blondet, come ho già dsetto, o è un ignorante disinformato (e allora stia al suo posto invece di venire a sparare cazzate ... (pardon!) bufale ) o è un bugiardo spudorato.
Ripeto (e ormai non c'è un solo "medium" che non lo ripeta): Macron da SEMPRE si è dichiarato uno che non è di destra né di sinistra. Invece Blondet lo dà per un falso-socialista che si è toltaquella "maschera" per mettersene un'altra.
[E poi ... tutte le balle sulle primarie dei socialisti francesi e sulla presunta omosessualità di Macron ... cazzate che con la candidatura a presidente della République non c'entrano]
Ma tu consideri un buon giornalista Blondet e però, insistendo sul fatto che Macron è stato "banchiere" della Rotschild, consideri macron affiliato alla banda dei "predatori" che sarebbero le lobby bancarie.
Mettiti prima d'accordo con te stesso: Macron, per te, è un flio-capitalista, un socialista, un falso socialista ... o davvero uno indipendente, che magari ha lavorato solo per sé stesso, ma che fino ad ora non ha mai sbagliato un colpo?
Deciditi, se no come faccio a risponderti?
–––––––

Ciao Condor
Ciao ART
Ciao a tutti.

Non so quanto davvero "prima" europeo che francese (come è sembrato da certe sue posizioni, snmentite però dagli ultimi suoi interventi pubblici).
Comunque, secondo me MOLTO MEGLIO ( o, se volete MOLTO MRNO PEGGIO) Macron non solo della Le Pen, ma anche del simpatico e bizzarro [i]sinistrorso Mélenchion e dello screditato nostalgico-leninista Hamon.
–––


Ultima modifica di Erasmus il Lun Apr 24, 2017 11:08 pm, modificato 2 volte

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Condor il Dom Apr 23, 2017 9:15 pm

Erasmus ha scritto:Salto a pié pari la risposta che volevo dare a Condor.
-------------------------

Vengo ora (a modo mio) a riferirmi agli interventi di Condor.
Caro Condor, il tuo Blondet, come ho già dsetto, o è un ignorante disinformato (e allora stia al suo posto  invece di venire a sparare cazzate ... (pardon!) bufale) ) o è un bugiardo spudorato.
Ripeto (e ormai non c'è un solo "medium" che non lo ripeta): Macron da SEMPRE  si è dichiarato uno che non è di destra né di sinistra. Infece Blondet lo dà per un falso-socialista che si è tolta la  "maschera".
[E poi ... tutte le stronzate sulle primarie  dei socialisti francesi  e sulla presunta omosessualità di Macron ... cazzate che con la candidatura a presidente della République non c'entrano]
Ma tu consideri un buon giornalista Blondet e però, insistendo sul fatto che Macron è stato "banchiere" della Rotschild, consideri macron affiliato alla banda dei "predatori" che sarebbero le lobby bancarie.
Mettiti prima d'accordo con te stesso: Macron, per te, è un flio-capitalista, un socialista, un falso socialista ... o davvero uno indipendente, che magari ha lavorato solo per sé stesso, ma che fino ad ora non ha mai sbagliato un colpo?
deciditi, se no come faccio a risponderti?
–––––––

Ciao Condor
Ciao ART
Ciao a tutti.

Non so quanto davvero "prima" europeo che francese (come è sembrato da certe sue posizioni, snmentite però dagli ultimi suoi interventi pubblici).
Comunque, secondo me MOLTO MEGLIO ( o, se volete MOLTO MRNO PEGGIO) Macron non solo della Le Pen, ma anche del simpatico e bizzarro [i]sinistrorso Mélenchion e dello screditato nostalgico-leninista Hamon.
–––
Gli opportunisti non sbagliano mai, Erasmus, perché lavorano esclusivamente per se stessi. Figuriamoci, dunque, quanto possa fregarsene - l'opportunista - Macron dei francesi e dell'Europa.
Da Berlusconi in poi, in Italia, abbiamo avuto molti esempi di opportunisti: hai per caso visto qualche miglioramento per l'Italia e per la stessa Unione Europea? 
In Europa non abbiamo più bisogno di opportunisti (il discorso vale anche per la Germania) ma di persone serie e coerenti con i principi per cui si battono. Marine Le Pen sarà anche antieuropeista, ma è coerente con i propri principi e onesta nei confronti del suo elettorato.
Una eventuale sconfitta di Macron (il 7 Maggio p.v.) va vista in Europa come una richiesta di serietà professionale e intellettuale nella classe politica; di faccendieri, puttanieri e ubriaconi l'Europa ne ha avuti anche troppi, tanti, al punto da condurre l'Unione sull'orlo della disgregazione.
avatar
Condor

Messaggi : 361
Data d'iscrizione : 27.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Al primo turno ha vinto Macron. Hamon (per il PDF) ridotto al 6,2%

Messaggio Da Erasmus il Lun Apr 24, 2017 8:05 am

Risultati definitivi al primo turno delle presidenziali francesi 2017 (ieri domenica 23 aprile 2017).
Alta l'affluenza alle urne.
Alla fine Fillon entra nei primi tre scavalcando Mélanchon dato terzo dagli "exit poll" fino all'ultimo.
Fonte "Le Monde"
––>
Les résultats du premier tour de l’élection présidentielle 2017



Ultima modifica di Erasmus il Lun Apr 24, 2017 11:04 pm, modificato 1 volta

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Verci il Lun Apr 24, 2017 10:16 am

Qualcuno mi sa gentilmente spiegare, in maniera semplice, perchè la vittoria (temporanea) di Macron (seguirà ballottaggio con la Le Pen) ha fatto schizzare i titoli bancari verso l'alto? 
avatar
Verci
Admin

Messaggi : 1015
Data d'iscrizione : 30.07.13

http://areaforum.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Epoch il Lun Apr 24, 2017 4:37 pm

Verci ha scritto:Qualcuno mi sa gentilmente spiegare, in maniera semplice, perchè la vittoria (temporanea) di Macron (seguirà ballottaggio con la Le Pen) ha fatto schizzare i titoli bancari verso l'alto? 

Prova ad immaginare cosa capitava se Le Pen era in testa...
avatar
Epoch

Messaggi : 627
Data d'iscrizione : 03.12.13
Località : Valle di Susa

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Lun Apr 24, 2017 10:49 pm

Verci ha scritto:Qualcuno mi sa gentilmente spiegare, in maniera semplice, perchè la vittoria (temporanea) di Macron (seguirà ballottaggio con la Le Pen) ha fatto schizzare i titoli bancari verso l'alto? 
Non è il fatto che Macron è arrivato primo che conta, sarebbe lo stesso se fosse arrivato secondo. Importante è che c'è il ballottaggio con l'estrema destra del Front National di Marine Le Pen (come successe nel 2002, ballottaggio tra Chirac e Jean-Marie Le Pen padre di Marine).

Infatti allora l'avversario della le Pen è dato per sicuro vincitore al ballottaggio in quanto gli elettori di sinistra voteranno in massa per lui col solo scopo di sconfiggere l'estrema destra. Aggiungiamo che Fillon, ieri sera ancora prima dei risultati, accettando la sconfitta, dopo aver detto che per lui la sua sconfitta è stata una forte delusione, ha raccomandato a quanti avevano votato per lui di andare a votare al ballottaggio per sconfiggere l'estrema destra (cioè di votare Macron). Anche Hamon (candidato ufficiale dei socialisti) ancora ieri sera ha raccomandato di non astenersi dall'andare a voto tra due settimane (e di votare Macrion). Hollande si è espresso nello stesso senso stamattina, – non come socialista ma proprio come Capo di Stato – facendo capire, senza nominare la Le Pen, che la Francia è in pericolo e sarebbe una catastrofe se dovesse prevalere l'estrema destra.
Ricordo che nel 2002, a sorpresa il candidato socialista Lionel Jospin (che era stato premier di governo fino alla candidatura a presidente della repubblica) è stato scavalcato da Jean-Marie Le Pen (fondatore e leaderdel Front National, padre dell'attuale leaderm Marine LePen, ex-"poujadiste" ai tempi della IV République – cioè prima di De Gaulle –). Allora tutti i leader di partito (tranne ovviamente Le Pen), e specialmente i candidati perdenti al 1° turno (a partire da Jospin, arrivato terzo dopo Le Pen) raccomandarono di non astenersi al ballottaggio e andar a votare contro Le Pen. E così Jacques Chirac, (presidente uscente ricandidato dal Front républicain (centro-destra), che al primo turno aveva ottenuto solo un 20% scarso (contro un 17% scarso di Jean-Marie Le Pen) ottenne il record al secondo turno con 82,21% dei voti.

Insomma: si dava come sicuro fin dall'anno scorso che se, come era già allora prevedibile, la Le Pen fosse arrivata al ballottaggio, il suo avversario, chiunque fosse, avrebbe vinto perché pur di battere la Le Pen su di lui turtti gli altri leader avrebbero fatto convergere i propri elettori. Ma allora i politologi e gli opinionisti ritenevano che a fronteggiare la Le Pen al ballottaggio sarebbe stato il candidato di centro destra (che già allora era, seppur non ancora ufficialmente, François Fillon). Emmanuel Macron era ancora ministro del secondo governo Valls (socialista, amico di Hollande); e per candidarsi alla presidenza della repubblica si dimise apposta da ministro per non essere classificato "socialista" o per lo meno di "sinistra". allora nessuno dava Macron come possibile csndidato al II turno. Lui stesso in cuor suo non ci credeva. Sembra che la strategia di non schierarsi con nessun partito sia dovuta al peso della maglie sulle decisioni di Macron. In una intervista ancora (se non ricordo male) prima delle primarie socialiste (quindi prima della candidatura di un "socialista", allora pronosticato Valls ma poi uscito a sorpresa Hamon), Macron ha dichiarato che lui aveva in mente di candidarsi alla presidenza della repubblica la prossima volta, quando sarebbe stato più maturo, ma che sua moglie gli ha detto: "Perché aspettare? Devi farlo adesso, perché la prossima volta io sarò più che matura!".
[Ho appena visto che la moglie di Macron, Brigitte Trogheux, è nata il 13 aprile 1953 mentre Emmanuel Macron è nato il 21 dicembre 1977; e dunque la moglie ha quasi 25 anni più del marito. In precedenza avevo detto 20 di più, o anche 18, perché in più fonti (sia italiane che francesi) avevo trovato che la moglie ha 20 anni più del marito e in una che ne aveva 18 di più].

I titoli in borsa mediamente salgono se la situazione politicam generale europea ha prospettive di di stabilità (e quindi di bassa probabilità di imprevisti); viceversa i titoli scendono quando le prospettive sono di instabilità e quindi il futuro non è pronosticabile perché ... chissà quali imprevisti capiteranno!
–––
Cio Verci. Stasera stessa ti manderò un messaggio privato!
Ciao a tutti
––––

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Condor il Mar Apr 25, 2017 10:02 am

Verci ha scritto:Qualcuno mi sa gentilmente spiegare, in maniera semplice, perchè la vittoria (temporanea) di Macron (seguirà ballottaggio con la Le Pen) ha fatto schizzare i titoli bancari verso l'alto? 
L'unica risposta plausibile è: per influenzare il voto del 7 Maggio p.v. verso Macron.
L'altra domanda da porsi è: - chi è che ha una tale potenza economica da influire sui mercati finanziari, al punto da indirizzare la scelta politica dei popoli? -
Un esempio lo abbiamo avuto in Italia quando la finanza ha imposto la caduta di Berlusconi in favore di Monti, ricordiamo tutti lo spread come è schizzato in alto.
Sarebbe da veri ebeti pensare che comuni cittadini, con i loro modesti risparmi, possano incidere nei modi che abbiamo visto sui mercati finanziari.
E' chiaro che c'è una élite di dominio (finanziario) preposta all'allevamento e condizionamento della massa, apparentemente tutelata dal voto democratico e dall'espressione del dissenso in questo caso smorzato, per non dire represso, con il ricorso all'attenzione al mercato borsistico.
Macron ha detto che questa Europa così com'è non va, ma astutamente si è guardato bene dal dire (come ha fatto Marine Le Pen) che il problema è il mondialismo senza regole adottato anche dall'Europa.
Perché Macron non ha mai parlato di come desidera risolvere i danni prodotti in Europa dalla tecnocrazia di Bruxelles? La risposta è nella reazione dei mercati finanziari cui accennava Verci.
avatar
Condor

Messaggi : 361
Data d'iscrizione : 27.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Mar Apr 25, 2017 2:54 pm

Condor ha scritto:
Verci ha scritto:Qualcuno mi sa gentilmente spiegare, in maniera semplice, perchè la vittoria (temporanea) di Macron (seguirà ballottaggio con la Le Pen) ha fatto schizzare i titoli bancari verso l'alto? 
L'unica risposta plausibile è: per influenzare il voto del 7 Maggio p.v. verso Macron.
"Unica" secondo te. Non secondo Erasmus né secondo Epochi, che hanno detto la loro ... rispetto alla quale la tua è lo scambio tra casusa ed effetto.
In borsa ,,, non si "produce" ricchezza! In borsa "si gioca"!. Se qualcuno ci guadagna qualcun altro ci rimette. Esaminando l'andamento delle borse (fin dalla loro nascita ad oggi) si constata che mediamente (sia tra le varie borse che nel tempo) le prospettive di stabilità favoriscono medio dei titoli quotati inb borsa, mentre le prospettive di instabilità (e quindi l'impossibilità di pronosticare nel futuro a breve termine) favoriscono il calo medio dei titoli. E su questo non ci piove!
Ed è innegabile che Macron Presidente è una prospettiva di maggiore stabilità di quella di Le Pen Presidente. O no?
Io non mi sogno nemmeno di giudicare l'onestà in coscienza dei un'altra persona, nemmeno del mio più grande avversario, e nemmeno del eader politico più contrario alle mie idee e posizioni politiche.
Io giudico i fatti, non la coscienza di chi li commette.
[Se preferite, ha per me valore l'adagio cristiano di "condannare il peccato, non il peccatore"].
Constato che quel che si ripromette di fare la Le Pen (e che penso probabile farebbe davvero se diventasse lei la Presidente) è rivalorizzare quanto più possibile il "nazionalismo francese", il protezionismo, la netta distinzione della Francia (come territorio e come società civile) da ciò che francese non è o non lo è del tutto. E questo, per me, è un peccato enorme, è la strada che riporta l'Europa (come direbbe Spinelli) alle vecchie assurdità (guerre intereuropee comprese).
Caro Condor: non ti dice niente il fatto che perfino Hamon (ministro nel I governo Valls ed escluso dal II governo Valls quando ancora non spirava affatto l'aria presidenziale, e proprio per considerare Valls ed il suo entourage ben poco "socialista"), perfino Hamon che nel 2005 fiancheggiò la campagna per il NO alla "Costituzione Europea", pefino Hamon che fin da giovane è stato un "gauchiste" radicale (vicino al marxismo-leninismo, e figurati se non "anti-capitalista") abbia raccomandato di votare Macron al ballottaggio del 7 maggio?
Condor ha scritto:[...] Perché Macron non ha mai parlato di come desidera risolvere i danni prodotti in Europa dalla tecnocrazia di Bruxelles?
Eehh! Ma è froprio una "ossessione" la tua!
Macron ha parlato spesso della illusoria "sovranità" degli stati-membri dell'UE, dicendo che o la "sovranità" se la conquista l'UE come tale oppure la sovranità effettiva (già da molto perduta dagli stati nazionali membri dell'UE) è perduta per sempre.
Ecome Macron avrebbe potuto rispondere ad una domanda che lui – giustamente –non si fa?
Ti ho già detto e ridetto che a Bruxelles a comandare cìè anzitutto il "Condsiglio", ossia la congrega dei governi nazionali.
Dimmi se sei d'accordo o no su questo. Se non lo sei è inutile che continuiamo a discuterne. Ma permettimi di raccomandarti di informarti sulle strutture istituzionali dell'UE e sul loro funzionamento.
Ho già detto altre volte che io ai fantasmi non ci credo e nemmeno ci crede chi continua a blaterare di "tecnocrazia" di Bruxelles, Tecnocrazia o no, quella di Bruxlles (giusta io sbagliata, buona o cattiva) è sempre farina del sacco dei "GOVERNI NAZIONALI" dei paesi membri!
Te lo vuoi ficcare in testa una volta per tutte si o no?
Il rifiuto di ragionare quando si viene al fondo delle questioni per mantenere acriticamente le proprie fideistiche posizioni ... è fondamentalismo (pernicioso)!
Il tuo non è mica quello islamico tanto sbandierrato come principale fonte da "leghisti" cisalpini e "frontisti" transalpini. Ma è pur sempre fondamentalismo: irrazionale, tuo malgrado, essendo irriducibile a priori (o "a prescindere", come direbbe Totò).

Cia Condor.
Ciao a tutti
–––––

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Condor il Mar Apr 25, 2017 6:15 pm

Ok! Erasmus come sempre vuole istruirmi sul funzionamento delle istituzioni della UE. Egli afferma che esiste un Consiglio formato dai capi di stato e di governo della UE. Ciò che afferma Erasmus, io invece lo chiamo Coniglio con tanti coniglietti riuniti intorno a un tavolo in attesa della carotina quotidiana offerta dal loro padrone. Qualcuno, come Erasmus, penserà che il padrone del Coniglio e dei coniglietti sia il popolo europeo. Vi risulta che i popoli dell'Unione abbiano mai eletto direttamente il presidente del Consiglio della UE? A me non risulta. Si sono eletti tra loro con la supervisione del padrone (del Coniglio), che badate, quel padrone non siamo noi popolo europeo, non avendone eletto il presidente. Erasmus, apprendi!
Ma prima d'impartirmi insegnamenti sul funzionamento delle istituzioni plutocratiche di Bruxelles (dopo la vittoria al primo turno nelle elezioni francesi dell'enfant prodige Macron, d'ora in avanti sostituirò tecnocrazia con plutocrazia per dare giusta qualificazione alle istituzioni di Bruxelles), l'amico Erasmus ha tirato in ballo una fattispecie di ottimo paretiano per insegnarmi che la borsa è un gioco, dove se qualcuno ci guadagna qualcun altro ci perde. Grazie della lezione, Erasmus!
La borsa è un sistema tanto complesso che condiziona le politiche degli stati di interi continenti, ma per Erasmus è solamente un gioco.
Rimetto in gioco -parlando di giochi- la vicenda italiana del colpo di Stato bianco del 2011, ricordando a Erasmus il pesante crollo dei titoli Mediaset, nel trimestre Settembre-Novembre di quell'anno, per indurre Berlusconi a lasciare il posto all'uomo della finanza, pupillo dei Rockefeller, gradito ai plutocrati di Bruxelles. Do you remember, Erasmus?
E dopo tale reminiscenza mi si vuole far credere che le borse hanno reagito positivamente -per Macron- perché si sono constatate prospettive di stabilità! Non so per gli altri, ma per me l'età della fanciullezza, da poter credere alle favole, è trascorsa da molti decenni.
avatar
Condor

Messaggi : 361
Data d'iscrizione : 27.09.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Erasmus il Mer Apr 26, 2017 8:39 am

Condor ha scritto: Erasmus [...]. Egli afferma che esiste un Consiglio formato dai capi di stato e di governo .
No, questa volta non ho detto questo. Siccome tu hai tirato in ballo la "Tecnocrazia di Bruxelles", io ho detto:
«Ti ho già detto e ridetto che a Bruxelles a comandare c'è anzitutto il "Consiglio", ossia la congrega dei governi nazionali.».
E poi:
«Ho già detto altre volte che io ai fantasmi non ci credo e nemmeno ci crede chi continua a blaterare di "tecnocrazia" di Bruxelles. Tecnocrazia o no, quella di Bruxlles (giusta io sbagliata, buona o cattiva) è sempre farina del sacco dei "GOVERNI NAZIONALI" dei paesi membri!
Dimmi se sei d'accordo o no su questo. Se non lo sei è inutile che continuiamo a discuterne»


I capi di stato e di governo formano (che menzioni tu, ma non io) formano il "Consiglio Europeo" che a volte si riunisce a Bruxelles, ma non ha una sede precisa. Spesso si riunisce in una sede predisposta dal governo del paese membro che detiene la presidenza semestrale. Hai già dimenticato che nel presente 1° semestre del 2017 c'è già stato qualche Consiglio Europeo a Malta mentre nel 2° semestre 2016 c'è stato qualche Consiglio Europeo a Bratislava?
Se si sta parlando dell'UE, è ovvio che dicendo solo "Consiglio" non si intende Consiglio Europeo, bensì "Consiglio dell'Unione", quello composto dai ministri nazionali che in patria sono competenti nella materia in agenda, quello che una volta era detto "Consiglio dei ministri", quello che io ho appellato "congrega dei governi nazionali". Ho anche detto che "Tecnocrazia" o no, buona o cattiva, giusta o sbagliata, quel

E se intendi riprendere qualcosa da quanto ho dvritto io, per favore fallo fedelmente.
Ergo: quel che segue nel tuo discorso ... non vale come risposta.
Prima correggi dove mi metti in bocca (pardon: nella tastiera!) quello che non ho detto.
Poi riprenderemo il discorso ... ma senza svicolare, per favore.
---------------------
Se per te i capi di stato e di governo (che io questa volta non ho menzionato) sono "coniglietti" obbedienti ad un capo (che tu non dici chi è, ma ... "soprassediamo!", come dicevano Ciccio Ingrassia e Franco Franchi), perché mai questi stessi coniglietti diverrebbero invece di colpo abili statisti capaci di governare i singoli rispettivi stati mantenendone sovranità ed indipendenza nel caso che non andassero ad incontrarsi per decidere azioni comuni?
Guarda che io ai fantasma di Bruxelles in grado di incantare (o ipnotizzare?) i coniglietti) non ci credo. Tu invece credi ai fantasmi?
–––

_________________
avatar
Erasmus

Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.07.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sarà Emmanuel Macron il successore di Francois Hollande?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum